Doni: “Basta bugie, ora parlo io..”

Rivista Romanista – “Eccomi, finalmente riesco a stare un attimo tranquillo, ho appena portato mio figlio alla
scuola calcio, qui a Riberao Preto, la mia terra. E ora sono pronto. Va bene, facciamo l’intervista, così finalmente posso raccontare la mia versione su molte cose accadute quest’anno”. Donièber Alexander Marangon, per tutti semplicemente Doni, non si tira indietro. Di cose ne ha parecchie da dire e stavolta le tira fuori tutte, facendo chiarezza su una stagione che ha vissuto su due piani distinti: quello che accadeva a Trigoria e quello che usciva all’esterno. E tutto quello che lo riguardava usciva in una forma che attraverso
questa intervista esclusiva Doni adesso contesta. Non lo dice espressamente per orgoglio, ma sembra far intendere che qualcuno abbia tramato contro di lui, per metterlo in cattiva luce in un momento di difficoltà, con qualche compiacenza interna. Dopo la delusione mondiale è in vacanza in Brasile, non sa ancora se la prossima stagione giocherà con la Roma o altrove. Qualche squadra si è interessata a lui, ma nessuna è andata sul concreto. Se n’è interessato anche Franco Baldini, una strada poteva portarlo in gran segreto al Chelsea, ma non se n’è fatto più niente.

Al telefono la voce risuona squillante. È appena finita Olanda-Uruguay, i vostri killer sono arrivati fino in fondo.
“La semifinale non l’ho vista. Trascorro poco tempo in Brasile e quando ci sto ho sempre mille impegni da sbrigare. L’Olanda è una buona squadra, ma io resto convinto che il Brasile sia più forte. Abbiamo sbagliato un tempo, il secondo. E siamo fuori. Che rabbia”.

Sembra il destino della Roma. La partita con la Sampdoria somiglia un po’ a Brasile-Olanda.
“È vero, nel primo tempo vai in vantaggio e hai diverse occasioni per raddoppiare, sembra tutto a posto, gli avversari non si vedono nemmeno. Poi dopo l’intervallo cambia tutto. È il calcio, capita”.

Viste le immagini del vostro rientro in patria, i vostri connazionali sembravano molto arrabbiati.
“Io ho visto solo tanta gente dispiaciuta, in realtà ci hanno appoggiato tutti. Conoscono il nostro valore, i nostri tifosi sanno che abbiamo dato il massimo. A me dispiace soprattutto per il gruppo, c’era una grandissima
unione tra noi. Peccato”.

Dunga ha creduto in te fino in fondo e ti ha convocato nonostante la stagione incerta che hai vissuto. Ora non è più il ct del Brasile.
“Da noi è normale così, se sbagli un mondiale vai a casa. Mi dispiace, certo, è un bravo allenatore e una grande persona. Sono sempre stato tranquillo riguardo la mia convocazione. Dunga aveva sempre detto che avrebbe portato ai mondiali il gruppo formato in questi quattro anni e così ha fatto”.

La Roma torna in ritiro senza di te, a tutt’oggi sei un giocatore della Roma. Dopo le vacanze torni a Trigoria?
“Certo, non ho saputo niente, della Roma non mi ha chiamato nessuno. Fino a prova contraria sono un giocatore della Roma, dopo le vacanze torno per mettermi a disposizione di Ranieri. Voglio tornare a lottare per un posto in squadra”.

La tua carriera ha vissuto di alti e bassi e l’ultima è stata la tua peggiore stagione con la maglia della Roma. Che cosa è andato storto?
“Mah, per me è stato un anno normale, solo ad ottobre sono guarito, ma quando torni ci vuole un po’ per ritrovare la miglior condizione, era pure cambiato l’allenatore che ha cercato subito di ritrovare i risultati e per fortuna nostra è riuscito pure a trovarli. Io ho giocato pochissimo, sette partite in totale in campionato, senza
continuità, è difficile così trovare la forma migliore. Quando sono stato bene penso di aver mostrato il mio valore, quest’anno non sono mai riuscito a farlo”.

Facciamo un po’ d’ordine. Il cambio d’allenatore ha indubbiamente cambiato le tue prospettive. Con Spalletti eri indiscutibilmente il titolare, con Ranieri non è stato così.
“Con Spalletti ormai c’era feeling, quando è arrivato Ranieri non ero disponibile perché infortunato, e poi non ci conoscevamo, il rapporto era tutto da costruire. Ma nonostante tutto quello che s’è detto non ho mai litigato con lui”.

Litigato magari no, ma di discussioni ce ne sono state parecchie.
“Sono qui apposta, parliamone. Risponderò a tutte le domande”.

Intanto cominciamo dalla sostanza: tutti sanno a Trigoria che ci sei rimasto male quando non sei stato considerato buono neanche per la coppa Italia o la Europa League. Ma Julio Sergio si era guadagnato la fiducia dell’allenatore.
“Diciamo che mi aspettavo di giocare in quelle altre competizioni. Fino a quest’anno è sempre stato così. Per le coppe almeno si poteva fare un po’ d’alternanza”.

Non sempre. Ma, insomma, ti sei arrabbiato?
“No, arrabbiato mai. M’è dispiaciuto non aver avuto la possibilità di giocare con continuità. Speravo di giocare almeno in Europa League e niente, e poi in Coppa Italia e niente. Ma conosco i ruoli, l’allenatore decide, il giocatore deve adeguarsi. Io l’ho fatto. Il problema semmai è che non ero abituato alla panchina, e l’ho
scontato”.

Che significa?
“Ad Atene, per esempio. Non c’ero con la testa. Ho sbagliato, e con Ranieri poi ne abbiamo parlato. Mi ha rimproverato perché non mi sono fatto trovare pronto. Aveva ragione. Devo imparare a stare in panchina, gliel’ho detto anche a lui, non ero abituato. Per me è fondamentale la concentrazione che mi garantisce il fatto di giocare titolare. Se vado in panchina non riesco a concentrarmi. È successo anche in coppa Italia.
Non riesco. O meglio, non riuscivo. Poi ho provato a lavorare su questo. L’ho promesso anche a Ranieri: non succederà mai più”.

Un altro episodio poco piacevole c’è stato alla vigilia della partita con l’Inter: non eri convocato per infortunio, ma poi sei andato in Nazionale e stavi bene.
“Anche questo episodio ci tengo a chiarirlo, una volta per tutte. Era novembre, non stavo bene in quel
periodo, in una partita precedente avevo preso una botta alla schiena, non ero al meglio, insomma. E
in allenamento avevo un po’ di difficoltà, non volevo forzare. Così Pellizzaro, d’accordo con Ranieri, mi ha chiesto di provare a calciare. Ho provato, ma sentivo dolore, e ho smesso. Sono rientrato negli spogliatoi convinto di essere comunque inserito nell’elenco dei convocati per la partita. E invece non c’ero. Ne ho preso atto”.

E sei andato in Nazionale.
“Ranieri mi chiese di rimanere e di non andare in nazionale, io ho risposto che invece avrei preferito andare e farmi visitare. Erano otto mesi che non andavo in nazionale, non volevo fare un torto a nessuno. Mi sembrava logico andare e farmi visitare, e semmai rientrare. Su questo avevamo idee diverse. Poi Bruno Conti e Daniele
Pradè hanno parlato con Rosella e mi hanno autorizzato ad andare. Senza nessun litigio. Invece sui giornali ho letto di tutto, che me n’ero andato sbattendo la pettorina in terra, che ero partito senza autorizzazione. Poi il medico della Nazionale brasiliana mi ha detto che avrei potuto curarmi con loro e così sono rimasto”.

In quel periodo andava di moda dire che voi brasiliani snobbavate la Roma ma per la Seleçao eravate sempre pronti. Tu e Juan sullo stesso piano.
“La gente fa presto a dimenticare la realtà, ma io non ho mai voluto andar dietro alla fantasia di chi strumentalmente metteva in giro queste voci”.

In fondo l’anno prima avevi giocato un’intera stagione con un buco nel ginocchio.
“L’hai ricordato tu, ma io non penso di aver fatto sacrifici. Eravamo in un momento importante, avevamo il sogno della finale di Champions a Roma, tirarmi indietro mi sembrava da vigliacchi, ho stretto i denti”.

Pentito?
“Col senno di poi ho capito che a volte è meglio curarsi e rientrare solo quando si sta bene. Così ho fatto successivamente”.

Per questo a fine stagione non hai più giocato?
“Non stavo bene, inutile rischiare. Avevo male alle spalla, mi allenavo sul dolore, mi buttavo e sentivo male. Ora preferisco guarire”.

Ranieri sembrava non gradire.
“Domandatelo a lui, io ora se ho dolore cerco di guarire”.

Alti e bassi: col Chievo non ci hai pensato un attimo a sacrificarti per non far prendere alla Roma il gol del pareggio.
“Esatto, non ci ho pensato un attimo, era il bene della squadra. Qualche amico mi ha rimproverato, mi ha detto che dovevo pensare al mio bene, era importante in quel momento ritrovare un po’ di continuità, ma io non ragiono così. Per me la mia squadra viene prima di tutto”.

E quando ti sei rifiutato di riscaldarti con Julio Sergio?
“Questa è un’altra bugia fatta circolare da gente interessata”.

Racconta.
“Quel giorno (era col Bari, la partita successiva a quella con l’Inter, ndr) ero in panchina a cambiarmi, ho chiesto a Pellizzaro se avesse bisogno di me per il riscaldamento, mi ha detto che non era fondamentale,
e sono rimasto dov’ero”.

Ammetterai, non è il massimo.
“Ma ho chiesto a lui, non ho deciso da solo”.

E Ranieri?
“S’è arrabbiato. “Una cosa così non mi è mai successa”, mi disse. E io risposi di aver chiesto a Pellizzaro, che poteva arrabbiarsi con lui. Ma lui fu inflessibile: “Ma tu queste cose non devi neanche chiederle”. “Allora chiedo scusa”. E non è mai più successo”.

Che hai contro Julio Sergio?
“Niente, semplicemente non siamo amici. O meglio, sul campo lo siamo. I miei compagni per me sono tutti amici. Fuori dal campo scelgo le persone con cui vado a cena. E vi assicuro che in ogni gruppo è così”.

Su Rivista Romanista abbiamo scritto (in un pezzo di Ugo Trani) che ci sei rimasto male per un’intervista rilasciata da Julio alla Gazzetta.
“È vero, e quando si dicono bugie io sono triste. Te lo dico sinceramente e credimi, perché queste cose non le ho mai dette a nessuno. Ma leggere che io facevo la panchina a lui anche in Brasile è una bugia. Però non ci ho litigato neanche dopo questo episodio. Non posso mettermi a smentire tutto quello che esce”.

È vero che un bravo portiere dev’essere anche fortunato?
“La fortuna fa parte del nostro mestiere. A volte puoi non essere in forma, ma la squadra sta bene e nessuno se ne accorge, oppure è il contrario. È il nostro mestiere”.

Tornerai a Roma a fine mese?
“Sì, ho bisogno di fare un po’ di vacanze, poi torno”.

Per restare?
“Credo di sì, non ho avuto notizie diverse. A me piacerebbe giocare, forse altrove avrei maggiori garanzie,
ma dipende dalla Roma”.

E se dovrai restare?
“Sono pronto a lavorare al meglio delle mie possibilità. Mi metterò a disposizione di Ranieri. Ho una carriera ancora davanti”.

76 pensieri su “Doni: “Basta bugie, ora parlo io..”

  1. scusami hai per caso una qualche parentela con DONIEBER ALEXANDER MARANGON,conosciuto come DONI..?!! nn mi sembra un appellativo offensivo..detto questo;il fatto che sia il secondo della nazionale brasiliana per me conta praticamente zero,aggiungi il fatto che nn credo sia una grandissima persona,(parere personalissimo..),preferirei nn vederlo più con la maglia della roma,tutto qui…se poi aver disputato un mondiale,tra l’altro pessimo e senza aver giocato,mi dovrebbe far cambiare idea ti dico NO!! la conferma di tutto ciò te la da il fatto che il ragazzo nn ha praticamente mercato,e se dovesse andare via sarà per pochi spicci..  

    comunque è il terzo…xkè il secondo è gomes!

  2. Guido ti ricordo che il tizio si chiama Doni ed e’ il 2° della Nazionale Brasiliana  

    scusami hai per caso una qualche parentela con DONIEBER ALEXANDER MARANGON,conosciuto come DONI..?!! nn mi sembra un appellativo offensivo..detto questo;il fatto che sia il secondo della nazionale brasiliana per me conta praticamente zero,aggiungi il fatto che nn credo sia una grandissima persona,(parere personalissimo..),preferirei nn vederlo più con la maglia della roma,tutto qui…se poi aver disputato un mondiale,tra l’altro pessimo e senza aver giocato,mi dovrebbe far cambiare idea ti dico NO!! la conferma di tutto ciò te la da il fatto che il ragazzo nn ha praticamente mercato,e se dovesse andare via sarà per pochi spicci..

  3. La nazionale brasiliana che ha fatto una splendida figura ai mondiali…….! 😕 Speriamo solo di monetizzare quanto prima e soprattutto liberarci da stipendi onerosi in fondo non ci è costato nulla

  4. guarda ti dico…nn hai torto,ma un conto è nn uscire,e un conto è uscire male perchè si calcola MALE la traiettoria del pallone,è ancora più grave,questo è il caso di doni..io considero julio meglio di doni nn perchè julio sia un fenomeno,ma perchè doni è secondo me uno dei giocatori più sopravvalutati che io abbia mai visto,uno dei pochi errori di questa società,un contratto sontuoso a questo signore,che a mio avviso può giocare titolare solo in squadre di medio-bassa classifica  

    Perfettamente d’accordo! Bisognerebbe venderlo ora che e’ il secondo portiere della nazionale brasiliana. C’e’ un’alta probabilita’ che il prossimo selezionatore si renda conto delle sue reali qualita’.
    Julio Sergio ha dei limiti, ma almeno nel complesso da l’idea di essere un portiere.

  5. aggiungo una cosa…una grande squadra parte sempre da un grande portiere,se da un anno e più nn riusciamo a liberarci di questo tizio un motivo ci sarà….

  6. ti quoto pienamente
    e se anche considero Julio strepitoso tra i pali, il fatto che non esca MAI è un limite altrettanto strepitoso  

    guarda ti dico…nn hai torto,ma un conto è nn uscire,e un conto è uscire male perchè si calcola MALE la traiettoria del pallone,è ancora più grave,questo è il caso di doni..io considero julio meglio di doni nn perchè julio sia un fenomeno,ma perchè doni è secondo me uno dei giocatori più sopravvalutati che io abbia mai visto,uno dei pochi errori di questa società,un contratto sontuoso a questo signore,che a mio avviso può giocare titolare solo in squadre di medio-bassa classifica

  7. quello che secondo me si fa fatica a capire è questo..il portiere è un ruolo particolare,se hai dei limiti tecnici,non puoi sopperire con altre qualità,tipo la grinta la personalità o cose di questo tipo,questo può accadere in altri ruoli,ma nn in porta,e dato che lui è un classe 79 i margini di miglioramento sono prossimi allo 0..!!fatta questa considerazione,e considerando che i limiti di questo giocatore sono palesi,per me può anche rescindere il contratto!  

    ti quoto pienamente
    e se anche considero Julio strepitoso tra i pali, il fatto che non esca MAI è un limite altrettanto strepitoso

  8. “…Doni ha giocato per un’intera stagione con un ginocchio bucato perchè quando si girava verso la panchina vedeva quella sagoma inquietante di Artur…”
    😆 😆 😆

  9. quello che secondo me si fa fatica a capire è questo..il portiere è un ruolo particolare,se hai dei limiti tecnici,non puoi sopperire con altre qualità,tipo la grinta la personalità o cose di questo tipo,questo può accadere in altri ruoli,ma nn in porta,e dato che lui è un classe 79 i margini di miglioramento sono prossimi allo 0..!!fatta questa considerazione,e considerando che i limiti di questo giocatore sono palesi,per me può anche rescindere il contratto!

  10. Incredibile, leggo certe cose che da tifosi della Roma non mi sarei mai aspettato.Molti di voi stanno diventando peggio dei lazzieli… leggo di gente che dice “Julio Sergio è una pippa”, “Julio Sergio può lustrare gli scarpini a Doni” e cose simili…A questo punto le cose sono 2: o siete infiltrati lazzieli o avete bisogno di una visita dall’oculista.Io non ragiono per nomi, nel senso che non ritengo un giocatore superiore ad un altro in base alla fama che ha. Dove sta scritto che Doni è più forte di Julio Sergio? Solo perché con Spalletti giocava titolare?E allora? JULIO SERGIO HA DIMOSTRATO DI ESSERE DI TUTT’ALTRO PIANETA RISPETTO A DONI, E IO LO RITENGO UNO TRA I 5 PORTIERI MIGLIORI AL MONDO.Non è colpa sua se Spalletti lo considerava addirittura terzo portiere…VI RICORDO CHE NON C’E’ STATA PARTITA, QUEST’ANNO, IN CUI J. SERGIO NON HA FATTO MIRACOLI, mentre ogni volta che è entrato in campo Doni le abbiamo prese sonoramente e siamo anche usciti dalla Uefa per colpa sua.J. SERGIO HA DIMOSTRATO DI VALERE. 20 PUNTI DELLA NOSTRA CLASSIFICA SONO MERITO SUO.  (Quota Commento)

    Hai proprio ragione! Sempre a sputare sentenze, il caldo de Roma fa venire deliri di onnipotenza! A regà fidamose del mister e tenemose la lingua in bocca che sulla panchina ce sta lui per fortuna e c’ha fatto pure sognà,almeno per mezz’ora! Smettemola de fa l’allenatori falliti il calcio non è matematica ❗

  11. massima fiducia a julio sergio. doni, grazie di tutto ma per ora te stai in panchina, magari come terzo portiere perchè lobont mi sembra molto più motivato e in panchina nn fa i capricci. inoltre a quanto si dice sembra che nello spogliatoio sia stimatissimo e tenga il morale alto.

    1. julio sergio
    2. lobont
    3. doni
    o sennò che lo vendano e prendano come terzo un portiere a fine carriera senza grosse pretese. metterci un giovane equivarrebbe a bruciarlo.

  12. Incredibile, leggo certe cose che da tifosi della Roma non mi sarei mai aspettato.
    Molti di voi stanno diventando peggio dei lazzieli… leggo di gente che dice “Julio Sergio è una pippa”, “Julio Sergio può lustrare gli scarpini a Doni” e cose simili…
    A questo punto le cose sono 2: o siete infiltrati lazzieli o avete bisogno di una visita dall’oculista.

    Io non ragiono per nomi, nel senso che non ritengo un giocatore superiore ad un altro in base alla fama che ha. Dove sta scritto che Doni è più forte di Julio Sergio? Solo perché con Spalletti giocava titolare?
    E allora? JULIO SERGIO HA DIMOSTRATO DI ESSERE DI TUTT’ALTRO PIANETA RISPETTO A DONI, E IO LO RITENGO UNO TRA I 5 PORTIERI MIGLIORI AL MONDO.

    Non è colpa sua se Spalletti lo considerava addirittura terzo portiere…
    VI RICORDO CHE NON C’E’ STATA PARTITA, QUEST’ANNO, IN CUI J. SERGIO NON HA FATTO MIRACOLI, mentre ogni volta che è entrato in campo Doni le abbiamo prese sonoramente e siamo anche usciti dalla Uefa per colpa sua.

    J. SERGIO HA DIMOSTRATO DI VALERE. 20 PUNTI DELLA NOSTRA CLASSIFICA SONO MERITO SUO.

  13. secondo me sono ottimi secondi portieri sia julio che doni. cmq sia come pretende doni di giocare in europa league e in coppa italia se per sua stessa ammissione dichiara di nn essere stato concentrato perchè non abituato alla panchina?poi chiede il permesso per allenarsi….mah. non ha fatto una bella figura con quest’intervista

  14. per me sono tutti e 2 buoni portieri, però forse non sono al livello della Roma che gioca in Champions, ma leggermente sotto, da Europa League magari o da squadre che lottano per i preliminari di Champions, tipo Palermo e Samp… tutti e 2 peccano in qualcosa, come diceva giustamente più di uno di voi prima: Doni per esempio sui calci piazzati è abbastanza carente, Julio è vero che esce poco dai pali, entrambi però hanno dimostrato quando la forma glielo ha permesso che sono 2 portieri molto reattivi. Il fatto è che la reattività è sì importante, ma se si ha quasi solo quella, o hai una difesa bunker, o il gol prima o poi lo prendi.. Poi voglio aggiungere che secondo me meritano tutti e 2 rispetto!! Julio Sergio è stato in tribuna 3 anni senza fiatare e Doni ha giocato per un’intera stagione con un ginocchio bucato perchè quando si girava verso la panchina vedeva quella sagoma inquietante di Artur.. Sinceramente credo che se gli daranno fiducia il portiere titolare della Roma diventerà Lobont, e non ne rimarremo affato delusi.. secondo me..

  15. bhe col Pantinaikos probabilmente semo usciti per colpa di Doni, ma come ha detto Marangon è difficile ritrovare la forma quando non giochi con continuità e su questo possiamo dargli pienamente ragione almeno per me,e probabilmente per chi gioca a calcio, è cosi. Detto questo io Doni me lo terrei non solo perchè a differenza dei vari Lobont e Arthur è nettamente superiore ma anche per i sacrifici che ha fatto e per le grandi partite che ha disputato (tanto per citarne una: Lione 0 Roma 2). Per una grande squadra servono anche riserve di pari valore ai titolari e Doni non è da meno a Julio Sergio che ad oggi anche per me è indiscutibile per la strepitosa stagione che ha disputato.

  16. sei proprio misero..non mi spreco neanche a risponderti,confermi in pieno ciò che ho detto nel commento sopra..tipico omino da chat!ahhahah offendi pure dietro un pc.la gara la fai da solo,se non sai vivere al mondo problemi tuoi, bye bye!! occhio ragazzi del forum che è il più matto lui eh!! :mrgreen: :mrgreen: 😆

  17. Doni andava venduto un anno fa che te davano 10 mln, mo non lo vuole nessuno e non te danno na lira ahahahah
    julio sergio s’è dimostrato piu preparato di Doni che è disarmante per i suoi errori. Col Panathinaikos semo usciti solo per colpa di Doni. Il portiere deve dare sicurezza ai suoi difensori lui non ne da, le chiacchiere stanno a zero. 🙂

  18. kaputmundi scrive:
    16 luglio 2010 alle 18:41JEREMY86 scrive:
    16 luglio 2010 alle 18:17

    sparate doni..

    MA SPARATE TU

    Bello porta rispetto,perchè il mio era un modo di dire e per altro non contro qualcuno qui dentro,tanto meno te che sei l’ultimo.Si commentano le notizie e io ho detto la mia,se non sei d’accordo amen,certo quello che dico io non è la verità assoluta.ma certe cose vai a farle contro i bimbi nei forum dei teletubbies visto che te senti cosi matto.seil il tipico omino da chat che prende di petto la gente..quanto sei matto!posso esse amico tuo?..non credo ci sia molto da aggiungere..

  19. tu non puoi saperlo ma io sono giorni che lotto perché NESSUNO venga bannato. ma è vero, certi commenti sono ancora più tristi di quello che si vuole affermare con essi

  20. Queste menti vanno bloccate subito, questo e’ un buon motivo per bannare un papuzziello ancora con la bocca che gli puzza di latte

  21. Endness86 scrive:
    17 luglio 2010 alle 00:12
    Guarda lascia sta,capisco la tua frustrazione e capisco che devi per forza attaccarti con qualcuno su internet altrimenti non sai cosa fare,vita triste la tua,saluti

    Vedi cara Elvica basta un’idiot a del genere per fare danni enormi nella remotissima possibilita’ che avesse ragione

  22. la mia opinione:
    Julio non esce mai, e questo è un limite enorme per un portiere perché non dà sicurezza e non ti evita gol che è impossibile sbagliare
    Doni esce sì, ma per esempio sui rigori parte sconfitto. bisogna lavorare sui fondamentali per migliorardi. se si dedicasse di più dove è carente potrebbe essere forte. non so, mi sembra che comunque non sia uno scarso, anzi. alla Artur per intenderci

  23. secondo me il portiere è superfluo… a meno ke nn sia artur ovvio…. il problema, che nessuno ha sottolineato è ke quest’anno abbiamo preso 6 pallini dal panatinaekos…. il prossimo anno siamo in champions, si gioca una partita ogni 3 giorni, con questa squadra credete ke ripeteremo la stagione appena finita? io penso ke cassetti taddei perrotta sono ormai vecchi e vanno rimpiazzati, non ci garantiranno una stagione intera, esterni veri non li abbiamo… in difesa siamo solo con mexes e juan….cosi neache buffon in porta ci salva…fidatevi…

  24. Guarda lascia sta,capisco la tua frustrazione e capisco che devi per forza attaccarti con qualcuno su internet altrimenti non sai cosa fare,vita triste la tua,saluti

  25. Kaputmunti evitami commenti dove cerchi di fare il professore perchè i tuoi post sono pieni di errori grammatica,quindi lascia sta ed esci va,24 ore su sto sito ti fanno palesemente male

  26. Cmq sia entrando in argomento,non credo che ne doni ne julio sergio siano due fenomeni,a livello tecnico credo che julio sia piu reattivo ma nessuno dei due esce e questo è un grosso problema per un portiere.
    La scorsa stagione nessuno può obbiettare che cmq sia J.S. ha fatto bene e non ha quasi mai sbagliato nulla,Doni non può rimanere per fare il secondo,ha un ingaggio troppo alto per quel ruolo è stato preso lobont.
    Per il resto i post con insulti non li capisco,mi sembra che i forum e post sul web siano diventati il ritrovo dei frustrati

  27. kaputmundi ma vivi su sto sito che aspetti pure le risposte degli altri ? ti fa male stare sul pulsante aggiorna tutto la giornata  

    Scusa non ho il vocabolario con me, non capisco

  28. E se Doni dice che all’interno di Trigoria ce’ chi gli marcia contro ci credo perche’ nell’ultima stagione piu’ che Trigoria sembrava la Pinetina

  29. Urbe Fanatic non sappiamo veramente cosa e’ successo, io non mi fido piu’ dei giornalisti da tempo, riesco a tollerare solo gli articoli del sito perche’ almeno sono in buona fede.

  30. kaputmundi ma vivi su sto sito che aspetti pure le risposte degli altri 😐 ? ti fa male stare sul pulsante aggiorna tutto la giornata

  31. Donon le tue parole sono superflue non hai retto la concorrenza e con Julio Sergio ti sei comportato male.
    Speriamo solo che la Roma riuscirà a cederlo ma ne dubito fortemente  

    Ecco classico esempio di un post che non condivido ma rispetto, mica me ne esco con un ” ma che cazz o capisci di calcio”?

  32. Fratelli si e’ quando non si usano certi toni, qui’ nessuno e’ Dio altrimenti starebbe in campo o su’ una panchina a fare l’allenatore

  33. Donon le tue parole sono superflue non hai retto la concorrenza e con Julio Sergio ti sei comportato male.
    Speriamo solo che la Roma riuscirà a cederlo ma ne dubito fortemente

  34. Mirko non ho parole per ringraziarti per quello che hai scritto ma a me certe espressioni stanno sul c…..tipo DONI AMMAZZATE o NUN CAPISCI NIENTE DE CALCIO…..scadente scadente scadente…detto questo fanno un po’ pena tutti e due ci vorrebbe un mix con l’attenuante per Doni che ha perso la stima del Mr

  35. io non ho mai capito xke tutti hanno cominciato a buttare m.e.r.d.a. su doni, è sempre stato un buon portiere che cmq quando stava in giornata non gli segnavi neanche con le mani (vedi partita a Lione), 2 anni fà non ha fatto una grande stagione, ma in effetti ha fatto pena tutta la squadra, visto che ci facevano 25 tiri in porta a partita. Ora capitolo julio sergio, va da dire ke questo è il suo primo anno, tra i pali ha un ottima reattività, ma non sa uscire e non sa respingere un pallone, infatti ke vi piaccio o no alcuni gol quest’anno li abbiamo presi per colpa sua che respinge malissimo. e cmq questo è il suo primo anno è presto per dire ke è il migliore poi quest’anno ha avuto anche diversi infortunei, forse troppi per un portiere….pensatela come vi pare…. cmq è inutile ke stiamo qui ad insultarci siamo tutti fratelli romanisti, io mi preoccuperei più di questo calciomercato che sinceramente mi fà parecchio pena…

  36. Beh dire che Mancini era na pippa ci vuole un coraggio pazzesco…  

    Bravo Paole’…qui’ quando qualcuno forte va’ via diventa na pippa di contro Julio e’ tra i 5 portieri piu’ forti al mondo……ahahahahahah, mi sconvolgo a vedere un ragazzetto del 94 scrivere da adulto e tanti adulti scrivere come dei ragazzetti.

  37. Doni ha un ingaggio spropositato, ha una reattività sui calci piazzati degna di un bradipo. E’ che a noi a Roma ci basta poco per esaltare giocatori. J.Sergio ha fatto una stagione discreta ma non è nè Buffon nè Casillas. Ma quante pippe abbiamo avuto e li abbiamo celebrati come campioni? Vi ricordate Mancini “il tacco di Dio”? Mah…   

    Sono daccordissimo con te, sono 2 pippe ma il paragone e’ tra loro 2 e per me Doni ne vale 100
    Per il resto non raccolgo caro PauloRoberto ma solo per rispetto a Matteo ed alla Redazione…evitami per favore

  38. Julio e’ tra i primi 5 portieri al mondo

    ahahahahahahahahahahahahahhahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha

  39. mancini l’hai piu’ visto giocare col milan l’anno scorso? io si’ e ti dico che se non lo era pippa c e’ diventato.un solo esempio samp milan dell anno scorso  (Quota Commento)

    Che lo è diventato concordo…ma che alla roma era na pippa proprio No !!!

  40. JEREMY86 scrive:
    16 luglio 2010 alle 18:17sparate doni..MA SPARATE TU  

    Ma chi sei? sta facendo un commento come te! Impara a stare al mondo civilmente.

    Un portiere che non sa uscire, che non riesce a trattenere il pallone ad ogni tiro modesto, che non sa mettere la barriera e che ogni calcio di punizione equivale ad un goal preso, io lo chiamo portiere da condominio.
    Bah!

  41. Beh dire che Mancini era na pippa ci vuole un coraggio pazzesco…  (Quota Commento)

    mancini l’hai piu’ visto giocare col milan l’anno scorso? io si’ e ti dico che se non lo era pippa c e’ diventato.
    un solo esempio samp milan dell anno scorso

  42. NON SE RIESCE A VENDE STO GUFO P I PP A

    A DONI MA VATTENE A GUFO DI M.

    DONI NON GUFA’ JULIO SERGIO S T R O N Z O

    SOLO SPALLETTI TE POTEVA FA’ GIOCA’ A TE E L’AMICO TUO DE ARTHUR VATTENE M E R DA

  43. Doni ha un ingaggio spropositato, ha una reattività sui calci piazzati degna di un bradipo. E’ che a noi a Roma ci basta poco per esaltare giocatori. J.Sergio ha fatto una stagione discreta ma non è nè Buffon nè Casillas. Ma quante pippe abbiamo avuto e li abbiamo celebrati come campioni? Vi ricordate Mancini “il tacco di Dio”? Mah…   (Quota Commento)

    Beh dire che Mancini era na pippa ci vuole un coraggio pazzesco…

  44. Doni ha un ingaggio spropositato, ha una reattività sui calci piazzati degna di un bradipo. E’ che a noi a Roma ci basta poco per esaltare giocatori. J.Sergio ha fatto una stagione discreta ma non è nè Buffon nè Casillas. Ma quante pippe abbiamo avuto e li abbiamo celebrati come campioni? Vi ricordate Mancini “il tacco di Dio”? Mah… 😕

  45. doni hai dei limiti evidenti..e se uno ha un minimo di cognizione di cos’è il calcio a certi livelli non può sostenere il contrario,poi se a uno piace ok,ma rimane un portiere mediocre

  46. Julio e’ tra i primi 5 portieri al mondo e l’ha dimostrato. Doni puo andarsene che a roma nessuno lo rimpiangera’, ho ancora davanti agli occhi tutti i gol che abbiamo preso per colpa sua. DONI VIA DA ROMA .

  47. Caesar non so’ in che ambiente sei cresciuto tu, ma conosco bene quello dove sono cresciuto io, con una frase tipo “Ma tu capisci di calcio?? aaahhhh no? e allora che parli a fa??” rischi di beccare un cinque che te stacca la capoccia…questo e’ iul mio astio, fra l’altro sto corecaciottaro chi la cagato mai

  48. Corebiancazzurro di [email protected] scritte da te ne leggo giornalmente ma non mi sembra di aver mai detto che non capisci niente di calcio, anche perche’ evidente, quindi modera i toni e fatti un bagno di umilta’…

  49. se invece di sparare a zero allenereste un po’ i neuroni addormentati che avete forse ci si capirebbe, il paragone e tra i due perche’ e’ lampante che siamo senza portiere, anzi lo siamo storicamente senza portiere che konsel e peruzzi d’Egitto………

  50. Ma tu capisci di calcio?? aaahhhh no? e allora che parli a fa?? Doni è un portiere? Secondo me tra Doni e Julio Sergio nessuno dei due è vero un portiere…possiamo dire che questi abbiamo ma nessuno dei due è un fenomeno…forse ho visto fare più miracoli a Julio che a Doni…ma quanta era bravura e quanto era una stagione fortunata? vediamo il prossimo anno….ma di certo fenomeni in porta non ne abbiamo dai tempi di peruzzi….  (Quota Commento)

    Verissimo…….però anche Konsel mi piaceva. ❗

  51. Doni è un portiere altro che kazzi  (Quota Commento)

    Ma tu capisci di calcio?? aaahhhh no? e allora che parli a fa?? Doni è un portiere? Secondo me tra Doni e Julio Sergio nessuno dei due è vero un portiere…possiamo dire che questi abbiamo ma nessuno dei due è un fenomeno…forse ho visto fare più miracoli a Julio che a Doni…ma quanta era bravura e quanto era una stagione fortunata? vediamo il prossimo anno….ma di certo fenomeni in porta non ne abbiamo dai tempi di peruzzi….

  52. anche io difendevo doni ma ad un certo punto mi sono stancato e non si può dire che j.sergio non abbia fatto bene o che doni avrebbe fatto meglio.io lo venderei,non gli si può far fare quelle 4 partite di coppa italia

  53. Donièber torna presto, Julio ti può solo lustrare gli scarpini  

    ma non è meglio che gli lustra i guantoni?

  54. Donièber torna presto, Julio ti può solo lustrare gli scarpini  

    non ho capito!

  55. se è pronto a fare il secondo ed a tornare come i bei tempi allora può pure rimane ma si dovrebbe ridurre l’ingaggio…quindi parti e vai….

  56. sparate doni..questo x 2 stagioni buone s’è montato la testa e ora vuole campà de rendita..prende uno sproposito per un portiere del suo livello.io odio certi brasiliani proprio per questo..non sono tutti professionisti seri non c’è niente da fa..può chiacchierare quanto vuole ma i fatti sono quelli che abbiamo visto..già non è un fenomeno,ma se avesse la serietà e l’umiltà di un taddei non ci sarebbe motivo di fare ste interviste ridicole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.