Il valore delle idee…

C’è un’espressione usata ed abusata, ancor di più oggi, in piena campagna austerity, in un contesto in cui il problema economico non è più solo un problema “romanista”, ma un problema generale che attanaglia tutti clubs della massima serie, piccoli, medi e pseudo grandi : ”se non puoi competere con la forza del danaro, devi competere con la forza delle idee…”. Per noi giallorossi un ritornello già imparato a memoria; un vantaggio rispetto a chi comincia adesso a confrontarsi con la dura realtà della crisi. Noi funamboli del “parametro zero”, noi periti del “rapporto qualità – prezzo”, noi che vendiamo prima di comprare, che non compriamo per vincere e vinciamo per non vendere, noi che fino ad ora partivamo con l’handicap, abbiamo sfruttato questo “bagaglio di esperienza” per anticipare tutti e piazzare il doppio colpo carioca, con una maestria ed una scioltezza degne di un fiorettista. Nemmeno il tempo di esultare e mi ritrovo a fare i conti con un concetto differente: non più la forza delle idee, bensì “l’alea di una scommessa”. Sono due aspetti antitetici ed incompatibili. L’idea presuppone la consapevolezza, la scommessa impone fortuna. L’idea richiede il coraggio di imporla, la scommessa pretende il coraggio di rischiare. Ecco il punto: se si vuole colmare il gap economico attraverso la forza delle idee, la parola “rischio” non dovrebbe nemmeno appartenere al nostro vocabolario: non possiamo permettercelo. Ranieri ama le scommesse, noi amiamo le persone che si assumono la responsabilità delle scelte. Non è dunque il coraggio di scommettere che farà grande la nostra Roma, ma il valore delle intuizioni, la capacità di crederci ciecamente, di sostenerle con tutte le energie, di rivendicarle come proprie creature. Solo in questo modo, scongiureremo il pericolo dell’approssimazione e della casualità, a vantaggio di una strategia che sia pensata, meditata, ragionata, convinta ed oculata. Benvenuto Adriano. Questa è la Roma, non tradirla mai…

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

6 pensieri su “Il valore delle idee…

  1. Tra l’idea di una scommessa e la forza delle idee,penso che ci siano anche delle vie di mezzo.
    E cioè una società che non dico abbia le pretese di andare a comprare un Rooney,ma che abbia almeno i soldi per prendere un Sorrentino, obiettivo dichiarato della Roma in tutte le campagne acquisti ma che svanisce sempre perché non si riesce a trovare mai un milione e mezzo di euro che pretende giustamente la squadra veronese.
    Meglio puntare su Lobont, però anche lui solo se se viene gratis.
    Facciamo ridere quasi quanto fanno ridere i laziali.

  2. Oggi su Romanews: “Quest’oggi la procura ha emesso un comunicato in cui si afferma che gli episodi di cui è accusato l’Imperatore “Sono gravissimi e ci sono forti indizi che lui stesso abbia consegnato denaro al narcoboss Fabiano Atanasio».
    … cominciamo bene….

    Forza Roma sempre

  3. Lo vedrete piu’ a Fregene od a Ostia che sui campi di calci. Prade’ e’ un mentecatto e voi gestori del blog in malafede. Si puo’ fare una grande squadra innestando dei giovani, non con gente come Adriano che non cambiera’ mai.

  4. Io non sono d’accordo, per me Adriano è una scommessa persa in partenza. La Roma aveva bisogno di un grande ttaccante su cui investire per il futuro e questo non è certo Adriano. Comunque spero di potermi ricredere.

  5. Giusto abbiamo fatto bene coi parametri 0! Penso 2 dei miglior parametri 0 nel calcio che conta! In italia certamente Simplicio era il migliore.. Comunque se abbiamo davvero un budget io prenderei di Corsa Eboué perché l’inter vuole sagna… se l’inter ci anticipa poi wenger non vorrà vedere l’altro esterno e saremmo fregatai 🙂
    Comunque bei colpi per ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.