Migliori e peggiori in Roma-Napoli 0-2: si salva Pellegrini, frittata Pau Lopez

Migliori e peggiori in Roma-Napoli 0-2: si salva Pellegrini, frittata Pau Lopez

Una delusione bella pesante quella che questo Roma-Napoli ha riservato ai tifosi giallorossi. Non una mazzata decisiva per la corsa alla conquista di un posto nella prossima edizione di Champions League, ma poco ci manca, perché ora i ragazzi di Fonseca rischiano seriamente di concentrare tutte le proprie energie sull’Europa League. Coi quarti di finale da giocare e l’Atalanta che scappa via, infatti, la prospettiva anche a livello inconscio è di vedere una squadra più proiettata alle partite europee dopo la sosta. Dovrà essere bravo il tecnico a scongiurare uno scenario di questo tipo.

Un tecnico che, mai come in Roma-Napoli, non è esente da qualche critica. Oltre a Cristante che continua a far storcere il naso in quella posizione (in assenza di Smalling, forse sarebbe opportuno valutare cambi di modulo), anche l’arretramento di Pellegrini non convince. Non è un caso che l’azzurro è probabilmente l’unico a salvarsi, in virtù di una ripresa se non altro giocata con più convinzione una volta avanzata la sua posizione. In netto calo anche gli esterni, forse troppo spremuti nel 2021.

I migliori di Roma-Napoli 0-2 tra i giallorossi

Pellegrini 6,5. Come accennato, solo il centrocampista si salva tra i padroni di casa. Non bene nel primo tempo, come tutta la squadra, ma ha il merito di salire in cattedra nella ripresa e di provare in tutti i modi a rimettere in partita la Roma. Ormai appare chiaro che dietro la punta possa dare un contributo, magari dando la possibilità a Villar di giocare con un minutaggio consono alla qualità che questo ragazzo è in grado di dare al centrocampo giallorosso. Serve una svolta in questo senso.

LEGGI ANCHE  Probabili formazioni di Inter-Roma: diverse mosse inedite per Fonseca

I peggiori in Roma-Napoli 0-2

Pau Lopez 4. In un match finito 2-0 a favore degli avversari, con le due reti che mettono in evidenza alcuni errori evidenti dell’estremo difensore, è inevitabile che il voto per il portiere sia così basso. Bella la punizione di Mertens, ma una rete sul proprio palo e a mezza altezza non può non evidenziare alcuni difetti di posizionamento di Pau Lopez. Così come non si capisce in tutta onestà cosa volesse fare con l’uscita accennata sul secondo gol. Per non parlare del fatto che il colpo di testa dell’attaccante belga era tutt’altro che irresistibile.

Ibanez 4,5. Un pochino meglio con il passare dei minuti, ma per un tempo abbondante appare letteralmente in bambola, soffrendo in modo eccessivo Politano. Dal suo rientro, non riesce a trovare gli standard precedenti e dopo la brutta prestazione di Parma, condita anche da un ingenuo fallo su Pellé, fatica a trovare una condizione decente. Anche in ottica Europa League, dovrà rigenerarsi durante la sosta.

Pedro 4. Ormai pare difficile da salvare la sua stagione. Dopo l’espulsione con il Sassuolo, non ne ha indovinata una.

Un pensiero su “Migliori e peggiori in Roma-Napoli 0-2: si salva Pellegrini, frittata Pau Lopez

  1. Io Fonseca non lo voglio vedere più sulla panchina della Roma.
    Poi c’è un evidente problema di giocatori, molti sono sopravvalutati e, da quello che si è visto in campo ultimamente, faticherebbero a trovare posto in serie A. Parlo di Ibanez, Pau Lopez e altri. Lo stesso Dzeko che ormai è un ex giocatore.
    Kumbulla pagato 30 milioni, la “rivelazione” dello scorso campionato…
    Smalling arrivato sul filo del rasoio come il “miracolo” del mercato e poi non ha giocato mai.

    Confermo la mia analisi di sempre: proprietà straniera non adeguata, allenatore e dirigente portoghesi (mi ricordano il “genio” Monchi e i disastri che ancora stiamo pagando), gestione spogliatoio e infermeria dilettantesca, infortuni a raffica, nervosismo in campo e squalifiche costanti.

    Fosse per me, darei la Roma in mano a ex romanisti capaci come Bruno Conti, Nela, De Rossi, lo stesso Totti come talent scout.
    Poi prenderei un allenatore italiano che conosce il nostro calcio come le sue tasche.
    Basta stranieri alla moda e dirigenti che parlano un’altra lingua, riprendiamoci la nostra Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.