Per Baldini e’ importante il futuro


Come riportato questa mattina da “il Romanista”, ieri sera Franco Baldini ha partecipato ad una serata organizzata dall’Unione Tifosi Romanisti al Park Hotel Mancini e non ha voluto commentare la sentenza del tribunale penale di Napoli su Calcioploli.

Il Direttore Generale si e’ immedesimato a pieno nel clima della serata, partecipando a fotografie in mezzo a tanti tifosi “Che cosa mi ispira una sala così gremita? Un grande senso di responsabilità» e ancora  “E’ un affetto quasi invasivo”.

Tra i temi della festa anche la mostra in corso nei locali di via Baccina e dedicata allo scudetto 2000/2001. «Un bel ricordo, che mi porto nel cuore – ha commentato Baldini. – Ma non nella testa. Perché, se è giusto per un tifoso conservarne la memoria, per un dirigente è invece importante rimuovere. E’ solo storia. Non è sul passato, ma solo ripartendo dal presente, che si costruisce il futuro»

Erano  presenti, olre a Baldini e altre cariche dirigenziali, i calciatori Simon Kjaer, Fabio Borini e Bogdan Lobont, che si sono mostrati molto disponibili in autografi e e foto con i tifosi. Quasi all’unisono le loro dichiarazioni sul momento della squadra. «A Novara ho visto una squadra di qualità – ha detto Kjaer – ma ci vuole pazienza per migliorare ancora. Dobbiamo guardare avanti e continuare a lavorare come stiamo facendo. Tutti vogliono giocare sempre ma credo sia un bene che ogni giocatore, che ha così una motivazione in più negli allenamenti. E’ la giusta medicina». «Fa bene Luis Enrique – gli fa eco Borini. E’ un modo per dare spazio a tutti. Possiamo arrivare lontano, com’è obiettivo della società, dei tifosi e di noi giocatori. La classifica è così corta che basta vincere una partita, come abbiamo fatto a Novara, per ritrovarsi subito a ridosso delle prime». Accanto a lui annuiva Lobont. E con i cori e una prolungata “sciarpata”, lo confermavano anche tutti i tifosi presenti.


1 commento su “Per Baldini e’ importante il futuro”

Lascia un commento