Migliori e peggiori in Venezia-Roma: risveglio Abraham, disastro Cristante

Migliori e peggiori in Venezia-Roma: risveglio Abraham, disastro Cristante

Sosta benedetta e crisi accertata dopo questo Venezia-Roma. Senza voler essere disfattisti ed esagerati, appare chiaro che i giallorossi stiano vivendo un momento molto complicato, dal punto di vista tattico e forse fisico. Oltre che mentale, se pensiamo alla bocciatura già accertata per buona parte delle seconde linee. Poche giustificazioni per Mourinho, perché se da un lato contro il Milan gli errori di Maresca sono stati evidenti, nella sfida in terra veneta si fa molta fatica a trovare colpevoli esterni, o altri tipi di alibi.

Poche le note positive per quanto riguarda i singoli, perché se da un lato Abraham si è finalmente svegliato, allo stesso tempo tanto top della rosa hanno clamorosamente sbagliato partita. Con le vittorie di Juventus e Atalanta, è chiaro che quel gap minimo conquistato a fatica dalla Roma nelle prime giornate di campionato sia praticamente inesistente. Insomma, tutto da rifare ora, con la speranza che dopo la sosta il tecnico riesca a recuperare tutta la rosa.

I migliori in Venezia-Roma tra i giallorossi

Abraham 6,5. Sforzarsi nel trovare note liete in questo Venezia-Roma è cosa molto complicata. Tuttavia, è oggettivo che Abraham abbia dato risposte importanti. Oltre al gol, un rigore procurato e poi tolto dal VAR, oltre allo zampino nella rete del pareggio, varie iniziative ed un gran destro che nel finale avrebbe potuto cambiare radicalmente la partita. La Roma dovrà necessariamente ripartire da lui dopo la sosta.

Rui Patricio 6. Sui gol subiti può davvero poco. Al contempo, evita un passivo maggiore chiudendo la sua partita con alcune prodezze nel momento in cui la squadra si sbilancia in avanti. Il che la dice lunga sulla protezione avuta dalla difesa in questa partita.

LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Roma-Inter: disastrosi tutti, si salva Mkhitaryan

I peggiori in Venezia-Roma tra gli ospiti

Cristante 4,5. Due gol su tre subiti sono una sua responsabilità. Nel primo caso, si perde Caldara. Nel secondo, colpisce fuori tempo l’ex Atalanta regalando rigore agli avversari su palla innocua. Giornata da dimenticare per lui, con posizionamenti spesso sbagliati sulle palle inattive.

Mancini 5. Giornata da dimenticare per uno dei giocatori più costanti della rosa. Sbaglia completamente il fuorigioco sul gol del 3-2, ma in generale appare incapace di scegliere il tempo dell’anticipo. Anche lui appare non al topo della condizione in questa fase.

Veretout 5. Questa volta finisce anche lui sul banco degli imputati. Non trova mai la posizione giusta, peccando sia in fase di contenimento, sia quando gli viene chiesto di costruire.

Un pensiero su “Migliori e peggiori in Venezia-Roma: risveglio Abraham, disastro Cristante

  1. Ho scritto un commento a caldo sul precedente articolo. Qui aggiungo una considerazione “statistica”.
    L’altro giorno ho notato la situazione in area al momento di subire goal. Anche in questa partita c’è una situazione paradossale: 9 giocatori della Roma in area contro 5 del Genova, e prendiamo goal. Mancini e, in questo caso, Cristante non sono in grado di marcare l’uomo in modo adeguato. Evidentemente sono giocatori che non riescono a difendere in marcatura. L’altra volta è stato il turno di Ibanez e Vina.

    Abraham a me continua a piacere. Mi piace il modo con cui si approccia alla palla e tira. Finora ha segnato poco, è vero, ma a me sembra un ragazzo con molta stoffa e credo che abbia un grande potenziale. Mi sembrerebbe incredibile se arrivasse a fine anno senza aver fatto un congruo numero di goal. Non un trascinatore, nel senso che non ha la forza di risolvere da solo le partite, ma di giocatori di questo tipo ne esistono oggettivamente pochi e nessuno, credo, a vent’anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.