Le pagelle di Roma-Cagliari: bene Dzeko, Pedro è in calo di forma

Le pagelle di Roma-Cagliari: bene Dzeko, Pedro è in calo di forma

Non una partita indimenticabile questo Roma-Cagliari, ma dopo la scoppola di Bergamo, arrivata in seguito ad un secondo tempo orribile per i ragazzi di Fonseca, era fondamentale chiudere l’anno nel modo giusto. I tre punti servono per dare un segnale al campionato, visto che i giallorossi si piazzano subito alle spalle di Milan e Inter, in attesa del recupero tra Juventus e Napoli. Equilibri ancora da definire per questa Serie A, e proprio per questo diventa cruciale non lasciare punti per strada in quelle partite sulla carta più agevoli.

Le pagelle di Roma-Cagliari

Detto questo, le pagelle di Roma-Cagliari non fanno emergere performance super, anche se Dzeko è stato a dir poco prezioso per incanalare la partita nella direzione voluta dalla squadra di casa. Al contrario, ancora una volta non ha convinto Pedro. L’ex Chelsea e Barcellona, infatti, dall’espulsione contro il Sassuolo ha faticato tanto nel ritrovare la condizione ed il ritmo che lo avevano portato a trascinare i compagni di squadra ad inizio campionato. Servirà il miglior Pedrito nel 2021. Ecco le singole valutazioni:

Mirante 6: appare leggermente meno sicuro rispetto alle uscite di inizio stagione. Forse Bergamo si fa sentire, ma nel complesso non sbaglia;

Mancini 6,5: il gol gli serviva mentalmente. Dietro è indubbiamente il migliore in un momento particolare della stagione;

Cristante 5,5: quello che si guadagna in impostazione, si perde in chiusura. Resta una scelta forzata metterlo lì, nonostante vada vicino al gol;

Kumbulla 5,5: cala sensibilmente nella ripresa e perde molta sicurezza. Non è ancora quello di Verona, ma serve tempo perché qui deve difendere diversamente;

LEGGI ANCHE  Le pagelle di Benevento-Roma: stavolta Spinazzola non basta

Karsdrop 7: probabilmente il migliore dei suoi. In difesa meno bene rispetto ad altre uscite, ma quando spinge sa come far male;

Villar 5,5: mezzo punto in meno per il brutto secondo tempo, dopo aver tenuto bene la posizione per circa un’ora. Evitabile il fallo da rigore;

Veretout 7: inizia ad essere una costante il suo gol, non solo su calcio di rigore. Quantità e qualità sempre al servizio della squadra;

Bruno Peres 6: meno appariscente del solito, ma ha il merito di non soffrire particolarmente in difesa. Sta crescendo lentamente;

Pedro 5: grave l’errore davanti al portiere. Non il primo della stagione. Non gioca malissimo, ma a volte si perde in un bicchiere d’acqua;

Mkhitaryan 6: anche lui appare in calo di forma, ma è più utile alla squadra in fase di appoggio a Dzeko. Resta insostituibile;

Dzeko 6,5: gol e tanto sacrificio per i compagni, anche nei momenti più difficili della partita. Vero capitano, anche se non sempre lucidissimo.

5 pensieri su “Le pagelle di Roma-Cagliari: bene Dzeko, Pedro è in calo di forma

  1. 2020 inscordabile.
    Speriamo in un 2021migliore.
    In tutti i sensi.
    Anche quelli personali.

    Un saluto👋
    ed AUGURI A TUTTI.🍾

    FORZA ROMA SEMPRE! 💛💗🐺

  2. E’ semplice Alex, per mesi il sito non ha funzionato.
    Io sono stato uno dei pochi che ha continuato a scrivere.
    Decine di post non pubblicati e mai una spiegazione del perchè.
    Poi visto il perdurare della situazione, ho detto basta.
    Ho scritto per anni, forse era giunto il momento di smettere.
    Non sono più entrato, tranne ora per semplice curiosità.

    Gli altri non lo so.
    Forse per disamore e stanchezza dovuto agli anni bostoniani
    (che hanno sfibrato un pò tutti).
    O forse perchè gli argomenti erano finiti e si continuava
    a ripetere gli stessi commenti, con le solite risposte.
    E’ passata un pò di passione e voglia di mostrarla anche attraverso
    i post.
    Tutti ad aspettare una svolta che non arrivava mai.
    Si era creata una bella comunità.
    Confronti, dibattiti, con persone che la pensavano in modo diverso.
    Discussioni (a volte anche accese) ma sempre rispettose delle idee altrui.
    Non dico che qualche volta non si sia andati fuori le righe,
    ma è successo raramente.

    Finalmente è arrivato Fiedkin.
    Speriamo riesca a mettere le ose al loro posto.
    Mi sembra uno con le idee chiare e che abbia voglia di Roma.
    Ha investito molti soldi, segno che voglia fare le cose seriamente.

    L’ho visto sempre in tribuna insieme al figlio Ryan.
    Credo stia studiando.
    Diamogli tempo.

    Parlando di calcio giocato, questa Roma non mi piace.
    Allenatore e molti giocatori.
    Gioco monotono, (il solito da anni)
    Si va a sprazzi (tanto in orizzontale e poco in verticale. Poca profondità).
    Quando è stata fatta, abbiamo quasi sempre segnato.

    Erano a napoli e bergamo (i Friedkin)…
    Squadre meno forti di noi sulla carta, non hanno subito simili umiliazioni.
    Spero ne tengano conto.

    E’ l’anno zero, il prossimo no.
    Subito un ds esperto, è urgente.

    @ spero che il post ce la faccia ad essere pubblicato.
    un saluto👋💛💗🐺
    AVE

  3. In effetti non capisco perchè gli altri utenti del sito siano spariti… l’amministratore non dice niente?
    Buon Natale a tutti e anche alla nostra Roma, sperando che il 2021 inizi meglio (calcisticamente parlando) del 2020.

  4. Con tutti i limiti della squadra e di Fonseca, sui quali potremmo parlare per giorni, credo che nessuno a inizio campionato avrebbe scommesso un euro sul terzo posto della Roma a Natale, dunque mi tengo stretto questo risultato.
    Soprattutto pensando che ci sono squadre come Napoli, Giuve e Atalanta che sulla carta erano quotate più di noi.
    E’ una bella soddisfazione stare davanti anche a chi ci ha fatto 4 gol.
    Sul primo posto del Milan dico solo che piacerebbe a tutte le squadre avere 9 rigori a favore in 14 partite. Con questa media a fine stagione saranno 20, facile vincere gli scudetti così.

    1. Ciao Alex,
      la Roma sembra rispettare la tendenza che la vuole più concreta dopo un anno osceno. Speriamo, però, che si stiano finalmente gettando le basi per qualcosa di più. Sarebbe bello, e sarebbe ora, finalmente.
      Dietro siamo ancora abbastanza discontinui, soprattutto per i soliti problemi di concentrazione altalenante.
      A mio parere abbiamo -in generale- pagato moltissimo anche la transizione tra i portieri. È davvero raro che un portiere pagato molto sia scalzato dal suo secondo a causa dell’insicurezza che dà a tutto il reparto, e per la squadra passare dall’uno all’altro, e non avere ancora una colonna stabile in porta, è una situazione che non aiuta. Speriamo che la gestione Firedkin porti con sé una maggiore oculatezza negli acquisti. Finora mi pare sia stato così. È solo l’inizio, ma incrociamo le dita.
      PS:
      Sarebbe bello anche sapere se siamo rimasti solo io e te, oltre che a scrivere, anche a leggere. Nel dubbio: buon Natale a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.