Migliori e peggiori in Roma-Sampdoria: Shomurodov ci prova, dormita Ibanez

Migliori e peggiori in Roma-Sampdoria: Shomurodov ci prova, dormita Ibanez

Ci sono tanti spunti su questo Roma-Sampdoria, che ancora una volta ci mostra l’immaturità dei giallorossi. Poteva essere l’occasione per rosicchiare altri due punti all’Atalanta, arrivando a 4 lunghezze da un isperato quarto posto, che fino a poche settimane fa sembrava impossibile. Così non è stato, alla luce di una prestazione di squadra complessivamente deludente, se pensiamo a quanto mostrato finora dalla Sampdoria in campionato e al fatto che Mourinho ha recuperato buona parte dei suoi titolari.

Doveva essere vittoria, in un modo o nell’altro, ma la squadra è stata incapace di gestire un vantaggio preziosissimo, gettando alle ortiche l’occasione che si era presentata dopo lo stop dei bergamaschi. Senza dimenticare l’inaspettata sconfitta interna del Napoli contro lo Spezia. Sia chiaro, nulla di irreparabile, ma appare evidente che a questo gruppo manchi qualcosa, soprattutto quando la palla inizia a pesare. La sensazione è che il tecnico debba iniziare a lavorare anche sulla testa di questi ragazzi.

I migliori e peggiori in Roma-Sampdoria tra i padroni di casa

Shomurodov 7. Dopo diverse settimane, entra bene in partita e finalmente inizia a ripagare l’investimento non indifferente che è stato fatto con lui. Il gol è in parte fortuito, ma è determinato soprattutto dalla volontà di dare finalmente un contributo alla squadra. Si batte e si candida per un ruolo da protagonista nel 2022.

Zaniolo 6,5. Non è ispirato come a Bergamo, ma dimostra di essere in un buon momento con alcune fiammate che ci ricordano i bei tempi. Discontinuo in partita, fermo restando che si sta avvicinando gradualmente ad una condizione che possiamo ritenere accettabile. Anche lo stadio sembra essere maggiormente dalla sua parte.

LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Roma-Lecce: riscatto per Abraham, momento no Veretout

I peggiori e peggiori in Roma-Sampdoria tra i giallorossi

Ibanez 4,5. Una lunga serie di errori tecnici in fase di impostazione, che alla fine si pagano quando l’avversario è abbastanza chiuso. Ha il demerito di capirci davvero poco in occasione dell’azione che porta al pareggio di Gabbiadini. La brutta copia del difensore impeccabile apprezzato a Bergamo sabato scorso.

Veretout 4,5. Abbiamo una stima così elevata nei suoi confronti, che fatichiamo davvero tanto a vederlo così. Un quantitativo impressionante di passaggi sbagliati e l’incapacità di dare il suo proverbiale dinamismo al centrocampo. Questo Roma-Sampdoria forse rappresenta la sua parentesi peggiore da quando è nella Capitale. Serve assolutamente ritrovarlo delle due fasi.

Vina 5. Imperfetto nelle chiusure, viene meno anche in fase di spinta, che spesso e volentieri salva le sue performance. Cercasi Spinazzola disperatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.