Calciomercato Roma: sarà restyling in difesa nella prossima stagione

Calciomercato Roma: sarà restyling in difesa nella prossima stagione

Poco importa se sulla panchina della Roma continuerà a sedersi Fonseca o meno. Indipendentemente dal fatto che Sarri, ex bancario che con il Chelsea è salito sul tetto d’Europa, Allegri oppure un altro nome tra quelli che non sono ancora usciti nel calderone del toto-scommesse, la Roma sta pensando di cambiare in tutto o in parte la retroguardia in vista della prossima stagione.

I grandi movimenti sono già iniziati e, come sperano i tifosi romanisti, in modo particolare quelli che apprezzano il gioco online su casinoonlineaams.com, che l’obiettivo della società sia finalmente quello di formare una squadra veramente forte, che possa finalmente lottare per qualcosa di importante e, magari, entrare in corsa anche per la vittoria del tricolore.

La stagione 2021/2022 sarà ricca di cambiamenti

Come abbiamo avuto modo di sottolineare, quindi, la Roma vuole puntare a una vera e propria rivoluzione in difesa. Senza ombra di dubbio saluteranno diversi elementi. In primis, dietro i pali ci saranno cambiamenti importanti, dal momento che dovrebbero lasciare la compagine giallorossa Pau Lopez, che sembra avere parecchi estimatori in Premier League, ma anche sicuramente Fuzato, mentre c’è qualche dubbio in più in riferimento a Mirante.

L’obiettivo, quindi, è quello di gettarsi a capofitto su un numero uno differente, che possa già avere una certa esperienza da titolare nel campionato italiano. Fino a questo momento, sono essenzialmente tre gli elementi che sono finiti sul taccuino dei dirigenti giallorossi, ovvero Musso, Silvestri e Gollini.

Non è certo un mistero, però, che alla Roma piaccia notevolmente anche Meret, che a gennaio aveva manifestato l’intenzione di giocare con più continuità. Il problema, dell’ex numero uno dell’Udinese, è che il Napoli è una bottega molto cara e non lo lascerà andare via per pochi soldi. Non è detta ovviamente l’ultima parola, dal momento che la compagine partenopea spesso e volentieri si rifà il look guardando ai giocatori della Roma. Di conseguenza, potrebbe nascere l’idea di qualche scambio tra le due squadre.

LEGGI ANCHE  Probabili formazioni di Inter-Roma: diverse mosse inedite per Fonseca

Si profila un derby di mercato?

In difesa, uno degli uomini che di sicuro andranno via a fine stagione è Juan Jesus. La stessa sorte toccherà anche all’argentino Fazio, anche se quest’ultima può vantare ancora un anno di contratto con cui è legato ai colori giallorossi. In ogni caso, la Roma si sta cautelando e pare abbia fatto un sondaggio per Maksimovic.

Il problema è che il difensore del Napoli, che si potrà acquistare a parametro zero dato che andrà in scadenza a giugno, ha attirato le attenzioni di un bel po’ di club. Tra gli altri, su di lui c’è forte anche l’interessamento della Lazio. Il contratto è alto, visto che 3 milioni di euro non sono mica noccioline e la Roma non ha alcuna intenzione di mettere in conto un simile ingaggio per un giocatore che ha già varcato la soglia dei 30 anni che molto difficilmente andrà a prendersi una maglia da titolare. Sì, perché all’Olimpico rimarranno ancora Mancini, Ibanez, Smalling e Kumbulla. Quindi, si tratta solamente di fare dei ritocchi per rendere il reparto ancora più competitivo. Detto questo, qualora il difensore serbo dovesse abbassare le sue richieste, ecco che allora si potrebbe cominciare a ragionare e la sua esperienza farebbe di sicuro molto comodo alla compagine giallorossa.

Anche sulle fasce dovrebbe cambiare qualcosa la Roma: Hysaj diventerà un obiettivo reale solo se in panchina si siederà Sarri. In realtà, però, a Roma vedono molto bene il terzino del Napoli, soprattutto per via della sua duttilità, dal momento che può giocare sia sulla fascia sinistra che su quella destra. In ogni caso, a destra saluteranno di sicuro Santon e Bruno Peres, mentre a sinistra Calafiori abbandonerà la nave per provare a giocare con più continuità con un prestito.

LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Inter-Roma: in ripresa Mkhitaryan, male Kumbulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.