Le pagelle di Roma-Fiorentina: spettacolare il tridente giallorosso

Le pagelle di Roma-Fiorentina: spettacolare il tridente giallorosso

Ci sono tante considerazioni da fare questa sera dopo la partita Roma-Fiorentina, con una lunga serie di note liete per Fonseca. Battere i viola, tra le squadre più qualitative di questo campionato nel reparto offensivo, era fondamentale per dare continuità ai risultato ottenuti di recente. Farlo con una prestazione più che convincente, poi, consente a questa squadra di dare un segnale a tutte, soprattutto in vista della lotta Champions League che andrà a caratterizzare tutta la stagione.

Le pagelle di Roma-Fiorentina

Cosa ci dicono le pagelle di Roma-Fiorentina? Fondamentalmente, danno risalto alla prova fornita dal tridente giallorosso, con Dzeko sempre più punto di riferimento e Pedro diventato elemento insostituibile per il suo allenatore a poche settimane di distanza dal suo approdo nella Capitale. Tuttavia, una menzione particolare se la merita anche Smalling, visto che con lui tutto il reparto difensivo sembra molto più sicuro rispetto a quanto abbiamo osservato ad inizio stagione.

Mirante 6,5: ordinaria amministrazione per lui, ma nelle due occasioni in cui viene chiamato in causa risponde presente;

Mancini 6,5: ottimo in fase di chiusura, ma deve ancora fare passi in avanti in fase di costruzione quando il baricentro si alza;

Smalling 7: nessun errore, ordine e compattezza data a tutta la linea. Con lui si respira un’aria diversa e la squadra con questa struttura potrà solo crescere;

Ibanez 7: la solita aggressività, questa volta controllata per novanta minuti senza particolari sbavature;

Karsdorp 6,5: può fare ancora di più nella fase offensiva, ma è perfetto in difesa con diagonali sempre precise;

Veretout 6: non la sua miglior partita, ma appena la squadra va sottoritmo, riesce a riportarla sulla retta via con giocate poco appariscenti;

Pellegrini 7: letteralmente trasformato dopo la pausa per le nazionali. Finalmente incisivo e propositivo in zona offensiva;

Spinazzola 6,5: paradossalmente, fa gol ma non ci regala la migliore partita della stagione. Soprattutto l’uno contro uno non ha percentuali delle serate di grazia;

Pedro 7,5: una spina nel fianco per le difese avversarie. Il gol dice solo in parte quanto sia fondamentale in fase di costruzione;

Mkhitaryan 7: comincia ad avere finalmente più continuità nei novanta minuti. Dettaglio cruciale per la manovra della squadra;

Dzeko 7: lotta e si danna l’anima per tutta la partita. Non fa gol, ma con questo spirito glie lo si può perdonare.

6 pensieri su “Le pagelle di Roma-Fiorentina: spettacolare il tridente giallorosso

  1. Dovevamo vincere.
    Abbiamo vinto.
    In modo netto, chiaro.
    Con meno gol rispetto alle occasioni create.
    Da manuale del calcio la terza rete.
    Ora continuità di risultati.

    FRS

  2. Ancora c’aspettano a dare un calcio in culo a pastore! Ma qsto viene stipendiato xcosa? Oh quasi 4ml prende, ma ke fa skerziamo. Rescissione subito e prendiamo manduzkic!

      1. nn lo avrei fatto il nome se:

        -avessero preso un 9 discreto invece de sta pippa spagnola
        -avessero preso un 9 cn le stesse caratteristike di dzeko, xkè manco 1punta è.

  3. Concordo con Rugantino, chissà che domani non ci sia una bella sorpresa per noi con l’accoglimento del ricorso per la gara di Verona.
    Ci sono squadre che vanno avanti a rigori e partite regalate a tavolino, noi invece come sempre contro tutto e tutti.

  4. mi rode il culo… cn un terzino dx e un vice-dzeko, nn dico forte ma almeno decente, la lupa sarebbe stata iper-competitiva, senza dimenticare il punto di verona scippatoci..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.