Le pagelle di Roma-Inter: che esame per Smalling contro Lukaku

Le pagelle di Roma-Inter: che esame per Smalling contro Lukaku

Questo Roma-Inter rappresentava forse uno degli appuntamenti in campionato più importanti degli ultimi anni per i giallorossi. Una classifica ottima, determinata soprattutto dal fatto che i ragazzi di Fonseca praticamente non hanno perso un colpo contro le cosiddette piccole, prima di affrontare una delle candidate alla vittoria finale. Dopo i match di inizio stagione al cospetto di Juventus e Milan, con equilibri in campionato ancora poco chiari, passando per la sfida di Napoli troppo condizionata dalle assenze, un banco di prova fondamentale per questo gruppo.

Le pagelle di Roma-Inter

In particolare, l’esame era probante anche per alcuni singoli. Da Villar, ormai titolare fisso di questa squadra, fino ad arrivare a Smalling. L’ex Manchester United ha fatto i conti con Lukaku, riproponendoci il fantastico duello di San Siro andato in scena poco più di un anno fa. Considerando i problemi fisici avuti dall’inglese in questi mesi, non poteva esserci test più attendibile per comprendere a che punto sia arrivato. Partita cruciale, però, anche per altri giocatori diventati inamovibili per il tecnico. Cerchiamo dunque di valutare le loro prestazioni con le pagelle che seguono:

Pau Lopez 7: la parata su Lukaku ad inizio partita è surreale e lo ripaga dopo mesi complicati in cui è stato scavalcato da Mirante nelle gerarchie del tecnico.

Mancini 7: sale in cattedra nel finale con il gol del prezioso pareggio e creando ulteriori pericoli nell’area nerazzurra. Giocatore ormai fondamentale;

Smalling 6: meno bene rispetto ad altre occasioni, ma contro c’era un vero e proprio gigante. Tiene a galla la difesa nel momento più complicato;

Ibanez 5,5: quando è molto sollecitato, mostra ancora delle lacune. Dalle sue parti, però, viaggiavano a velocità molto alta;

LEGGI ANCHE  Importanti passi in avanti della Roma su Rui Patricio

Karsdrop 5,5: comincia benissimo, per poi calare un po’ alla distanza. Non ha ancora la costanza dei migliori in quel ruolo;

Villar 6,5: ancora una prova convincente. Riesce a dare ordine al centrocampo anche quando la squadra cala molto nella ripresa;

Veretout 6: importante il recupero sul primo gol della Roma, poi non appare brillantissimo. Forse anche lui deve tirare un po’ il fiato;

Spinazzola 5,5: si sapeva che non era al meglio e si è visto. Non a caso ha molto sofferto anche le discese di Hakimi;

Pellegrini 6: bene il gol, ma deve farsi vedere di più tra le linee, essendo quello il suo ruolo naturale;

Mkhitaryan 6: importante anche lui nel finale, ma non ha dato il solito contributo di qualità;

Dzeko 5,5: complice la buona prova della difesa nerazzurra, non riesce a far salire i compagni come suo solito.

2 pensieri su “Le pagelle di Roma-Inter: che esame per Smalling contro Lukaku

  1. Non voglio polemizzare ma la mia sensazione è che questa sia una squadra “vorrei ma non posso”… forte con le medio piccole ma poi quando gioca contro le grandi non riesce a piazzare il colpo decisivo. Spero che il texano non sia una specie di Pallotta bis, perchè credo sia importante investire del denaro per quei 2-3 giocatori giusti che potrebbero farci fare il salto di qualità, andando a vincere partite come quella di ieri in cui i puntii in palio non erano 3 ma 6.

  2. Sulla base di quanto ho visto in campo direi che il pareggio è un buon risultato. Avrei certamente preferito una Roma maggiormente capace di fare bottino, cioè di massimizzare quanto ottenuto nel primo tempo anche giocando male. Questo tipo di concretezza purtroppo ci manca nettamente. È stato un peccato vedere la squadra quasi travolta nel secondo tempo. Siamo bravi a giocare di fioretto, difettiamo nei momenti in cui dovremo usare la clava. Però: quante volte ho letto tifosi che si lamentavano dopo una sconfitta dicendo:”Va bene perdere, ma non senza fare nemmeno un tiro in porta!”. Ecco: anche sul 2-1, malgrado la delusione, pensavo che la squadra aveva creato e tirato. Spero non tornino i tempi in cui la Roma cincischiava con mille passaggi senza guadagnare un metro. Pau Lopez maggiormente sicuro tra i pali.

    Chi legge batta un colpo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.