Jose Mourinho sogna di avere Sergio Ramos alla Roma

Jose Mourinho sogna di avere Sergio Ramos alla Roma

Sergio Ramos alla Roma potrebbe non essere fantacalcio, almeno stando alle notizie raccolte in questi giorni. Secondo quanto riferito da diversi media inglesi, l’allenatore della Roma Jose Mourinho ha messo gli occhi sulla leggenda del Real Madrid Sergio Ramos, che lascerà il Bernabeu a parametro zero quest’estate. Il 35enne è pronto per un’uscita da Los Blancos dopo 16 anni di servizio perché il club non ha potuto concordare nuovi termini con il difensore centrale, a seguito di un disaccordo sul suo stipendio.

Qual è l’attuale situazione di Sergio Ramos

Sergio Ramos diventerà un free agent alla fine di questo mese ed ha attirato l’ interesse di molti dei migliori club europei tra cui Manchester United, Manchester City, fino ad arrivare al Milan. Tuttavia, secondo Calciomercato, anche la Roma di Serie A sta mostrando interesse per Ramos, che potrebbe ricongiungersi con il suo ex tecnico del Real Madrid se dovesse trasferirsi nella capitale italiana.

Nonostante il desiderio di Mourinho di tornare a lavorare con il forte difensore, la Roma dovrà superare alcune barriere per suggellare la firma di Sergio Ramos, in particolare l’ingente stipendio dello spagnolo e il fatto che non si sia qualificata per la Champions League della prossima stagione. Da quando è arrivato a Los Blancos nel 2005, Ramos ha segnato 101 gol in 671 presenze con il club, aiutandoli a raggiungere 22 trofei lungo la strada.

Lo Special One, che è stato alla guida dello United dal 2016 al 2018, ha anche allenato Ramos durante i suoi tre anni al Madrid dal 2010. E spera di sfruttare al massimo il suo rapporto con l’icona per battere i Red Devils nella corsa al trasferimento per il veterano difensore spagnolo. Sergio Ramos è finito al Real Madrid dopo una transazione pari a 23 milioni di sterline dal Siviglia nel 2005, con oltre 100 gol all’attivo durante un periodo di 16 anni. Ha portato il Real Madrid a numerosi trofei, tra cui cinque titoli della Liga, quattro Champions League e due Copa del Reys.

LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Lazio-Roma: Zaniolo ritrovato, troppo incerto Cristante

Questione economica non secondaria. I giallorossi possono pagare un massimo di dieci milioni di euro lordi (circa 7,5 milioni di euro netti) e se Sergio Ramos dovesse decidere di provare la nuova avventura, allora sarà inevitabile un abbassamento dell’ingaggio. Ricordiamo che la Roma è alla ricerca di giocatori esperti per la propria squadra, motivo per cui anche il portiere Rui Patrício del Wolverhampton Wanderers dovrebbe essere nella lista dei desideri. Inoltre, si dice che Granit Xhaka sia vicino al nuovo club di Mourinho.

2 pensieri su “Jose Mourinho sogna di avere Sergio Ramos alla Roma

  1. Non vorrei sembrare presuntuoso, ma ho la netta sensazione di sapere come andrà questa estate giallorossa.
    Sarà presentato in pompa magna l’allenatore, nome prestigioso da dare in pasto alla tifoseria per distrarla dai veri problemi (difesa horror, infortuni in serie, mancanza di pianificazione futura ecc.).
    Pinto (secondo me un Monchi 2 che il calcio italiano nemmeno lo guarda) cercherà inutilmente di cedere i troppi e costosissimi “esuberi”, la pesantissima eredità lasciataci da una gestione societaria scellerata e dilettantesca, e questo gli darà l’alibi di non avere risorse per operare bene sul mercato.
    Verranno presi quei 3-4 giocatori stranieri (di valore tutto da confermare) che difficilmente risolveranno i veri problemi della squadra.

    Poi una domandina terra terra da tifoso della strada: ma come mai Spinazzola in azzurro sembra un marziano e nella Roma gioca una partita ogni 5 perchè è sempre rotto? E’ solo una casualità?
    SVEGLIA RAGAZZI.

  2. Quando gli “errori” si ripetono sistematicamente negli anni non sono più errori ma diventano problemi.
    Perchè prendere un portiere straniero (dopo la delusione Lopez) di 34 anni quando in Italia ce ne sono di migliori e più giovani?
    Perchè prendere un centrocampista svizzero quando in Italia ce ne sono di pari valore se non migliori?
    Perchè non correre ai ripari sistemando il reparto (la difesa) che negli anni ha palesato i problemi più grandi?
    Potrei continuare ma sarei forse noioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.