Migliori e peggiori di Roma-Ludogorets: Pellegrini sempre ago della bilancia


Fondamentale analizzare migliori e peggiori di Roma-Ludogorets, se non altro perché la partita andata in scena allo Stadio Olimpico (come sempre gremito in ogni ordine di posto) è stata la prima della stagione giallorossa senza un domani. Insomma, uno di quegli appuntamenti in cui i giocatori di maggiore personalità e con talento superiore alla media del gruppo sono chiamati a dare qualcosa in più. Se non altro, perché in scenari del genere non c’è alcun margine di errore. In passato, soprattutto negli ultimi dieci anni, troppo spesso il gruppo ha fallito match simili, a prescindere dalla caratura degli avversari.

Basterebbero queste considerazioni per comprendere quanto fosse delicato questo Roma-Ludogorets, in cui si è deciso il futuro del gruppo di Mourinho in Europa League. Girone che si è rivelato più complicato del previsto, grazie anche ad alcune mancanze della squadra giallorossa.

In un contesto del genere, diventa particolarmente importante concentrarsi sulle prove offerte dai singoli giocatori, soprattutto quelli che hanno maggiore peso nello spogliatoio. Oltre ad Abraham, al quale tutti richiedono un riscatto dopo l’inizio di stagione particolarmente complicato e al di sotto delle attese, cruciale è anche il ruolo di Pellegrini. Personalità e calci piazzati, fattori imprescindibili in questo momento storico in casa Roma.

I migliori in Roma-Ludogorets tra i padroni di casa

Pellegrini 7. Partita complicata la sua, almeno nel primo tempo. Nella ripresa, complice il baricentro finalmente più alto di tutta la squadra, riesce ad entrare definitivamente in partita. Giudicare la prestazione di un giocatore per il verdetto del dischetto sarebbe superficiale, ma realizzare due calci di rigore così pesanti ed in modo magistrale non è da tutti. Si vede, tuttavia, che è molto stanco.

Zaniolo 8. Ragazzo spesso bersagliato dalle critiche. A volte giuste, altre meno. Questa sera entra nel momento più difficile, con la squadra che ha un piede e mezzo in Conference League, cambiando il volto del match. Il suo dinamismo e gli strappi vanno oltre il bel gol con cui i giallorossi chiudono il match. Nel mezzo, anche due calci di rigore procurati e tanto sacrificio.

Chi ha sbagliato la partita in Roma-Ludogorets tra i giallorossi

Belotti 4. Senza ombra di dubbio, la peggior partita da quando è alla Roma. Il voto non è una stroncatura per un ragazzo che ci mette sempre tanto impegno, ma la fotografia realistica di un primo tempo in cui sbaglia tutte le palle che arrivano dalle sue parti. Avrà modo di riscattarsi.


Lascia un commento