Cosi Ranieri ha cambiato la Roma


claudio_ranieri_conferenzaBravo Ranieri, anche chi non lo ha mai apprezzato fino in fondo non può non ammettere il buon lavoro fin qua svolto. Un lavoro che ha portato la Roma, dopo un inizio a dir poco disastroso, fino al quarto posto. Ma più che i punti, ovviamente fondamentali per qualsiasi squadra, quello che rende più fiduciosi è la ritrovata serenità tra i ragazzi, una compattezza di gruppo che permette di vincere anche giocando male sopperendo partita dopo partita alle molte lacune di una squadra che sembrava essersi persa per strada.

Ma come ha fatto in pochi mesi Ranieri a ridare un’identità alla squadra?
La rinascita giallorossa è partita dai “senatori” della squadra, uomini simbolo che della Roma hanno fatto e faranno la storia, Totti e De Rossi in primis, evitando cosi ai giovani brutte figure ed il rischio di bruciarsi davanti al sempre esigente tifoso giallorosso.

La seconda svolta è di natura tattica, dopo la necessaria fase di test dei giocatori, Ranieri ha provato e riprovato diversi moduli tattici.
Si è passati dal 4-2-3-1 Spallettiano al 4-4-2 e al 4-3-1-2 alla ricerca di un equilibrio che forse, finalmente, è riuscito a trovare.

Vediamo più in dettaglio i moduli utilizzati:

Il 4-4-2 è il modulo più caro a Ranieri, già dalla prima gara contro il Siena è partito con questo modulo. Sugli esterni agivano Perrotta, Taddei e Guberti. Proprio il brasiliano e l’ex del Bari non hanno mai pienamente convinto e Ranieri ha deciso di puntare ad altri schemi. Solo in occasione del Derby ha riproposto Perrotta a destra, Menez a sinistra con Vucinic e Totti davanti. Anche in questo caso però l’esperimento è durato poco, all’intervallo fuori il francese e dentro Brighi per formare il centrocampo a rombo.

Nel 4-3-1-2 si è cercata la compattenza a centrocampo. Anche Spalletti si affidava, nei momenti difficili, a questo modulo. Poco adattabile alle caratteristiche di Pizarro, il cileno è stato di fatto spostato nel ruolo di interno sinistro con De Rossi davanti alla difesa , Taddei o Brighi interno destro e Perrotta trequartista. Sicuramente la Roma cosi non crea calcio “samba” ma sicuramente ne giova la compattezza e la solidità generale della squadra-

Il 4-2-3-1 è il modulo per cui è stata creata questa squadra. Lo sappiamo noi e lo sà anche Ranieri. Non per nulla quando si è riproposto questo modulo i risultati sono stati ottimi. Davanti inamovibile Totti, dietro a lui centrale Perrotta, sulla sinistra Vucinic e sulla destra Menez.
Ultimamente la soluzione del francese è stata messa da parte forse per non sbilanciare troppo la squadra


16 commenti su “Cosi Ranieri ha cambiato la Roma”

  1. Ma finiamola!!! Lo apprezzo, non lo apprezzo…parlano i risultati…co spalletti da un anno a questa parte non facevamo piu un C A Z Z O!!!! Meglio che se ne sia andato. Basta rimpiangere il bel gioco,kissenefrega!!!! E vi dico di più. Con l’arrivo di Toni si giocherà anche peggio xk luca è un rapinatore d’area…in sintesi giocheremo la palla al fosso con toni ce si butterà su ogni pallone a due metri dalla porta. Meglio!!! E’ così che si vince! Al diavolo il bel gioco! Se si gioca bene e si vince bene, ma altrimenti meglio vincere che vedere il bel gioco. Sono i risultati che contano e ranieri porta i risultati. Quando disse “addio bel gioco” capì subito che avevamo a che fare con uno che ci avrebbe portato punti e lo dissi subito! A me interessa vincere, come è relativo.
    Grande mister Ranieri! L’inter di mancini era la più forte…giocava da schifo ma vinceva tutto, con un centravanti (ibra) che faceva reparto da solo. Davan la palla a lui e lui faceva il resto. E’ cosi che bisogna giocare con toni. Totti, menez, vucinic e pizarro creano, toni finalizza, senza troppi passaggi o trame di gioco complicate. Poco importa se siamo brutti. Meglio bruttissimi e vincenti, che il contrario!

    Rispondi
  2. La Roma di Ranieri gioca male!!
    e non credo che lo vedo solo io…
    ma il mister e stato bravo…e sicuramente un gran motivatore…e forse e questo che serviva a questa squadra…
    La Roma di Ranieri e fortunata..però vince…io amo lo spettacolo ma adesso bisogna pensare a fare punti…e Ranieri ne sta portando….continuo a non amare il gioco che da alle squadre che allena…ma finchè porta punti alla Roma mi sta più che bene…

    Rispondi
  3. Morale della favola:
    Ranieri ha provato due moduli,ha fallito clamorosamente e non sapendo che pesci pigliare ha copiato ne piu ne meno Spalletti.
    Non ci vuole chissà che genio per capirlo,basta vedere i gol(ad esempio il secondo gol al basilea è una tipica azione vista e rivista di spalletti).
    Penosa la giustificazione per i quali i giovani non si vedono quasi mai.

    Rispondi
  4. [quote comment=”125867″]….visto che adotta il modulo spallettiano o il rombo…..già utilizzato dal Mister,d’ altronde….quindi cosa ha fatto di speciale?[/quote]
    Ho saputo che adesso tifi Zenit, vero?

    Rispondi
  5. se li danno in prestito so contento… alla fine andreolli secondo te è meglio di burdisso mexes e juan?
    okaka quante volte è stato decisivo dal 1989 ke è nato fino ad oggi? escludendo il sofia in casa…

    Rispondi
  6. se andreolli gioca spesso….quando nn ci sono centrali di difesa…..cmq li vogliono dare in prestito se nn lo sai….ora la questione di bruciare i giovani vale solo per gli allenatori romani romanisti.

    Rispondi
  7. andreolli gioca spesso…cerci era infortunato ed è rientrato col sofia altrimenti prima era lui il titolare a destra nel rombo… x il resto cè scritto ke all’inizio giocavano i senatori

    “evitando cosi ai giovani brutte figure ed il rischio di bruciarsi davanti al sempre esigente tifoso giallorosso”…

    Rispondi
  8. di speciale ha rimesso a posto la difesa… e nn è poco…
    sta dando fiducia a tutti, giovani compresi(vedi anke il cambio okaka x Totti)… la mentalità nn è piu la stessa, vedi anke la partita con il sofia

    Rispondi
  9. E’ la dimostrazione che la squadra è di alta classifica e che una persona seria e di grande esperienza come ranieri(peraltro romano e romanista)può farci raggiungere mete fino a qualche mese fa impensabili.Occorre avere pazienza e non drammatizzare come facciamo spesso noi tifosi al minimo risultato negativo-E poi finiamola di insultare la gente in modo gratuito!!

    Rispondi
  10. io faccio i complimenti a Ranieri perchè ha dimostrato capacità e competenza!e ringrazio anche il signor Spalletti per averci permesso di cambiare allenatore dato che se non abbandonava la nave la signora rosetta non lo avrebbe mandato via.Come si dice presidente senza capacità di agire

    Rispondi

Lascia un commento