Julio Sergio: si teme per i legamenti. La rabbia di Mexes può costare cara

Rassegna Stampa – Il Messaggero – La rabbia di Mexes e il pianto di Julio Sergio, immagini forti della ripresa della gara di Brescia. Perché non finiscono nell´occhio delle telecamere e quindi in quelli dei telespettatori solo gli orrori del quartetto sfasato, l´arbitro Carmine Russo di Nola e i suoi scudieri Roberto Romagnoli, Stefano Ayroldi e Andrea Romeo. In primo piano ci sono le reazioni del difensore francese e del portiere brasiliano, i due più colpiti dalle decisioni del direttore di gara e dei suoi tre collaboratori. Entrambi, due titolari, salteranno per motivi opposti, anche se sempre riconducibili alle ingiustizie della Russo & c., la nuova sfida con l´Inter, sabato sera all´Olimpico. Mexes sarà squalificato, anche se la Roma, attraverso il suo direttore sportivo Daniele Pradè, ha già chiesto che non sia fermato. La sua reazione, però, è stata a lungo inquadrata dalle telecamere durante la diretta tv. Il francese ha prima protestato in modo plateale con l´arbitro Russo, ma quando ha capito che a segnalare il suo fallo, tra l´altro fuori area, era stato l´assistente Ayroldi, è andato da quest´ultimo. E lì, ricordandogli che aveva colpito il pallone proprio sotto i suoi occhi, ha esagerato con le parole e gli atteggiamenti. Sono stati i compagni a spingerlo via dalla linea di fondo campo, dove il difensore aveva tentato di aggredire, almeno verbalmente, Ayroldi. Ma l´uscita dal terreno di gioco di Mexes prevede anche un´altra puntata. Il francese si ferma, in mezzo alle due panchine, e cerca il quarto uomo Romeo. Lo affronta, alzando la voce. Lo spingono via anche da lì. Il francese, però, non si tiene. Prima di rientrare nel tunnel degli spogliatoi, tira un calcione a un cartellone pubblicitario e alla parte bassa di una telecamera e incassa i fischi del pubblico del Rigamonti. Dal diciassettesimo al quarantasettesimo: ecco che le telecamere tornano nell´area giallorossa. Julio Sergio ha appena ricevuto le cure del dottor Pengue, dopo il fallo su Eder (con tanto di ammonizione) quasi a centrocampo. Il brasiliano torna in porta, ma non sta in piedi. Si accascia vicino al palo. Piange, seduto. La Roma, di fatto, finisce in nove. Adriano, di testa, sta per pareggiare. Gli obiettivi si spostano su un altro portiere: Sereni garantisce al Brescia il terzo di fila. Ma subito l´inquadratura torna su Julio Sergio che, finita la partita, resta lì. Non ce la fa a lasciare il campo. E´ in lacrime e lo vanno a recuperare. Lo sorreggono sin dentro lo spogliatoio giallorosso. La benda non tiene la caviglia, a quanto pare è saltato il legamento. Non ci sarà con l´Inter e chissà per quanto tempo. Stamattina gli accertamenti, le prime impressioni parlano di lesione dei legamenti o di possibile frattura della caviglia (è tornato a Roma reggendosi sulle stampelle). Sembra destino che contro i campioni d´Italia, come il 21 agosto nella Supercoppa Italia, debba toccare a Lobont, il gatto romeno, deludente nella notte di San Siro. Ma c´è sempre Doni: l´ex titolare ci può stare bene nella Roma brasiliana vista ieri sera (nella ripresa, cinque su dieci), orgogliosa e tecnica alla ricerca di un pari che non è arrivato solo perché gli avversari era in abbondante superiorità numerica (da contare anche il quartetto inviato da Braschi). Ranieri, per la gara di sabato sera contro l´Inter all´Olimpico, almeno recupererà De Rossi, Castellini, Totti, Okaka e ovviamente Nicolas Burdisso che ha scontato le due giornate di squalifica. Da verificare, invece, le condizioni di Taddei e di Riise (per il norvegese nuovi accertamenti).

Condividi l'articolo:

25 commenti su “Julio Sergio: si teme per i legamenti. La rabbia di Mexes può costare cara”

  1. Vedere un uomo di quasi 40 piangere di dolore e rimanere in campo forzatamente mi ha fatto stare malissimo. Sono scoppiato a piangere anche io con lui. Questa è una di quelle cose che gridano VENDETTA. Me ne frego delle squalifiche, me ne frego di essere chiamato finto tifoso, ma alla prossima che vedo uno tra Sconcerti, Ayroldi, Russo e gli altri colpevoli, sono botte alla cieca.

    Rispondi
  2. Sconcerti se meriterebbe una crocca in bocca de quelle che lo fanno smette de parlà.. vabbè ma poi tifa Fiorentina poraccio, è frustrato da una vita, con l’unico attaccante fenomenale che hanno avuto non c’hanno fatto niente e quando ce lo siamo comprato noi c’abbiamo vinto lo Scudetto.. poraccio Sconcerti..

    Rispondi
  3. RAGAZZI ESCO DALLA RIGHE UN ATTIMO: TEMO CHE UNICREDIT BERLUSCONI GALLIANI VOGLIANO PILOTARE LA CESSIONE DELLA ROMA VERSO PERSONAGGI ALLA CIARRAPICO COME ANGELUCCI SE NON PEGGIO PER FARCI RESTARE ROMETTA… COSA POSSIAMO FARE PER FERMARE QUESTA LOSCA MANOVRA?

    Rispondi
  4. anzi che mexes non ha accoppato russo, il guardalinee e il quarto uomo! La reazione cosi l’avrebbe avuta anche il giudice sportivo (se fosse stato al posto di mexes). perchè possono usare le immagini televisive per squalificare gente e non le usano per allontanare per verificare glie rrori arbitrali e prendere provvedimenti?

    misteri.

    senza parole-

    Rispondi
  5. Sconcerti ha criticato l’operato della società perchè la Roma ha comprato due centravanti.Se le cosiddette grandi hanno quattro centravanti a testa nessuno trova da ridire! E’ proprio una persecuzione nei nostri confronti!Ci odiano perchè con pochi mezzi mettiamo ogni anno in fila le società potenti;come sono sicuro faremo anche quest’anno!!

    Rispondi
  6. io l’ho letto ieri sera …sconcerti ha detto riferito a J.Sergio poverino ,o qualcosa tipo il bambino si e’ fatto male poverino

    Rispondi
    • quello poteva risparmiarsela…un giornalista si dovrebbe limitare a descrivere la partita non a certi sarcasmi, specialmente se è in diretta televisiva

      Rispondi
    • Ma del resto? Commenti alla gara? Vabbè che basta questo, vorrei vedere lui con una distorsione, o, ancora peggio, con i legamenti rotti, se non urla dal dolore appena poggia il piede per terra, animale!

      Rispondi
  7. Se hanno un minimo di decenza è anche troppo se gli danno una giornata a Mexes, bah, già sto nervoso, poi ho letto pure su un altro sito ROMANISTA che Mexes commette fallo, e ne sono convinti (dicono pure abbia giocato male quando non è assolutamente vero)… Dopo questa le ho sentite tutte, non mi è mai successo di essere nervoso per una partita di calcio, me ne frega sempre relativamente, ma dopo quello successo ieri sera sono nero.

    Rispondi
  8. Dai ragazzi non disperiamo, tanto è inutile è andata così, però finalmente ho visto una Roma determinata, possiamo dire che abbiamo meritato, abbiamo pagato caro sul primo gol.

    Rispondi
  9. difficile essere calmi…ma una castagna in faccia uno come ayroldi se la meritava….pensando a J.Sergio e il commento di Sconcerti…..&%¤#¤#!”#¤%&/(

    Rispondi

Lascia un commento