Secondo Claudio Fenucci la Roma crescerà nel 2014


Claudio Fenucci, amministratore delegato della Roma, è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport nell’edizione odierna. Il dirigente della Roma ha parlato dei maggiori argomenti di interesse che gravitano in questi giorni attorno alla Roma. NE riportiamo uno stralcio:

Osvaldo avrebbe preferito che il suo cazzotto a Lamela fosse rimasto nello spogliatoio, e invece siete stati proprio voi a darne notizia. Perché?

“Abbiamo pensato che dare un segnale sui principi di correttezza e comportamento fosse più importante che difendere una posizione dall’esterno. Conosco bene Osvaldo, so che ha l’intelligenza per capire i motivi della nostra scelta. Detto questo, il gruppo ha dato subito segnali di coesione”.

Magari a scapito di Luis Enrique… Totti lo ha ribattezzato “Zichichi”, lei come lo definirebbe?

“È un insegnante. Più che inventarsi una scienza, sta cercando di portare una filosofia nuova. La sua proposta calcistica ha contenuti tecnici diversi, ci vuole tempo perché venga assimilata. Per quanto si è visto finora, comunque, sono ottimista: nella seconda parte della stagione le prestazioni cresceranno”.

Ma i tifosi cominciano a chiedersi quando e se la Roma americana vincerà qualcosa?

“Dobbiamo essere onesti. Abbiamo ricevuto un’eredità finanziaria complessa, la Roma nel recente passato ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità. Abbiamo numeri negativi e li avremo per un po’: il percorso di risanamento che abbiamo iniziato ci consentirà di tornare in equilibrio nel 2014. Fino ad allora, dovremo essere bravi a restringere la rosa e ridurre il monte ingaggi pur non rinunciando agli investimenti. Ma sempre su giocatori di prospettiva, talenti da crescere”.

Questo significa che per i prossimi tre anni la Roma non potrà permettersi un Ibrahimovic o un Messi?

“Evidentemente è così”.

Eppure avete previsto un investimento enorme per rinnovare il contratto di De Rossi. Quanto vi divide ancora?

“C’è differenza, certamente non siamo ai dettagli finali. Stiamo pensando di modulare la nostra offerta in modo tale da rendere i primi anni del contratto più in linea con il nostro budget. Aspettiamo risposte”.

Restiamo sui numeri: cosa manca alla Roma per raggiungere il fatturato delle grandi?

“Lo stadio, solo quando ne avremo uno nostro potremo colmare il gap con Juventus, Milan e Inter. Nel frattempo, potremo solo aumentare i ricavi dallo sfruttamento del marchio. Ma per riuscirci, dobbiamo aumentare la competitività della squadra e tornare stabilmente nelle coppe europee. Sta qui la nostra difficoltà. I posti in Champions sono limitati e l’Europa League non offre la stessa vetrina. Io le riunirei in un’unica competizione, in modo da garantire posti sicuri ai Paesi più sviluppati”.

È la Superlega europea già bocciata da Platini, che non vi ha aiutato nemmeno con il fair play finanziario…

“Il fair play è giusto, ma va corretto. Sacrosanto non spendere soldi che non si hanno, ma perché vietare investimenti che si possono coprire con aumenti di capitale?”.

Il vostro da 50 milioni tarda ad arrivare. Anche qui problemi di cassa?

“Quante volte dobbiamo dire che gli azionisti americani hanno già prodotto tutte le garanzie necessarie? Ci sono passaggi tecnici da rispettare, la ricapitalizzazione sarà completata entro febbraio”.

E lo stipendio da 1,2 milioni a DiBenedetto quando sarà accordato? Non è lo stesso che percepiva la Sensi?

“Anche qui, il Cda deve aspettare che si formi il comitato preposto agli emolumenti, che comunque riguardano tutto il consiglio”.

Chiudiamo col botto. Ci spiega la posizione della Roma in Lega? Dal sostegno alle grandi al ricorso col Napoli contro l’ultima decisione sulla spartizione dei diritti tv

Avevamo raggiunto un’intesa sul peso dell’audience che è stata modificata. Con il Napoli c’è sintonia, abbiamo bacini e fatturati simili. Quando ci siamo visti con De Laurentiis abbiamo posto le basi di un percorso comune per una nuova politica sportiva”.

È un’alleanza contro le grandi del Nord?

No, è un tentativo di modificare la governance del calcio italiano. Possiamo anche cambiare Beretta, un ottimo professionista che ha governato in un momento difficile, ma con le attuali regole il presidente non decide niente. Dobbiamo dare più poteri agli organi esecutivi. Questioni come la legge 91, gli stadi, la riforma dei campionati sono interessi comuni che vanno difesi dagli organi della Lega. Mentre oggi vengono lasciati ai singoli presidenti, che a volte si rivelano portatori di interessi particolari”.


31 commenti su “Secondo Claudio Fenucci la Roma crescerà nel 2014”

  1. comunque ciò che dice mi conferma ciò che penso.. luis enrique è stato preso come formatore di giovani, traghettatore che nel frattempo porta una nuova mentalità di lavoro.. ma non vincerà a roma, non è stato preso per quello, visto che vogliono vincere fra 3 anni..

    Rispondi
  2. sì, adesso è colpa di rosella se non possiamo prendere giocatori forti.. ma vaaaa..!! ma i soldi ci sono o no? se i soldi ci sono i debiti contano relativamente.. non ci depistare, fenucci, se puoi prendere 12 giocatori come l’ultima estate puoi prenderne anche solo 3 che valgano di più.. usate il cervello e non prendete dozzine di giovani che FORSE vinceranno fra 3-5 anni.. non siamo mica scemi..

    Rispondi
  3. Semplice, se i tifosi vogliono vincere subito ci toccherà vendere i giocatori più bravi, come accadde con la Roma di Spalletti.
    Ed emergere occasionalmente con le pezze.

    Se si ha pazienza, si ridimensionano gli eccessi, gli ingaggi, un po’ di marketing, stadio e la Roma sarà squadra mondiale!

    Io ci credo!

    Rispondi
  4. IO CONTINUO A MERAVIGLIARMI DI MOLTA GENTE CHE COMMENTA SU QUESTO SITO: MA COSA CREDEVATE CHE POTESSE FARE UNA NUOVA SOCIETA’ CON UNA SITUAZIONE COME QUELLA CHE AVEVA LA ROMA. ANZI E’ PURE TROPPO CHE QUALCUNO SE LE ACCOLATA E CON I SOLDI DISPONIBILI (NON HANNOMAI MILLANTATO INVESTIMENTI ILLIMITATI) SI STANNO FACENDO MIRACOLI. LA ROMA ERA DA RISANARE ECONOMICAMENTE E CALCISTICAMENTE E QUESTO NON PUO’ ACCADERE IN TEMPI BREVI …..E SE DDR NON RIMANE ‘STICAZ..!!!

    Rispondi
  5. Facciamo 2 calcoli:il progetto è iniziato nell’anno 2011-2012 ,fenucci dice cresceremo nel 2014 io contro 3 anni…..

    Prima avevano detto :siate complici contiamo di vincere.

    Ora dicono in 3 anni si cresce…
    Versione cambiata e rivista..

    Qui spesso si usa l’espressione anche in modo ingiusto,”vai un po dove tira il vento”,ma in questo caso,ci sta tutta!!!!!!!!!!!!
    La roma attuale nn puo vincere in 2 anni,considerando che 1 anno è gia bello che andato e nn se vince niente.

    Rispondi
  6. La sappiamo tutti qual è la verità e lo sappiamo da tempo: De Rossi non firmerà. Daniele andava ceduto quest’estate ma è una colpa che può essere imputata molto relativamente agli americani. Questa situazione contrattuale spinosa è un’altra bella eredità della “gestione” Rosella. Ma d’altronde il giocatore che dovrebbe restare a fare? Gli hanno detto praticamente che se resta e si fa lo stadio forse fra tre/quattro anni si vince, e se non si fa lo stadio chissà… È logico che un giocatore all’ultimo grande contratto in carriera ci pensa due volte.

    Rispondi
  7. Ragazzi dopo queste parole di Fenucci mi cadono le braccia per terra,e pure le P.alle.
    Ma avete capito cosa dice ??
    Alla domanda “cosa manca alla Roma per raggiungere il fatturato delle grandi” risponde che se non c’è lo stadio,non faremo soldi e ci possiamo scordare grandi giocatori…….
    Di conseguenza credo che possiamo salutare De Rossi………….. 😯

    Rispondi
      • il monte ingaggi è differente dal tetto ingaggi pero eh leggi bene ROMAoMORTE.
        il monte ingaggi è il totale degli stipendi che la roma paga a ogni singolo giocatore ovvero hai in rosa 30 giocatori la somam dei stipendi ti tutti e 30 fa il monte ingaggi.
        il tetto ingaggi è quanto te all’anno puoi dare ad un giocatore. ad esempio decido che per ogni giocatore che compro al massimo io posso arrivare a dare 4 milioni l’anno oltre quella cifra non vado.
        ma c’è anche da dire che ci sono molti giocatori nella roma. vedi totti, de rossi, borriello e credo altri che lo sforano sto tetto ingaggi

      • Per ridurre il monte ingaggi DEVI vendere giusto ?? e chi sono quelli che guadagnano di piu ‘ ??
        Inoltre dice che nel 2014 RITROVEREMO EQUILIBRIO, e non che cominceremo a poter spendere soldi….. qual’è sto progetto ?? vendere De Rossi e guadagnarci sopra per pareggiare il conto ?? Cosi’ allora sò boni tutti………..

    • Ma son tutte cose giuste!! Lo stadio di proprietà è fondamentale a livello economico! Senza quello non si può competere alla pari con le altre squadre superiori.

      E pure la cosa del monte ingaggi è giusta!! la Roma solo liberandosi dai pesi inutili che non servono a niente risparmia un casino di soldi che neanche immaginate!!

      Rispondi
      • Forse anche su altro 😉

        Su Greco l altra volta ad esempio ci son state delle incomprensioni ( a dir la verità dalla parte tua) quando in realtà il nostro pensiero era uguale!

    • io penso pero che io giocatori cosi detti fenomeni li devi pagare. senno non arriveranno mai. e di conseguenza difficilmente vinci.
      noi abbiamo potenziali fenomeni. ma poi se diventeranno tali i vari pjanic lamela bojan ecc e vogliono 7 milioni l’anno e la roma non puo tenerli che senso ha comprarli? x farli crescere cosi le altre grandi squadre li comprano belli che fatti e vincono subito e noi non vinciamo niente????

      Rispondi
  8. A gennaio te ne vai a 15 milioni (fino a quando non firma con un altra squadra è ancora nostro) e con quei soldi ci pr3endiamo diarra…e si risolve la cosa..e a mai più rivederci…

    Rispondi
  9. spero che de rossi rimana perche è fondamentale per noi.

    sulal società cerdo che sia normale aver difficoltà per far tutto, primo perche siamo in italia e per fare una cosa in italia ci vuole tantissimo tempo. quindi immagino la legge sugli stati sono anni che sta ferma e sarà ferma per altri anni.
    bisogna cambiare le regole del calcio xke senno solo le grandi del nord hanno solo loro benefici e piu soldi. quindi partiranno sempre davanti.

    io penso che la società sia solida ora al di la di tutte le voce che si dicono che gli americani non hanno una lira. ma nn voglio crederci.

    riguardo la vecchia società si è navigato in passato veramente a spendere senza soldi che poi mi viene da dire cos’hanno speso che erano anni che non facevamo mercato.

    spero che de rossi n nfaccia la fine di mexes ma quella era una tassa d pagare della vecchia società de rossi spero veramente che rimanga e spero che si faccia uno sforzo per accontentarlo perche sarebbe dura rimpiazzare uno dei centrocapisti piu forti in circolazione secondo me.

    Rispondi
  10. se la roma sarà competitiva dal 2014 deve vendere De rossi e non sprecare 6 milioni l’anno per arrivare sesta….tanto vale arrivare sesta con un centrocampista che costa 1/2 milioni l’anno anzichè un top ingaggio come De rossi

    Rispondi
    • ma scusa pero non ti capisco. perdere de rossi vuol dire (secondo me) perdere uno dei 10 centrocapisti piu forti al mondo.

      se lo vendiamo e poi vogliamo essere nell’elite del calcio europeo un altro centrocapista forte come de rossi o piu forte lo dobbiamo comprare. giusto?
      per comprare giocatori tali devi pagarli anche 7/8 milioni all’anno senno non vengono.
      quindi? io mi tengo derossi

      Rispondi
      • ti capisco ma secondo me l’ingaggio che vuole de rossi non è compatibile con questa roma. Se diamo 6 milioni a de rossi io mi aspetto che con de rossi si vinca subito; ergo serve Tevez in attacco al posto di Bojan e serve Bale in fascia al posto di Angel….monte ingaggi triplicato e possibilità di vittoria molto alte…..con Angel e Rosi tanto vale comprare un Gago qualsiasi e vendere De rossi….

      • eh nn puoi pero pensare sempre cosi. xke ti faccio un esempio, se lamela fa il botto e diventa fortissimo e arriva il real madrid e gli offre 5 milioni. io roma devo tenerlo mica posso venderlo e accontentare il giocatore. senno rimango sempre la società medio bassa.

        il punto allora è capire . che dimensione ha la roma puo diventare una delle squadre piu forti o rimaniamo sempre nel livello medio basso???

    • Ma che stai a dì…quindi io dovrei perdere De Rossi a parametro zero…un campione del mondo…uno dei centrocampisti più forti del mondo…un romano? Ahoooo ma che state mbriachi? Per me De Rossi li merita 5 o 6 milioni…e se non si danno sti soldi a uno come de rossi allora scordiamoci pure i campioni nella roma…si perchè prendere ad esempio uno come Lamela che magari tra 5 anni diventa un fuoriclasse e ti chiede 5 milioni all’anno perchè la concorrenza offre questo…cosa facciamo…lo facciam partire?
      Che facciamo scopriamo talenti per gli altri?
      Voi pensate che i giocatori giovani che abbiam preso chiederanno sempre 1 milioncini l’anno? NON CREDO PROPRIO…

      Rispondi
  11. Sapete tutti come la penso sulla nostra Roma…io credo nel progetto…ma non credo nell’allenatore che è stato scelto per portare avanti questo progetto…
    MA SE DE ROSSI DOVESSE PARTIRE A PARAMETRO ZERO NON CREDEREI PIù NEANCHE AL PROGETTO…VORREBBE DIRE CHE è INESISTENTE UNA SOCIETà CHE FA PARTITE UN GIOCATORE COME DE ROSSI A PARAMETRO ZERO.
    BISOGNA RINNOVARE IL CONTRATTO A DE ROSSI IL PRIMA POSSIBILE…QUESTO TRA QUALCHE FIORNO PUò FIRMARE PER CHI VUOLE…
    A DANIè…NUN FA L’INFAME…

    Rispondi

Lascia un commento