Per Spalletti sarà finita?

La Juve è davvero tornata. La Roma è davvero andata. E per Spalletti sarà finita? La partita della verità, infatti, ha aggiunto il quarto tassello al risorgimento bianconero, mentre la squadra di Spalletti è in piena crisi di fine impero. Quattro sconfitte di fila e un ritiro senza fine, adesso aspettando la partita di Champions League contro il Chelsea. Clausura voluta dalla società e mal digerita dai giocatori. Che però non riescono proprio a dare un segnale di vita. Linea piatta. Batte forte invece il cuore della Juve. Il «vecchio» cuore della formazione di Ranieri. Dopo Nedved, protagonista a Bologna, ecco Del Piero, trascinatore nel suo Olimpico. Insomma, usato sicuro. Mentre la Roma non ha Totti al quale aggrapparsi, costretto ancora ai box da quella maledetta infiammazione al ginocchio operato. Un calvario per lui. E per i giallorossi. Sempre alla ricerca della gara della svolta. Di una vittoria che possa fermare la caduta. Niente. Eppure contro la Juve una piccola iniziale illusione c’era stata. Con un palo colpito da Panucci che aveva fatto passare un brivido sulla schiena dei tifosi di casa. Subito dopo, però, a spaventare la Roma ci ha pensato Chiellini, lasciato tutto solo in mezzo all’area intorno: colpo di testa e straordinario riflesso di Doni. Poi sulla squadra di Spalletti si è abbattuto Del Piero. Il minuto della sua gloria è stato il 38esimo: magica punizione dai 25 metri, con lo stadio in piedi ad acclamarlo. Rete numero 11 alla Roma, 246esima con la Juve. Bottino che un attimo dopo sarebbe potuto aumentare, con una girata dentro l’area passata così vicina al palo da fare urlare al gol… Urla contro Amauri invece De Rossi all’intervallo per una caduta in area del brasiliano dopo un contatto. Una rabbia, quella del centrocampista azzurro, che tutta la squadra avrebbe dovuto riportare in campo nel secondo tempo. E invece si deve essere esaurita negli spogliatoi. Perchè la Roma della ripresa nemmeno ci ha provato a rimettersi in partita, salvandosi subito su una spettacolare rovesciata proprio di Amauri e arrendendosi poi a Marchionni. Riise e Juan saltati come birilli e tocco sotto su Doni in uscita. Arrivederci Roma. E meno male che almeno il portiere giallorosso non molla, facendosi trovare ancora reattivo su un tentativo del solito Amauri, altrimenti il risultato sarebbe potuto essere più pesante. Resta comunque la sesta sconfitta in nove partite per Spalletti e i suoi giocatori, la quinta in altrettante trasferte, con una classifica che domenica sera potrebbe essere da incubo e una qualificazione agli ottavi di Champions che martedì rischia di diventare una impresa impossibile. Le parole sono finite. La contestazione invece continua. Mentre la Juve, nel giorno del 111esimo compleanno della società, si concede il giro d’onore.

Condividi l'articolo:

19 commenti su “Per Spalletti sarà finita?”

  1. credo ke se sabato perdiamo anche a Bologna Spalletti avrà il buon senso di farsi da parte…è un professionista e credo ke si comporterà come tale in caso dell’ennesima disfatta….è una situazione terrificante…dal sogno scudetto siamo arrivati nel giro di un’estate all’incubo della serie B….

    Rispondi
  2. TANTO PER RINFRESCARE LE IDEE: SIAMO PENULTIMI IN CAMPIONATO. FUORI DALLA CHAMPIONS. C’è RIMASTA LA COPPA ITALIA! ALè!
    MA IL GRUPPO è UNITO, NON C’è NESSUN POBBLEMA. SONO UNITI! HANNO LE PALLE!
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH CONIGLI!

    Rispondi
  3. Francamente se Spalletti rimane senza squadra o va al Real Madrid non me fraga niente, basta che non ci mandi in B poi che sia bravo non ne discuto ma anche lui ha le sue colpe come quelle di non usare menez di non aver tenuto cerci, andreolli, e di non sapere cambiare modulo

    Rispondi
  4. sopratutto nn meritano i nostri soldi…ehhh pure acro il biglietto x vedè sto scempio..me li risparmio…sn tempi difficili x tutti!

    Rispondi
  5. CHE VERGOGNA. L’ORGOGLIO DI PORTARE QUEI COLORI DOV’E’?
    FATE SCHIFO TUTTI DA DONI ALL’ULTIMO GIOCATORE.
    NIENTE PIU STADIO NN MERITANO IL NOSTRO TEMPO LIBERO, LA NOSTRA PASSIONE.
    ORMAI AL POSTO DELLA RABBIA C’E’ SOLO DELUSIONE.

    Rispondi
  6. mha..spalletti è bravo…la colpa è ke nn ha giocatori d srie A! ma v prego…qnd nn fa cagate loria arriva riise…ma x pietà…menomale k doni ha evitato e soite 4 pappine…ora martedì ennesima umiliazione…ma qle finale a roma..!

    Rispondi
  7. che pena…..!!!
    un secondo tempo veramente da schifo…
    io cn tutta la stima che nutro per l allenatore..credo che lui in primis nn sappia dove andare a parare…i giocatori lo sanno…lo vedono..e nn reagiscono…

    Rispondi
  8. i senatori hanno deciso di far fuori un allenatore che non s’incazza davanti alle telecamere, ma forse s’incazza dentro lo spogliatoio.

    Rispondi
  9. ma che spalletti e spalletti, i giocatori sono quelli dell’anno scorso, solo che quest’anno hanno deciso di non giocare. ma che veramente la roma è improvvisamente diventata peggio del palemmo del genoa del catania ecc.?
    ma dai

    Rispondi
  10. Adesso Spalletti ride e scherza con Boban e Mauro, io l’ho sempre difeso, ma me sembra che non gliene freghi proprio niente de perde, Mazzone almeno se inca.. e non ce va a parla’ coi giornalisti

    Rispondi
  11. :11: sono sconcertato; a questo punto pàrlino chiaro i giocatori, si schièrino; non può il solo Spalletti fungere da parapioggia a un gruppo impresentabile e non definibile come tale; visto quanto si dice sui rapporti tra tecnico e squadra, De Rossi (non altri!) si presenti in sala stampa e dica apertamente cosa sta succedendo; perché il sospetto di fronda al tecnico all’interno dello spogliatoio ormai ha preso piede!

    Rispondi
  12. Spalletti sta a sky a dì sempre le solite cose, ma perchè non fa’ un ca de silenzio stampa? perchè continua a parlare? semo proprio i burattini dei potenti, ma io ar posto suo glie spaccherei er microfono in testa ar giornalista, invece no, famose prenne in giro!!!!!

    Rispondi

Lascia un commento