La verità di Ranieri

FORZA-ROMA.COM ( Stefano Mattei) – Oggi due cose mi hanno emozionato “giornalisticamente”, l’articolo di Manuel Chiodo “Non si vive di sola fantasia” e la dichiarazione di Ranieri.

Ho sempre creduto che la razionalità sia la base delle scelte, di qualsiasi tipo di scelta, ma spesso sono le emozioni a definire quello che realmente vogliamo. Quello che ho compreso oggi, seguendo le parole di Ranieri è la mia passione per la Roma e la stima che ho verso il nostro allenatore, che vinca, che perda, non importa.

Molti saranno stati colpiti dalle dichiarazioni sugli “attributi” della squadra, quello secondo me più interessante, è invece quello che ha detto sulla realtà delle cose.

Questo era proprio la sostanza dell’articolo di Manuel Chiodo, che i giornalisti o meglio, i finti giornalisti, purché si venda, ne dicono tante, dimenticando l’elemento più importante, i fatti, ed è quello che ha provato a esprimere Ranieri nel suo discorso, la realtà, il suo impegno e il suo amore per la squadra.

L’oggettività forse è un mito, perché le diverse opinioni, portando a rendere tutto molto relativo, questo insegna il giornalismo, ognuno pretende di avere ragione, ma l’impegno è proprio nel cercare di attenersi il più possibile a quello che veramente succede, la ricerca della verità deve essere l’unica fede del giornalista. Spesso molti dimenticano questo, nascondendosi dietro la falsità e spesso per vendere al mercato, cosa ancora più triste. Molti hanno preso per esempio Mourinho, dicendo che è un vincente, che si vince solo se si è delle Tdc, per me, e questa è un opinione, Mourinho è un grande comunicatore, ma anche un egocentrico, un amante delle sceneggiate e un provocatore di bassa lega. Potrà anche vincere, ma la vittoria non è l’unico presupposto per essere un grande uomo. A me questo colpisce di Ranieri e per questo secondo me lui sarà sempre un vincente, per la sua grande umanità e non affiderei nessun altro la mia squadra, perché so che è anche la sua, la sua veramente. Su questa vicenda esiste un’ unica verità, abbiamo perso alcune partite e commesso degli errori, poi ciascuno può avere la sua opinione, secondo me non si condanna un allenatore per così poco. Un geniale tifoso ha commentato un mio articolo in cui scrivevo di non darsi all’isteria, dicendo “mejo lasciasse annà all’osteria che all’isteria almeno se divertimo”, questa è Roma. Sembra una cavolata mettere un esempio come questo, ma penso sia significativo, perché in Ranieri rivedo queste qualità umane, che sono “da Roma e Roma”, che forse solo Mazzone, in un altro modo certo, poteva regalarci. Se qualcuno pensa che lo scopo del gioco sia solo vincere e tifare la Roma non sia romantico, può sempre scegliere il Real Madrid e comprarsi pure Stokausen. Quando perdiamo come molti di voi sto male, quasi fisicamente, ma non dimentico mai che  secondo me lo scopo del gioco è provare a vincere, ma rimanendo se stessi, coscienti della propria identità. Io la mia scelta l’ho fatta e con il cuore stavolta, oltre che con la ragione, senza dubbio molti avranno un opinione diversa della mia e mi criticheranno aspramente e l’accetto, ma lo ripeto, io ho scelto, lo so, lo sento dentro, io sto con Ranieri e con la Roma.. e voi?

Condividi l'articolo:

18 commenti su “La verità di Ranieri”

  1. Le vittorie non sono solo le champions…Ranieri ha allenato chelsea, valencia, juventus….il pelatoha allenato venezia, sampdoria e ora sta in russia…inutile parlare ancora di quello che si guardava l’ uccello quando stava in panchina…piuttosto io direi di cacciare a calci quella sega di Mexes…

    Rispondi
  2. mi dispiace ma a me ranieri nn mi è mai piaciuto come allenatore, tanto di cappello x quello che ha fatto l’anno scorso ma a me nn mi ha mai entusiasmato più di tanto, troppo difensivista, la partita contro il bayern è stata quella che ha aumentato la mia opinione negativa su ranieri, vedere una squadra come la roma che ha nel suo dna quello di giocare all’attacco arroccarsi in difesa facendo un catenaccio mi ha lasciato perplesso e amareggiato, è normale che hai perso, se ti chiudi in difesa x 30 min. contro un squadra come il bayern che ha individualità straordinarie, singoli come schweinsteiger,klose,gomez,muller…….è scontatato che prima o poi il gol lo prendi……anche ieri contro il bologna ci siamo nuovamente tagliati le gambe da soli andando a perdere punti preziosi in maniera assurda xkè ci siamo deconcetrati, tti gli anni sempre lo stesso problema, non si può!!!!!!………….ragazzi io c’ho ancora negli occhi la roma che è andata a sbancare la “GERLAND” di lione, che ha dato una lezione di calcio al real al BERNABEU, che ha rifilato 3 palloni al chelsea all’olimpico………rivoglio spalletti!!!!!!che spettacolo veder giocare quella roma, ci faceva arrabbiare pure lei eh, però che roma che era ragazzi, che spettacolo quando giocava!!!…………sempre e solo forza roma!!!!!!!

    Rispondi
  3. mi viene da piangere!Ranieri vincente e umano?cos’altro deve fare quest’uomo per essere criticato?Io sto con la Roma e non con lui e per il bene della Roma, spero che venga cacciato al più presto.In questa conferenza ha mostrato arroganza e presunzione….dire che ha vinto, quando nn è vero è da rinchiuderlo e nn farlo più uscire…..Poi si ricorda Mazzoni….Povera la mia Roma, ma in che mani ti hanno messo?

    Rispondi
      • beh il coraggio serve.. è un limite sottile.. tra coraggio e tdc.. però ho capito che intendi..l’ideale sarebbe essere coraggiosi rimanendo umani.. però anche se oggi finita la partita anche io ero superdeluso.. ci credo ancora..nel coraggio di ranieri.. certo anche un po’ di dea bendata non farebbe male..

  4. Penso che il fisico non c’è per l’età e per l’allenamento.I soldi che guadagnano li spendono per mangiare e non poco:
    Adriano,Totti,Perrotta,Borriello…

    Qui tocca fa gli atleti professionisti e non le statuine con la pansa…
    Io avrei un’idea per una forse soluzione a questo problema,prima però vi dico che D’Alessandro che abbiamo ceduto mi sembra in prestito speriamo,corre come un treno ho sentito…
    1°RITIRO IMMEDIATO.
    ALLENAMENTO:AUMENTARE IL FIATO,cercare di correre almeno per 30 minuti di seguito,arrivare a correre per 20 giri di campo di seguito senza fermarsi.Cercare di arrivare ad un fiato cosi facendo che con le interruzioni di partita si possano fare tutti e 90 minuti(Attualmente nessuno in grado di fare 90 minuti fatti bene).Allenarsi nel TIRO DALLA LUNGA DISTANZA,TUTTI I GIOCATORI DEVONO SAPER TIRARE DA 30 METRI,DI DESTRO,DI SINISTRO,DI TESTA,DI COLLO PIEDE,DI PUNTA,SU RIGORE,SU PUNIZIONE,I PASSAGGI ALLA SWEINSTEIGER DEL BAYERN(Attualmente nessuno o solo Totti sa tirare da lontano). ALLENAMENTO SULLA VELOCITA’,AUMENTARE LA VELOCITA’ DEI GIOCATORI(Attualmente solo Menez e Rosi corrono).
    2°DIETA SERRATA PER QUESTI GIOCATORI:
    ADRIANO,TOTTI,BORRIELLO,PERROTTA,PER CORRERE BISOGNA AVERE ANCHE IL FISICO PER CORRERE VELOCE ALLA MENEZ,TOTTI AVRA’ PURE GLI ACCIACCHI,MA HA ANCHE QUELLO CHE HA ADRIANO,DIMAGRIRE PER RIMANERE IN SERIE A.
    PROFESSIONISTI!…NON MAGNONI…
    3°FORMAZIONE MIGLIORE
    3-2-1-3-1
    8 IN DIFESA E DUE AL CENTROCAMPO (TOTTI O BORIELLO)QUANDO SI SUBISCONO LE AZIONI,6 GIOCATORI O PIU’ QUANDO SI FANNO LE AZIONI.
    JULIO SERGIO
    MEXES-N.BURDISSO-JUAN
    ROSI————RIISE
    DE ROSSI O BRIGHI(SE DE ROSSI SI IMPEGNA BENE SENNO’ TRIBUNA)
    MENEZ-SIMPLICIO-VUCINIC
    TOTTI

    SE VUCINIC NON SI IMPEGNA:
    SE STA MALE LO DICESSE E COSI NON GIOCA DA SUBITO E NON CI FA PERDERE.
    SE NON GLIE VA DI IMPEGNASSE SE NE PO STA PURE A CASA.
    ALTRIMENTI MENEZ DOVE STA VUCINIC E CASSETTI DOVE STA MENEZ.
    SE POI UNO FA UNA FORMAZIONE COSI,GLI ALLENA COSI E I GIOCATORI NON SI IMPEGNANO E’ UN CONTO,ALTRIMENTI E’ COLPA DI TUTTI.
    TOCCA ALLENARSI IN TUTTO E PER TUTTO,TIRI CROSS,RIGORI E PUNIZIONI,L’ULTIMA PUNIZIONE DI TOTTI SULLA BARRIERA,SE C’ERA ALEX DEL PIERO LI…

    Rispondi
  5. ho capito che per te un allenatore romano che ti allena la roma squadra e città per cui tifi è il top del top però con queste dichiarazioni non fai il bene di tutti i tifosi giallorossi ma solo dei tifosi che son nati e cresciuti a roma io son napoletano e vivo a monza e ti dico che son 30 anni che tifo roma subbendomi non so quante critiche, ma ho le palle per affrontarli a tutti anche quando ci fu un famoso roma-juve del 2004 che per vari motivi andai a vederla in un juve club. io non tifo roma perchè amo i tifosi della roma così come non tifo napoli perchè ci son nato io tifo la maglia e non gli allenatori mi spiace ma io questo articolo non lo condivido proprio. sono aperte le critiche

    Rispondi
    • beh non intendo solo quello.. parlo di “romanità”.. anche come buon senso, umorismo.. qualità umane.. cosa che può essere apprezzata da napoletani, romani o milanesi.. e che ranieri sia un TIFOSO oltre che allenatore.. questo.. mi piace..cosa che gli da anche più attaccamento e inoltre il suo essere di roma gli fa capire l’ambiente.. ma ripeto sono opinioni.. e accetto certamente anche le vostre critiche (che mi aspettavo).. e opinioni diverse..

      Rispondi
  6. il fatto di essere un tdc sportivamente perchè ieri ho scritto io che per essere vincenti bisogna anche essere tdc è riferito solo al fatto che certe volte bisogna prendere delle decisioni impopolari e mettere dei big anche in tribuna se necessario poi questa è un opinione come la tua del resto la verità è che se la dea bendata sta dalla tua parte vinci

    Rispondi

Lascia un commento