Marra ai tifosi: “Fidatevi della Sensi non di certi squali”

Ecco la lettera integrale di Pippo Marra, consigliere della As Roma indirizzata ai tifosi giallorossi: 
"Cari Tifosi
scrivere “cari Tifosi” mi fa sorridere. Mi sembra di scrivere a me stesso e non ad altri, non a una folla grande come quella che la domenica riempie le curve e le tribune dell’Olimpico, o come quella immensa del Circo Massimo per festeggiare lo scudetto e Franco Sensi, l’uomo che fortissimamente lo volle.
Cari Tifosi, da antico tifoso della Roma e come amico di sempre di Franco Sensi e di sua figlia Rosella sento il dovere di esortare me stesso e voi a fare qualcosa di impossibile per un tifoso: di ragionare sulla Roma di oggi e di domani, oltre che di amarla e provare per lei un sentimento quasi morboso.
Noi guardiamo la Roma un’ora e mezzo la domenica, al campo o alla tv, e gli altri sei giorni della settimana pensiamo a lei e parliamo di lei. E fra le pieghe di questo vostro, nostro sentimento, s’insinua spesso la coda del Diavolo. A volte più lunga di come la raffigurano i pittori di Corte. Così lunga da scavalcare, in andata e ritorno, i confini nazionali e da costringerci a parlare più del Diavolo che dello stesso oggetto della vostra, nostra passione. E qui mi fermo con la metafora, perché a buon intenditore…
La Roma fa gola a molti. È la squadra della Capitale e chi la possiede conquista un’immagine nazionale e internazionale, e mette le mani persino sui nostri e vostri sogni. Con gli appetiti affiorano gli interessi economici. E noi tifosi lo sappiamo. Ma gli interessi possono essere leciti e meno leciti sino a drogare prima i nostri sogni e poi a deprimerli. Ne sappiamo qualcosa noi della Roma, lo sanno i tifosi laziali, napoletani, dello stesso Milan prima di Berlusconi e così via.
Tutto ciò ci deve indurre a riflettere prima di urlare “Rosella blà-blà”. Riflettere sulla storia della famiglia Sensi e sui sacrifici patrimoniali fatti per sostenere una squadra e una passione. E vorrei ricordare che quando Franco affrontò quegli investimenti aveva già tutto e non doveva conquistare nulla con la Roma, se non aprire il cuore ad un amore che era già del padre. Riflettere per non lasciare che veleni inquinanti oltrepassino i cancelli di Trigoria e raggiungano il campo e gli spogliatoi. Riflettere e sentirsi al fianco di Rosella, fidarsi di lei e non di squali travestiti da sirene.
Conosco Rosella da bambina e mi fido totalmente di lei, della sua passione e intelligenza. E sono certo che ciò che fa, o farà, sarà sempre nell’interesse della vostra, nostra Roma. D’altro canto lei, la madre e le sorelle non devono dare alcuna prova di fedeltà ai colori giallorossi. Hanno dato tutte queste prove. E, lo ripeto, in solido. E non con facili investimenti verbali".
                                                    
                                                                                                                                                                Giuseppe Marra,
                                                                                                                                                                Cavaliere del lavoro
                                                                                                                                                                e Consigliere della Roma

Condividi l'articolo:

15 commenti su “Marra ai tifosi: “Fidatevi della Sensi non di certi squali””

  1. Superpippo Marra taci tu nn sai neanke ke vuol dire essere tifoso ti ingozzi solo a spese di tutti i tifosi della Roma TACIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    Rispondi
  2. meglio rischiare con gli squali,che rimanere nell’ombra,io non mi accontento di un misero sesto posto.BASTA non c’è la facciamo piu!!!!!!!!

    Rispondi
  3. Prosegue la telenovela dell’affaire A.s. Roma. Mentre gli animi dei tifosi sono fortemente riscaldati Sporteconomy sta cercando di fare chiarezza sull’identità dei potenziali acquirenti del club di Trigoria… Secondo quanto risulta a Sporteconomy uno degli avvocati dell’agente Vinicio Fioranelli, tra i soggetti individuati a capo di una cordata austro-italiana per l’acquisto dell’A.s. Roma si chiamerebbe “Flick”, proprio come il magnate svizzero-tedesco presentato come il possibile nuovo azionista/proprietario della società capitolina. In attesa di arrivare a una verifica di questo “rumour” (la nostra struttura ancora segue l’abc di questa professione), c’è da fare una piccola riflessione. Se verrà confermata siamo di fronte a una nuova “bufala” che ha sempre per oggetto il club di Trigoria. La domanda sorge spontanea: ma la Consob dov’è? Non dovrebbe vigilare?. Perchè, sempre in caso di conferma, non è difficile immaginare uno sgonfiamento di questo sufflè dal profumo finanziario. Dopo Soros, quindi, Flick o, forse, “Flop”. Noi, in questo momento, siamo da parte della società A.s. Roma, che continua a smentire, ma non viene più creduta.

    ahahahahahahahahhahahahah ahahahahahahahahahahahahhahahahahah questo spiegherebbe il perchè la roma non verrà acquistata…..perchè chi la vuole non ha un euro ahahahahahahahah che pena che mi fate

    Rispondi
  4. Se,come dice questo sig.marra,i Sensi vogliono bene alla Roma devono fare solo una cosa:vendere a chi e’ in grado di fare una grande Roma perche’ loro non lo possono piu’ fare.Mi sembra una cosa talmente ovvia che nemmeno ci sarebbe bisogno di dirla,ma di fronte a queste lettere senza senso di questo Marra,occorre ribadirlo con forza:la Roma al piu’ forte,per essere piu’ forte.

    Rispondi
  5. e tu ti definisci un tifoso storico e noi che siamo io per vedere la mia roma faccio 400km ogni volta che si gioca in casa e quindi stai parlando di un tuo interesse personale soldi,vogliamo piu rispetto no prese in giro io amo la roma i colori e la fede che scorre nelle mie vene sempre forza roma :18: :18: :23: :23:

    Rispondi
  6. ma statte zitto e non rompe i coglioni!!!!!!!!!! ma quale vecchio tifoso, sei simpatizzante da meno di 20 anni!!!!
    STO BUFFONE, TANTO LO SANNO TUTTI CHE SEI PAGATO DALLA SENSI PER SCRIVERE STE LETTERE!!!!

    Rispondi
  7. questo viene da Marte?? diciamo che ci sono dei soggetti interessati a investire sulla Roma e costui li indica come squali!!!??? Ciò è veramente preoccupante poiché è detto non da uno qualunque ma da un membro del CdA. Allora, se vuole fare del bene può fare una bella cosa: mettere lui sul tavolo un bel po’ di soldi per ricapitalizzare la sociatà. Comunque se si leva dalle scatole noi gradiremmo di più o almeno che restasse in silenzio.

    P.S. dimenticavo….Mr. Marra della lettera ai tifosi (quelli veri) ci faccia un bel rotolino e se lo ficchi dove vuole

    Rispondi
  8. sto vomitando , quando un essere meschino e viscido come costui parla della roma mi viene da vomitare
    si spaccia per tifoso antico ma ha dichiarato lui stesso di essere diventato tifoso tipo quando aveva una quarantina d’anni solo perchè il suo amico franco sensi l’ha comprata quindi solo per interessi, tant’è che la sua agenzia viene pagata dall’as roma come organo di comunicazione,
    marra vergognati e sciacquati la bocca prima di parlare della roma , di squali e di occhiute rapine perchè noi non siamo coglionj

    Rispondi
  9. “Caro” Sig. Marra se vogliamo una squadra media i Sensi vanno benissimo, se parliamo del Calcio che conta (Scudetti, Champion’s o solo fare una semifinale) allora l’attuale Società è lontana anni-luce. Non sò se i Flick e prima i Soros sono squali o diavoli, di certo non si vince con le trote o con gli angioletti. Stia zitto perchè Lei è super-interessato che la dirigenza Sensi resti e se si vanta di essere un vecchio tifoso, Lei stesso nella lettera dell’anno scorso(Soros) diceva che si è avvicinato al calcio e nella Roma da quando Sensi divenne Presidente, quindi al massimo è un tifoso da metà anni 90. Un pò di rispetto per chi ha visto la Rometta!!! E che non vuole più vederla!!!

    Rispondi
  10. è proprio perchè ragiono sulla roma di oggi e di domani che vorrei la tua protetta fuori dagli zebbedei caro pippo “che cavolo di ruolo hai nella società” marra

    Rispondi
  11. E’ tutto come l’anno scorso. Prima vicini al passaggio, azioni che crescono e poi calano, smentite, lettera di Marra, e tifosi un’altra volta presi in giro.

    Rispondi

Lascia un commento