La Sensi ordina il silenzio, faccia a faccia a Trigoria


(NEWS A ROMA – LA SENSI CHIEDE SPIEGAZIONI, FACCIA A FACCIA A TRIGORIA – CORSPORT) – La Sensi ha ordinato subito dopo Roma-Livorno di stare tutti zitti. L’ordine è della società, arrivato direttamente da Villa Pacelli dove il presidente Rosella Sensi ha seguito con crescente nervosismo l’orribile prestazione contro il Livorno, costretta a letto dall’influenza. All’Olimpico, come sempre, si è presentata la signora Maria, accompagnata dalla sorella, la signora Nanni Fioravanti. I giocatori sono rientrati nello spogliatoio con un diavolo per capello (sempre meno rispetto ai tifosi letteralmente imbufaliti ed è difficile dargli torto). Claudio Ranieri ha parlato per qualche minuto alla squadra, facendo notare alcuni degli errori più marchiani commessi negli indecenti novanta minuti contro il Livorno. Chi c’era assicura che i toni sono stati tutto sommato tranquilli, semmai la sfuriata ci sarà stamattina a Trigoria quando è previsto un allenamento che sarà successivo, probabilmente, alla visione di un video in cui saranno sottolineati gli errori e gli orrori commessi. Ieri il tecnico ha preferito, a caldo, non mettere il dito su una piaga che si pensava fosse stata rimarginata e invece è ancora lì, più preoccupante di prima perché i quasi due mesi di gestione del tecnico di San Saba, non sembrano aver risolto i problemi congeniti della squadra. Sarà il caso nella riunione che ci sarà oggi a Trigoria, che tra le parti ci sia un chiarimento, magari pure a brutto muso, perché la situazione si sta di nuovo deteriorando in maniera che rischia di diventare irreversibile. Sarà il caso che Ranieri dica ai suoi giocatori tutto quello che deve dire, ma anche che i giocatori dicano al loro allenatore le cose che pensano non andare nel verso giusto. Solo così si può provare a rimettere la testa fuori, altrimenti è buio fitto. Nello stanzone dello spogliatoio, come sempre del resto, ieri si è presentato anche il direttore sportivo giallorosso Daniele Pradè che ha voluto dire qualche cosa alla squadra, annunciando la decisione societaria di mantenere il silenzio, “anche se non è proprio un silenzio stampa, già da domani si potrà tornare a parlare”. Difficile capire cosa sia se non è un silenzio stampa, seppure di 24 ore, quando ai giocatori viene detto di non rilasciare dichiarazioni. Stranezze della comunicazione giallorossa alla quale peraltro tutti, a cominciare dai tifosi, si sono ormai abituati. Non c’era, ieri, all’Olimpico, neppure Bruno Conti, il direttore tecnico della società giallorossa. Costretto pure lui a letto da una brutta influenza, ha seguito la partita in televisione rimanendo ovviamente sconcertato da quello che ha visto. Nessuno se lo aspettava a Trigoria. A partire proprio da Bruno Conti che all’interno del club sta vivendo un momento molto particolare. Oggi sembra proprio che sarà ufficializzato l’ingaggi di Montali come nuovo dirigente. Non si è ancora capito con che ruolo, supervisore dell’area tecnica o dirigente addetto alle risorse umane che, poi, a pensarci bene, è la stessa cosa. Le risorse umane non sono solo i giocatori, ma anche i dirigenti e i dipendenti, compreso Bruno Conti che si può definire perplesso per questa decisione della società, anche se assicurano che non andrà in contrasto con il suo ruolo. Sì, va bene, ma cosa deciderà Montali?


8 commenti su “La Sensi ordina il silenzio, faccia a faccia a Trigoria”

  1. scusate ma a ranieri ki gli farà il cazziatone? anke lui ha le sue colpe…..o lui è immune xkè nn giocavano totti e pizarro? ha sbagliato formazione e durante la partita ha sbagliato tutti i cambi

    Rispondi
  2. se tutti l influenza c hanno,ma dico almeno l’impegno de inventasse scuse credibili,ecco perche’ non c’e’ comunicazione,quando parlano escono fori solo sfonnoni

    Rispondi
  3. non voleva far parlare daniele…..Ordini il silenzio?Niente epistola oggi?Non te la puoi prendere con Rosetti oggi?Hai visto il Milan?Ha vinto pure ieri….nn aveva bisogno di Rosetti per vincere e te l’ ha dimostrato…..fai pena a tutti….pure al palazzo che ti tengono ancora li….nn ti vergogni?Fai come ieri….datti malata a vita….

    Rispondi
  4. A ROSSELLA E KE SIAMO AL MILITARE KE ORDINI IL SILENZIO???MA LA TROMBA C’E’ L’HAI???E KE AVEVI PAURA KE DICESSERO QUELLI???TE LO DICO IO:HAI PAURA KE DICANO LA VERITA’,QUESTO E’,APPUNTO HAI ORDINATO SILENZIO.LORA SPECIE DDR AVREBBERO DETTO LA VERITA’!CIOE’ KE NON HANNO RICAMBI ALL’ALTEZZA,KE SI GIOCA OGNI TRE GIORNI,CON TUTTO IL RISPETTO MA PIT AL POSTO DI TOTTI?O FATY AL POSTO DI PIZARRO?VAI A CA GARE ROSELLA.SEI SULLA BUONA STRADA DA FARTI ODIARE ANKE DAI GIOCATORI STESSI (TUOI DIPENDENTI)!!!PURTROPPO ALLO STADIO LI DOBBIAMO FISKIARE E MI DISPIACE PERKE’ PER 4 PARTITE DI SONO FATTI UN MAZZO TANTO PER RISALIRE LA KINA E TI HANNO FATTO IL PIACERTE A TE ROSSELLA LO SAI QUESTO??MA I GIOCATORI E’ KE DEVONO INCAZZARSI CON TE PERKE’ BECCANO SOLO FISKI E NEMMENO L’APPRODO IN CHAMPIONS PER ARRIVARE AL NONO POSTO IN QUESTO CAMPIONATO,LO SAI ROSELLA???NON SI PUO’ ARRIVARE DOVE DICI TU CON SOLO QUESTI 11 GIOCATORI PERKE’ NON SARANNO MAI 11 (VEDI GLI INFORTUNATI DI OGNI DOMENICA)E POI ABBIAMO UNA PANKINA SINCERAMENTE KE NON E’ DA 3 POSTO E MANCO DA QUARTO.TE LA PRENDI CON I GIOCATORI QUANDO SEI TU KE LI HAI MESSI IN QUESTE CONDIZIONI!PERKE’ NON HANNO RICAMBI ALL’ALTEZZA!!!ALLORA DICI KE SIAMO DA 7 O 8 POSTO NON KE :ABBIAMO UNA SQUADRA DA VERTICE!!

    Rispondi
  5. Perchè il silenzio? Cosa si temeva potessero dire i giocatori? Questa è una pantomima! Degna della migliore soap opera! Invece di AsRoma dovrebbe chiamarsi AsBeautiful!

    Rispondi

Lascia un commento