ESCLUSIVA. Ag. Yoskov: “E’ un bomber. Conferma? La Roma non ha fissato una deadline”


La Roma ha preso in prova il giovane talento bulgaro Valentin Yoskov, di cui ci ha parlato Gianfranco Cicchetti QUI. Per saperne di più, abbiamo chiesto all’agente del giovane Yoskov, Milen Georgiev. Ecco le parole dell’agente, rilasciate in esclusiva a Forza-Roma.com.

Valentin è in prova attualmente. Quando avremo la risposta? Non lo sappiamo con certezza. Yoskov è un bomber: non so cosa ha la Roma e cosa cerca, ma lui è il miglior giovane bulgaro, avendo segnato oltre il 60% dei gol della sua Nazionale. Sicuramente questa per lui è una buonissima esperienza per lui. Gli piace molto Roma ed il centro sportivo in cui si sta allenando in questi giorni. La Roma non ha fissato una deadline“.

Oggi il ragazzo sarebbe dovuto tornare in Bulgaria. Nelle prossime ore la decisione della società.

Photo Credits | Getty Images

Photo Credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  La situazione Veretout ad inizio agosto in casa Roma

27 commenti su “ESCLUSIVA. Ag. Yoskov: “E’ un bomber. Conferma? La Roma non ha fissato una deadline””

  1. Diamo via Destro? Prendiamoci Yarmolenko allora… Ragà, se dico che questo è un animale non gli faccio per niente giustizia. Questo le porte le spacca, oltre ad essere bravo a servire i compagni!

    Rispondi
      • @onemoretime: Ma perché, un trio là davanti Iturbe-Yarmolenko-Gervinho, con Manuel che finalmente comincia a rullare, lo vogliamo buttare? Poi altro che 1-0 striminziti…

      • @Gugly_89: Mamma mia.. Ero convinto l’avremmo preso a Luglio diavolo!
        Sì sono d’accordo, se cediamo Destro non lo facciamo per restare con Borriello o prendere Denis.. Lo facciamo perché possiamo arrivare a qualcuno di meglio!

      • @onemoretime: Comunque possiamo sta tranquilli secondo me: se Destro va via, allora il sostituto BUONO è bello che pronto… solo non vorrei andasse al Milan, quello si 😐 !

  2. 22.07.1927 ha detto:

    vi do qualche news, ecco come ci hanno soffiato scamacca
    Non era un giallo, perché il nome del Psv Eindhoven era uscito in maniera molto netta. Ma mancava l’ufficialità. Fatto sta che alle 18,30 di oggi, il club olandese ha deciso di ufficializzare il tesseramento di Gianluca Scamacca, il centravanti sedicenne della Roma Allievi e della Nazionale, con un sms al club giallorosso. «Abbiamo trovato un accordo con il vostro calciatore». Altro che accordo: contestualmente Scamacca andava oltre l’ufficialità e postava la sua foto con Marcel Brands, nella sede del Psv, maglia numero 9 tra le mani. La Roma aveva offerto un contratto sontuoso – da serie A – al ragazzo che, attraverso il suo manager, chiedeva il doppio. C’è da dire che nella mattinata di oggi, in virtù di quel clima di amicizia, correttezza e mutuo soccorso che alimenta alcuni grandi club, il Real e l’Arsenal hanno offerto con un contatto formale l’appoggio al club giallorosso, rendendosi disponibili a prendere il ragazzo in cogestione con la società di Pallotta e riconoscendo un buon contratto al giocatore. Certo, non i tre milioni che dovrebbe aver fruttato a tutti gli interessati l’operazione Scamacca al Psg. Ma il ragazzo, la famiglia, i mediatori, avevano già deciso. Erano già a Eindhoven. Ultimo dettaglio: mister Brands si è presentato quasi con il timore di non essere riconosciuto… Alla Roma gli hanno risposto che lo conoscevano benissimo e che un anno e mezzo fa il suo club era quello a cui avevamo dato 18 milioni per Kevin Strootman, finiti di pagare da poco. E si sono complimentati per il comportamento. Il club giallorosso è furioso per questa vicenda: soprattutto con l’agente del ragazzo e con il Psv che pagherà un indennizzo di 270.000 euro.
    LA PROPOSTA DI ARSENAL E REAL – Gianluca Scamacca ha firmato per il Psv utilizzando come da regolamento internazionale il parametro Fifa al compimento del sedicesimo anno di età: nelle casse della Roma finiranno 270.000 euro. La società giallorossa è furiosa per le modalità con cui si è concretizzata l’operazione, a fronte del fatto che aveva formulato al ragazzo al suo agente una offerta importante da diluire in sei anni: una proposta da giocatore che avvia il suo cammino in serie A. Ieri mattina il Real Madrid e l’Arsenal avevano contattato la Roma per offrire il loro aiuto, il loro supporto in questa vicenda. Per evitare lo scippo e co-gestire con i giallorossi l’affare Scamacca, un talento molto apprezzato anche a livello internazionale. Il club spagnolo e quello inglese, insomma, non si erano proposti con un indennizzo, ma con una vera e propria gestione condivisa, prendendo il ragazzo, e magari portandolo ad una valorizzazione che avrebbe gratificato anche il club di Pallotta. Un gentleman agreement che tra club europei è d’uso. Ma Scamacca aveva già scelto Eindhoven, dove è stato presentato oggi pomeriggio.
    intanto, danno quasi quasi certo l’esonero di luis enrique, che non va daccordo con messi. L’allenatore spagnolo non ha gradito il fatto che la società non l’ha difeso. Mi ricorda la vicenda totti, il fatto di non andare daccordo con i campioni può essere un limite per la sua carriera.

    Ma quanto gli daranno d’ingaggio al ragazzo??

    Rispondi
  3. se diamo via destro deve venire uno piu’ forte di lui senno’ mi tengo mattia ma io dico l’inter compra podolsky,shaquiry e forse mario suarez riscatto a giugno per tutte e 3 circa 35 milioni loro stanno messi molto male con fpf e noi stiamo immobili invece di pensare a rinforzarci che questa e’ e’ un occasione piu’ unica che rara per vincere il campionato invece niente bo io non lo capisco sabatini e pallotta poi sento i nomi di denis e quagliarella mi viene una depressione ma che siamo matti se va via lui io mi aspetto uno tipo luiz adriano almeno o lacazette o pato

    Rispondi
  4. charly ha detto:

    il dopo destro sarebbe denis o quagliarella? speriamo sia un scherzo!!

    A sto punto mi prendo Gomez seriamente…

    Tra tutti i vari Denis, Quagliarella, pazzini, Gomez sarebbe l’ideale tea questi.

    Rispondi
  5. Ragazzi, indossare la maglia giallorossa e’ un privilegio.
    Totti, De Rossi e Florenzi sono un esempio che il calcio mercenario che non può’ comprare tutti.
    chi va via da Roma per soldi non fa molta strada…. Lamela (un bel goal e poi?), Chivu (testa di c..uoio), Amantino Mancini…. presto Benatia…..anche il buon Marquinho e Marquinhos…
    Questo ragazzino fara’ la fine di quello laziale andato al Manchester Udt, tre goals in tre partite e poi scomparso.
    Un campione si vede da tutto non solo da come tocca la palla.
    Uomini non caporali.
    Ciao Scamaccahai scelto i soldi, maledetti e subito: chi vivrà vedrà
    Forza Roma dall’Arizona!

    Rispondi
    • @Fateride:

      Ok tutto, ma de rossi guadagna 6.5mln netto, a pochi anni fa Totti guadagna 5.5mln.

      Chivu ha vinto il triplete.

      Benatia gioca titolare nella squadra più forte al mondo.

      Lamela si è mezzo perso per avidità del padre.

      Marcos ha 19-20 anni oggi, nn può fare il titolare in una squadra top.

      Osvaldo nn voglio farti scordare che è stato il capocannoniere della Roma per 2 stagioni cn 16 e 14 goal in 2 anni.

      Marquinho, mancini, tutti buoni giocatori ma nulla più.

      Rispondi
  6. inter e in parte la Roma sono sotto osservazione per i bilanci con il fair play finanziario
    eppure l’inter prende podolski, shaqiri, mega contrattone a Mancini più pagano ancora Mazzarri.
    a me sembra tutta una cavolata sto fair play, sento dire che la Roma non può comprare se prima non vende e allora come mai l’inter spende ?

    Rispondi
    • L inter li ha presi in prestito con diritto di riscatto obbligatorio.. Sperano di arrivare in cl grazie a loro due per poi pagarli a fine stagione con i soldi della qualificazione
      Tuttavia è un rischio perchè se non vanno in cl sono nella cacca perche essendo obbligati a pagarli, il fpf ritornerebbe su di loro e non potrebbero investire su altri giocatori!@tigeRM:

      Rispondi
    • @tigeRM: Danno per scontato che cmq a Giugno mezza squadra verrà ceduta perchè Mancini non è interessato a tenerli.
      Vedrai che Guarin, Hernanes e magari anche Icardi se arriva l’offertona saranno tutti ceduti.
      Tengono conto di questo.

      Rispondi
  7. vi do qualche news, ecco come ci hanno soffiato scamacca

    Non era un giallo, perché il nome del Psv Eindhoven era uscito in maniera molto netta. Ma mancava l’ufficialità. Fatto sta che alle 18,30 di oggi, il club olandese ha deciso di ufficializzare il tesseramento di Gianluca Scamacca, il centravanti sedicenne della Roma Allievi e della Nazionale, con un sms al club giallorosso. «Abbiamo trovato un accordo con il vostro calciatore». Altro che accordo: contestualmente Scamacca andava oltre l’ufficialità e postava la sua foto con Marcel Brands, nella sede del Psv, maglia numero 9 tra le mani. La Roma aveva offerto un contratto sontuoso – da serie A – al ragazzo che, attraverso il suo manager, chiedeva il doppio. C’è da dire che nella mattinata di oggi, in virtù di quel clima di amicizia, correttezza e mutuo soccorso che alimenta alcuni grandi club, il Real e l’Arsenal hanno offerto con un contatto formale l’appoggio al club giallorosso, rendendosi disponibili a prendere il ragazzo in cogestione con la società di Pallotta e riconoscendo un buon contratto al giocatore. Certo, non i tre milioni che dovrebbe aver fruttato a tutti gli interessati l’operazione Scamacca al Psg. Ma il ragazzo, la famiglia, i mediatori, avevano già deciso. Erano già a Eindhoven. Ultimo dettaglio: mister Brands si è presentato quasi con il timore di non essere riconosciuto… Alla Roma gli hanno risposto che lo conoscevano benissimo e che un anno e mezzo fa il suo club era quello a cui avevamo dato 18 milioni per Kevin Strootman, finiti di pagare da poco. E si sono complimentati per il comportamento. Il club giallorosso è furioso per questa vicenda: soprattutto con l’agente del ragazzo e con il Psv che pagherà un indennizzo di 270.000 euro.

    LA PROPOSTA DI ARSENAL E REAL – Gianluca Scamacca ha firmato per il Psv utilizzando come da regolamento internazionale il parametro Fifa al compimento del sedicesimo anno di età: nelle casse della Roma finiranno 270.000 euro. La società giallorossa è furiosa per le modalità con cui si è concretizzata l’operazione, a fronte del fatto che aveva formulato al ragazzo al suo agente una offerta importante da diluire in sei anni: una proposta da giocatore che avvia il suo cammino in serie A. Ieri mattina il Real Madrid e l’Arsenal avevano contattato la Roma per offrire il loro aiuto, il loro supporto in questa vicenda. Per evitare lo scippo e co-gestire con i giallorossi l’affare Scamacca, un talento molto apprezzato anche a livello internazionale. Il club spagnolo e quello inglese, insomma, non si erano proposti con un indennizzo, ma con una vera e propria gestione condivisa, prendendo il ragazzo, e magari portandolo ad una valorizzazione che avrebbe gratificato anche il club di Pallotta. Un gentleman agreement che tra club europei è d’uso. Ma Scamacca aveva già scelto Eindhoven, dove è stato presentato oggi pomeriggio.

    intanto, danno quasi quasi certo l’esonero di luis enrique, che non va daccordo con messi. L’allenatore spagnolo non ha gradito il fatto che la società non l’ha difeso. Mi ricorda la vicenda totti, il fatto di non andare daccordo con i campioni può essere un limite per la sua carriera.

    Rispondi
    • @22.07.1927:

      Certo visto da fuori l’intrigo Scamacca lascia qualche perplessità. Se il giocatore era uno dei profili più apprezzati in ambito europeo mi chiedo perché si sia ridotti all’ultimo per sistemare la questione. Si sa come vanno queste cose. Se metti insieme genitori avidi e un procuratore spregiudicato la cosa era preventivabile. Forse la società in ossequio ad un fair play che la contraddistingue non ha pensato per tempo di tutelarsi per trattenere un talento che a breve potremo rimpiangere.

      Rispondi
      • Va be’, anche noi con Nico Lopez abbiamo fatto più o meno lo stesso. Cmq c’è poco da fare: se uno non vuole firmare non è che gli si può puntare la pistola alla tempia per costringerlo, e se arriva qualcuno che fa offerte fuori mercato è da pazzi cercare di pareggiarle. Certo, se poi si considera quanto è stato speso per le tante giovani promesse che abbiamo preso in questi anni, certo che girano un po’ le palle… però non esiste dare ad un sedicenne quanto prendeva Florenzi prima del recente rinnovo. Riguardo al lato tecnico: è vero che il ragazzo si mangiava i pari età anche per la stazza (ci sono dei filmati su youtube in cui sembra Gulliver in mezzo ai lillipuziani) però sa anche calciare il pallone ottimamente (tira davvero bene) e a quell’età e con quella stazza non è facile. Vedremo come andrà. Onestamente, senza rancore. In questi tempi difficili, vorrei vedere chi avrebbe il coraggio di rinunciare a quei soldi e a sedici anni poter già dare un futuro alla propria famiglia, in un paese molto più civile e organizzato della nostra Italia.

Lascia un commento