Tacopina lascia a mani vuote il Bologna


Dopo aver creato un polverone intorno alla Roma, Joe Tacopina,come rappresentante della Tag Partners LLC, abbandona anche l’acquisto del Bologna, con buona pace del presidente Cazzola. Era nell’aria questa decisione dopo il primo stop giustificato dalla necessità di controllare i conti. Sta di fatto che l’avvocato Americano lascia la società Emiliana in una posizione non facile. A noi tifosi della Roma importa ben poco delle sorti del Bologna. Ma i movimenti di questo individuo che è stato capace di giocare con i sentimenti di due tifoserie: facendosi fotografare con la sciarpa della Roma prima, dichiarandosi da sempre tifoso del Bologna poi, ci interessano molto per ricostruire la vicenda Soros. Prende sempre più corpo l’ipotesi che i Sensi abbiano avuto pochissime responsabilità nella vicenda che è stata per molti Giallorossi un tormentone estivo. Ora chi ha criticato pesantemente, a volte persino in maniera volgare, la nostra dirigenza dovrà farsi, ancora più di prima, un mea culpa. Avreste voluto questo losco personaggio a dirigere la nostra Roma?


21 commenti su “Tacopina lascia a mani vuote il Bologna”

  1. Ragazzi guardate che Tacopina sarebbe stato il direttore generale o l’amministratore delegato! Ma vi rendete conto di chi è questo? Ma che facciamo come i laziali che volevano il ritorno di Chinaglia con gli ungheresi e avete visto come è andata a finire? i Sensi hanno creato una società solida che può fare acquisti, anche se ancora al di sotto (finanziariamente) alle big europee. Soros poi è un finanziere che ha guadagnato investendo sui grandi crolli in borsa!!! Se arrivavavno questi entro quattro anni facevamo la fine del Messina e andavamo a vedere Roma – Grottaglie o a fare il derby col Cisco!

    Rispondi
  2. tacopina è un mediatore… e cmq avevano detto di voler analizzare conti del bologna e potenzialità di merchandising prima di effettuare l’acquisto vero e proprio…ovviamente parlo della cordata usa di cui tacopina era rappresentante… quindi nessun sola anche se di certo è un affarista… quanto ai sensi credo non abbiano venduto a soros patteggiando con la mafia calcistica italiana… matarrese abete galliani…unicredit… la salvezza di italpetroli… promettendo una roma non troppo forte verso le tre del nord…

    Rispondi
  3. Tacopina è un personaggio che non mi piace affatto (penso a nessuno di voi).
    Ma attenzione non pensate sarebbe stato il nostro presidente se tutto andava come previsto.
    Il 18 aprile era solo un intermediario della ICS e se non fosse stato per la fantomatica offerta degli Arabi noi saremmo andati in mano a SOROS e non a Tacopina.

    Rispondi
  4. …lui no, ma soros si….tacopina è stato un uomo di ***** è vero, ma che i sensi non c’entrano nulla con il fallimento dell’affare non ci crederò mai…e Pippo Marra dove lo mettiamo!?Mr. occhiutarapina….il (come si definisce) grande amico del presidente Franco e famiglia….Ma vadano tutti quanti a quel paese!!!…io sò solo una cosa, che potevamo arrivare alle stelle invece siamo rimasti come al solito alle stalle…

    Rispondi
  5. tacopina e soros sono due cose molto differenti…le trattattive erano affidate alla ics e quindi a horowit…lui al massimo sarebbe entrato in soicetà…ma il presidente onorario sarebbe stato o sempre franco sensi oppure uno dei suoi figli….robert mi pare….

    Rispondi
  6. Ma che state a dì!!! Mò er sola è diventato Tacopina…..ricordatevi che stavano per chiudere l’affare e sò usciti fori l’arabi…ora al Bologna hanno chiesto di vedere i conti e poi salta tutto …ma chi sò i sola? Io penso sempre che se qualche stronzo che non ama la magica nun se fosse inventato la cazzata dell’arabi a quest’ora avevamo qualche campione…..cmq i giornali scrivono na marea de cazzate!!

    Rispondi
  7. cmq x ki ne volesse sapere di piu’ ho sentito proprio ora ke catapano presenta il libro sulle mancate cessioni della roma aradio radio ore 15.

    Rispondi
  8. ma ke c frega di tacopina poi! mo simo questi e andiamo avnti cosi’! sbrigateve a kiude pe baptista e a trova’ n’esterno bonooo!

    Rispondi
  9. Secondo me non è sto Tacopina ad alzare polveroni sulla Roma o sul Bologna… secondo me sono solo i giornalisti, perchè tutto quello che sentiamo o leggiamo lo dicono e lo scrivono loro!

    Rispondi
  10. ao’ non confendete le cose!!! tacopina si e’ dikiarato vicino a soros… ma le trattative erano affidate a ics e horowitz! in italia c incazziamo se ci kiamano tutti mafiosi pizza e bla bla ora c volete far bere ke gli americani sono tutti uguali? …e’ proprio vero ke i giornalisti sono tutti servi allora e dovete stare zitti!

    Rispondi
  11. ragazzzi, questo è un cazzaro di dimensioni bibliche
    Per me Soros non avrebbe mai affidato una sua trattativa a un personaggio del genere.
    Per me siamo stati molto fotunati a rimanere con Rosellina.

    Rispondi
  12. Si, ma non c’è stato quantomeno un difetto di comunicazione da parte della società? e poi siete così sicuri che Soros e Tacopina fossero la stessa cosa? Si può essere non così filosocietari senza essere accusati di lesà maesta o peggio di non essere (buoni) romanisti? Beati voi della redazione che non avete dubbi, o meglio sembrate averli a senso unico

    Rispondi

Lascia un commento