Procede la trattativa per provare a portare Aouar alla Roma: nuovi riscontri


Aouar continua ad essere uno dei principali obiettivi di mercato per la Roma durante questa sessione, stando agli aggiornamenti raccolti di recente. I giallorossi restano attivi sul mercato perché continuano a lavorare contemporaneamente su più fronti. Le ultime notizie sull’interesse della Roma per il centrocampista del Lione Houssem Aouar affermano che i giallorossi stanno facendo passi concreti verso l’ingaggio del talento francese. Secondo Bein Sport, il club della capitale sta preparando la prima offerta di circa 17 milioni di euro per Aouar il cui contratto con il Lione scadrà tra un anno.

Gli ultimi aggiornamenti sulla trattativa che potrebbe portare Aouar alla Roma

Rapporti precedenti affermavano che l’Olympique Lyonnais dovrebbe chiedere non meno di 25 milioni di euro. Il 23enne sarebbe stato chiamato a sostituire Henrikh Mkhitaryan. Tuttavia, la Roma dovrà affrontare anche la concorrenza del Siviglia, anch’egli in corsa per Aouar.

Aouar, dunque, si ritrova nel mirino della Roma che voleva scambiarlo con Veretout. L’accordo è stato rifiutato dal Lione secondo quanto riportato dagli addetti ai lavori francesi. In partenza per l’Olympique Lyonnais, il centrocampista Houssem Aouar non partirà a nessun prezzo. Il centrocampista 23enne è stato contattato dalla Roma di José Mourinho e si dice sia interessato al trasferimento al club romano.

Ma per il momento il nazionale francese si scontra con le richieste della sua dirigenza. Secondo il quotidiano Il Romanista, infatti, il recente vincitore dell’Europa Conference League si è offerto di scambiare il Lyonnais con un altro nazionale francese, Jordan Veretout.

Tuttavia, secondo le informazioni più recenti venute a galla, il Lione non ha dato seguito e vuole recuperare denaro aspettandosi non meno di 25 milioni di euro per il suo giocatore alla fine del suo contratto tra un anno. La Roma intanto stima che il giocatore varrebbe circa 15 milioni. I punti di vista delle due parti sono quindi per il momento troppo distanti per prevedere un accordo.

LEGGI ANCHE  Sempre più vicino Belotti alla Roma: le ultime notizie in merito

Oltre a Matic, sono previste altre due integrazioni a centrocampo. Se da un lato si porta avanti con convinzione il discorso relativo ad un elemento come Aouar, non si mollano altri obiettivi di mercato. Il primo potrebbe essere David Frattesi, ormai gol dichiarato del direttore generale giallorosso, che spera di chiudere l’affare entro la prima metà di luglio. Una missione complicata dalle richieste del Sassuolo che, nonostante le pressioni del giocatore e del suo entourage, continua a chiedere una cifra vicina ai 30 milioni. Situazione simile per Saúl dell’Atletico Madrid, altro nome tenuto d’occhio dalla dirigenza giallorossa.


5 commenti su “Procede la trattativa per provare a portare Aouar alla Roma: nuovi riscontri”

  1. Torno a scrivere su questo post per prendere in considerazione un curioso articolo che la Repubblica dedica oggi a Zaniolo.
    Il titolo recita: “Le condizioni dei bianconeri: Arthur nella trattativa o salta l’affare”.
    Il titolista pone subito la juventus in una posizione di superiorità: se normalmente, in una trattativa, è la parte che vende a porre le condizioni, in questo caso è la juve a dettar legge. O si fa come dicono loro oppure salta l’affare.
    L’articolo sviluppa ulteriormente il concetto:
    “La Roma chiede 50 milioni di euro, mentre Cherubini non si muove dalla propria posizione”.
    È la Roma che chiede, mentre Cherubini resta impassibile. Come spiegare questa strana dinamica? Ci viene in soccorso l’autore, dicendo che alla juve: “non sono disposti a spendere 50 milioni di euro per un calciatore di 23 anni che ha già subito due importanti operazioni alle ginocchia.” Possono comprarlo, certo, ma, ridotto com’è, sembra quasi ci facciano un favore a portarlo a Torino. L’articolo conferma questa impressione:
    “è la stessa società giallorossa a spingere per la cessione, più che i bianconeri per l’acquisto.” Chiaro. Ai bianconeri Zaniolo non interessa. Siamo noi che vogliamo disperatamente cederlo in cambio, dice l’articolo, di Arthur e 20/25 milioni. Perché la Roma dovrebbe accettare? È presto detto:
    “Vendere Zaniolo significherebbe avviare le operazioni necessarie a soddisfare Mourinho.” Ricapitoliamo: con 20 milioni la Roma comprerebbe uno o più top players che renderebbero felice Mourinho, prendendo nel frattempo un centrocampista scartato dalla juve che prende cinque milioni l’anno di stipendio(stipendio che abbiamo negato tanto a Nicolò quanto a Miki). Non fa una piega. Da un lato una juve ferma che detta le proprie condizioni, dall’altro una Roma in piena frenesia che vende uno dei migliori prospetti del calcio italiano per 20 milioni…Perché scrivere un articolo del genere? L’autore non può non essere consapevole di mettere in atto una versione molto parziale dei fatti.

    Rispondi
    • Ciao Val, leggo con piacere ciò che scrivi e sono contento che tu stia capendo meglio il mio stato d’animo e ciò che scrivevo giorni fa a proposito di Zaniolo.
      Il mio pensiero già lo conosci, aggiungo che ieri sera Pedullà (uno che di solito è molto attendibile) ha detto che “la Juve ha già l’accordo con Zaniolo (!!) e che probabilmente la settimana prossima si concluderà l’affare”.
      Non aggiungo altro ma ci siamo già capiti.

      Rispondi
      • Ciao Alex,
        volevo illustrare come la tattica di “accerchiamento” a mezzo stampa di cui avevo letto qualche giorno fa su un sito straniero trovi in effetti qualche riscontro. Il giornalista è talmente partigiano nel descrivere una juve che ha la situazione in pugno da farsi scappare delle congetture oggettivamente assurde. La Roma frenetica per raccattare 20 milioni? La juve non poi così interessata a Zaniolo? Se la juve, come dice l’articolo, è irremovibile su questa offerta, il titolo più consono sarebbe stato: “Zaniolo non andrà alla juve”. Anche su questo valuteremo i diversi pareri che io e te abbiamo su questa società. Sappiamo che i calciatori oggi hanno quasi sempre il coltello dalla parte del manico. Se Zaniolo spinge per andare via, probabilmente se ne andrà. Come e quando sarà il metro di su cui valuteremo se la musica è cambiata oppure no. L’alternativa è che questa sia una tattica per spingere la Roma a raddoppiargli l’ingaggio. Io, lo ammetto, sarei ugualmente scontento se la Roma cedesse rinnovando il contratto di Zaniolo intorno a cinque milioni. Probabilmente mi prenderai per pazzo, ma a me sembrerebbe un brutto segnale da parte della società. Il ragazzo ha due anni di contratto, non sono pochi, e viene da un anno di assestamento post infortuni. La frenesia di diventare un top player nello stipendio prima di esserlo pienamente in campo mi sembra una cosa negativa.

  2. Segnalo un articolo interessante contenuto in un sito anglofono dedicato alla Roma. Nell’articolo si evidenzia la tesi di una juve che mette in atto una tattica di destabilizzazione di un’altra società ogni qual volta sia interessata a un calciatore. Tale operazione verrebbe condotta con l’aiuto compiacente di almeno una parte della stampa sportiva, che per mesi tartassa l’ambiente con articoli che riportano malumori e litigi trq società e giocatore (ma anche offerte presunte date per certe, aperture alla vendita, cifre, ecc.).
    In questo caso ci si riferisce ovviamente a Zaniolo, specificando però che si tratta di una tattica ben collaudata negli anni per altri acquisti.
    Non è un’opinione nuova per chi segue il calcio italiano. È interessante, però, come questa tesi, che da noi è più che altro una diceria tra tifosi, in un sito straniero diventa una normale materia di discussione non sottoposta a censura “ambientale”.
    Nell’articolo si plaude all’atteggiamento tenuto fin qui dalla Roma, e si spera che la società non ceda e non si faccia prendere per il collo.
    Purtroppo, se non si arriverà a un rinnovo con Zaniolo, anche a due anni dalla scadenza del contratto, il cartellino del giocatore si svaluterà con il passare dei mesi. È proprio su questo punto che il procuratore di Zaniolo probabilmente sa di poter tirare la corda. Io credo però che la Roma debba rischiare, anche per mandare un messaggio chiaro a tutti i giocatori. Minacciare di non rinnovare e andare via a zero non può diventare un’arma di ricatto a due anni dalla scadenza. La Roma rischia di perdere un ottimo prospetto o, alternativamente, un ottimo guadagno da reinvestire altrove. Dall’altra parte, cosa rischia Zaniolo? Se la Roma non lo cedesse, correndo il rischio di perderlo in futuro per una cifra molto inferiore al valore effettivo, il calciatore, da parte sua, rischia di vedere la propria valutazione cambiare drasticamente. In due anni le grandi squadre che ora lo vorrebbero (juve in testa) potrebbere riempire quella casella con qualcuno che sia altrettanto talentuoso; il giocatore potrebbe confermare il rendimento mostrato fin qui, e dunque non “esplodere” come ci si aspetta: a venticinque anni si tratterebbe di un prospetto diverso da quello che è oggi. Comunque vada la cosa, questa strategia porterebbe gli altri giocatori a pensarci due volte prima di “bussare a denari” dopo un periodo di prestazioni positive. Ripeto: c’è il rischio di perdere un patrimonio, calcistico o pecunario che sia. Pallotta, probabilmente, avrebbe già rinnovato a cifre vicine a quelle richieste dal giocatore. Anche in questo possiamo fin qui vedere dei segnali di discontinuità con i Friedkin, che fin qui mi hanno piacevolmente stupito su molti aspetti.

    Rispondi
    • Avevo segnalato l’indirizzo dell’articolo in questione ma credo sia stato cancellato dalla redazione. A me sembrava un bello spunto di riflessione, e magari di discussione. Non era mio intento creare un danno per questo sito che, a causa dei noti problemi tecnici, ha purtroppo perso quasi tutti i suoi utenti.

      Rispondi

Lascia un commento