Il calciomercato ai tempi degli agenti sciacalli…


Il calciomercato è palesemente cambiato. Le vecchie leggi non hanno più valore, la morale non è più di casa. L’unica squadra che ha ancora la forza, in tutti i sensi, di non giocare d’astuzia è il Real Madrid. Dove voglio arrivare? Nel calcio odierno, i giocatori con il contratto in scadenza che non mostrano immediatamente l’intenzione di rinnovare il contratto, vanno ceduti. Il calcio di oggi è nelle mani degli agenti sciacalli, che appena fiutano “l’affare” cominciano a mendicare di qua e di là, promettendo il giocatore (il più delle volte è un giovane) alla squadra che offre di più all’agente, nella mediazione. E’ una cosa che fa ribrezzo, ma si pensi a Raiola: diventato famoso per la sua capacità di cedere giocatori, di fargli passare la voglia di restare in un dato posto. Pensiamo agli episodi Mexès, Chivu, Mancini per restare in casa Roma. Ai vari casi Bresciano, Simplicio (qui anche la Roma ha agito così), Vucinic e Macheda. Pensiamo a quando le grandi squadre stringono l’accordo prima con i genitori del ragazzo, poi con l’agente che avrà il compito di obbligare la società di appartenenza del proprio assistito a cederlo a quella determinata squadra ad un prezzo molto, molto più basso. Sappiate, e mi prendo la responsabilità di quel che dico, che il mercato dei giovani è ancora più sporco di quello dei “grandi”. So per certo che c’è un fenomeno davvero scandaloso che sta sporcando anche il calcio giovanile. Ve lo spiego così: io sono un agente ed ho un accordo con il club X, che si è preso l’impegno di prendersi almeno 3 giovani della mia scuderia. Cos’avranno in cambio? Un agente, in questo caso io, che lavorerà da direttore sportivo e talent scout. Ovviamente, ben pagato. In cambio dei miei servigi di sciacallo, in poche parole, loro si prenderanno i miei giovani, a prescindere dal loro valore. Tutto questo, a discapito di quei talenti VERI, che si vedono scartati senza un motivo valido, dopo ottime prestazioni. A parte questo SCHIFO, concludo il discorso iniziale parlando di De Rossi e Montolivo. Il secondo ha un accordo con il Milan da tempo, alla faccia di Corvino e dei dirigenti Viola. Quest’estate ha rifiutato la Roma, quando il d.s. della Fiorentina l’aveva ceduto a noi. De Rossi, invece…beh, non ha accordi con nessuno, ma riuscirà a strappare una cifra più alta grazie alla minaccia di Berti di portare il ragazzo a trattare con City, Real Madrid e via discorrendo. Insomma, il calciomercato è cambiato. E mi (ci) piace sempre meno…


LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Inter-Roma: Zaniolo sempre ago della bilancia

8 commenti su “Il calciomercato ai tempi degli agenti sciacalli…”

  1. Macheda immenso fortissimo impressionante il piu grande attaccante di tutti i tempi per ora ho visto una decina di gol con il Manchester e una merda con la Samp!
    Questo è tutto grazie al suo agente e alla sua oppresssione e forza contro lotirchio federico e la famiglia si sento dei scesi in terra!
    Dico solo una cosa il silenzio da parte dei mass media e il nostro aiuterebbe a migliorare il mondo del calcio e della società in generale…
    Il calcio influenza ogni tipo di lavoro pubblico dalla borsa al governo fino a quelli degli umili artigiani!

    Ci vuole silenzio!!!!

    Rispondi
  2. Il mondo è s p o r c o e difficile. Tutto però sta nell’avere una furbizia: sai quali sono le regole del gioco? Allora o lo giochi anche tu o ti previeni, proprio perchè sai come vanno le cose. Ecco perchè non vanno lasciate questioni contrattuali sospese, perchè i contratti vanno rinnovati prima o perchè (come giustamente dici) alle prime avvisaglie di un possibile rifiuto di rinnovo il giocatore va immediatamente ceduto.

    Rispondi
  3. comunque aggiungiamo che senza tutta ‘sta cagnara che fanno i media sul mercato questo giochino dei procuratori sarebbe inefficace, impossibile.. con il silenzio sarebbe solo un duro faccia a faccia fra loro e le società.. quindi ognuno si assuma le proprie responsabilità.. parliamone meno e vedete come le cose vanno a posto..

    Rispondi
  4. mexes di faccia e di fatto somiglia al Dandi di Romanzo criminale – la serie.. furbo, opportunista e attaccato ai soldi, tale e quale..

    Rispondi
  5. Già e a questi ci si dovrebbero aggiungere due(allora) ragazzini come De Martino e Petrucci,che sono letteralmente scappati dalla Roma,per cercare fama e facili guadagni altrove.Il primo ha fallito alla grande,l’altro(condannato a marcire nella squadra riserva del Manchester utd.)sembra avviato sulla stessa strada.Forse c’è ancora giustizia nel calcio.

    Rispondi

Lascia un commento