Le pagelle di Atalanta-Roma: ridateci il vecchio Pellegrini


La partita Atalanta-Roma poteva segnare nel bene o nel male la stagione della squadra giallorossa, dopo un mese abbondante da dimenticare per i ragazzi di Fonseca. Ed in effetti anche a Bergamo ci sono stati segnali preoccupanti per il tecnico, a maggior ragione se pensiamo che il primo tempo si era concluso con il vantaggio per certi versi fortuito per gli ospiti. Poteva essere l’episodio in grado di cambiare partita e stagione, soprattutto in ottica qualificazione Champions, League, ma cosa non é stato.

Le pagelle di Atalanta-Roma

In effetti, ci sono diversi spunti interessanti analizzando pi๠da vicino le pagelle di Atalanta-Roma, soprattutto tra coloro che proprio non riescono a dare un nuovo indirizzo alla propria stagione. Vedere per credere il caso di Pellegrini, poco prima di Natale diventato un autentico punto di riferimento per la squadra, prima di trasformarsi in oggetto misterioso. Tutti hanno in mente la prova straordinaria a Firenze, ma ormai sembra essere un lontano ricordo. Discorso ovviamente che vale anche per altri giocatori. Ecco le pagelle:

PAU LOPEZ 6,5 – Una grande uscita su Gomez nel primo tempo, per un intervento decisivo nel non cambiare subito l’andazzo del match. Incolpevole sui gol.

PERES 5,5 – Alla fine ci mette pure impegno. Il problema é che non basta per gli obietti della Roma.

SMALLING 6 - Contiene bene Zapata e dà  un apprezzabile segnale dopo alcune prove non da lui.

FAZIO 5 – Fonseca gli ridà  spazio, lui fa poco per fargli cambiare idea. Probabile che non lo si riveda per un po’. Troppo incerto

SPINAZZOLA 5 – Anche nel suo caso la prova di Marassi appare un lontano ricordo. Patisce comunque il momento negativo della squadra.

MANCINI 6,5 – Paradossalmente il migliore tra i suoi. Il fatto che lotti pi๠di tutti giocando fuori ruolo, la dice lunga sugli altri.

PELLEGRINI 4 – Davvero irriconoscibile. Un’involuzione inspiegabile da Firenze in poi che non puಠessere giustificata da un momento complicato.

KLUIVERT 5 – Qualche spunto lo regala pure nel primo tempo, ma é fumoso come lo si é visto spesso nella sua parentesi romana.

MKHITARYAN 5 – Anche lui appare fuori ruolo, ma il fatto stesso che nessuno si accorga della sua presenza dovrebbe indurlo a farsi qualche domanda.

PEROTTI 5 – Appare troppo lento e fuori contesto. Svanita la sensazione che possa accadere qualcosa con la palla tra i suoi piedi.

DZEKO 6,5 – Bravo a sfruttare il regalo di Palomino e ritrovata generosità , ma predica nel deserto se pensiamo al fatto che il terzetto dietro di lui spesso lo ignori.


75 commenti su “Le pagelle di Atalanta-Roma: ridateci il vecchio Pellegrini”

  1. Confronto a Trigoria tra tecnico e giocatori.

    La cosa mi rammarica, perché sembra in continuità con quanto successo con Garcia e con Difra.
    All’appello manca soltanto che Fonseca dica: “Da adesso sceglierò gli uomini, non i calciatori”.

    Quando si lavora alla testa di un gruppo che opera in condizioni di tensione sarebbe preferibile capire cosa non funziona, non chiederlo. Quella che sembra un’azione positiva, capace di avvicinare i calciatori all’allenatore, in realtà li allontana. Dare la possibilità ai giocatori, se la notizia risulterà fondata, di dirti che c’è un problema tattico, equivale a squalificarti professionalmente di fronte a tutti. Se dai loro retta e cambi, non ti seguiranno più. Se continui a seguire le tue idee, faranno gruppo contro di te per non averli ascoltati. Il problema non è tattico e non credo che i giocatori in campo siano i migliori osservatori di ciò che fanno. Se Spinazzola intende la marcatura in area così come l’ha interpretata la settimana scorsa, non c’è modulo che tenga. Se Pau Lopez si imbambola contro la Lazio (carica o meno), non c’è tattica di cui lamentarsi. Se parti in ritardo per il raddoppio, magari ti convinci che è l’idea stessa del raddoppio a non funzionare in quel momento, ma non è così.

    Rispondi
    • La Roma, per me, ha retto benissimo nel girone di andata grazie a zaniolo, che è stato – in sintesi – più di una volta, da solo, mezza squadra.
      Quando lui si è fatto male è venuta a galla la povertà in termini di personalità.
      io pensavo che la Roma sarebbe arrivata tra il 5 e l’8 posto.
      Sono stato felice di sbagliarmi, fino a Natale, ma temo che avrò ragione.
      il grande problema, a fine campionato, stavolta, sarà che non abbiamo più molto da vendere.
      Plusvalenze poche.
      Sarà dura.
      Ma vogliamo dirla tutta?
      la Lazio sta dove sta perchè pur avendo una squadra niente di che, da anni l’ha lasciata invariata o quasi nella sua struttura trainante, cambiando poco.
      Noi, sempre a vendere i migliori.
      Ed ha un Presidente – davvero antipatico – sempre presente in Tribuna, ed un DS, silenzioso ma efficace.

      Rispondi
      • Ciao Cucs,
        aggiungo alla tua ricetta di stabilità anche quella di non aver cambiato allenatore, cosa che, noto, viene considerata spesso come secondaria!

  2. Oggi finalmente abbiamo capito qual era il progetto americano di Pallotta (cha ancora ha la faccia tosta di parlare e dire che il cambio societario non c’entra con la crisi): diventare in 9 anni più scarsi di una provinciale.

    E il conto alla fine è arrivato. Oggi la Roma è fuori per il secondo anno di fila dalla Champions e sta vedendo svalutare sempre più il parco giocatori di Trigoria. Dal 2016 la Roma – oltre a perdere per limiti di età il suo più grande campione di sempre, Totti – ha mandato via: Alisson, Rudiger, Manolas, Palmieri, Florenzi, Pjanic, Paredes, De Rossi, Nainggolan, Strootman, Salah ed El Shaarawy. Una intera squadra, una formazione che oggi lotterebbe per lo scudetto o comunque per un onorevole piazzamento.

    Rispondi
    • Sono due anni che cerca di vendere x questo ha smantellato e sistemato il bilancio, anche in considerazione della riapertura a 4 dei posti champions per la serie a. Comunque mica stupido il ragazzo tra acquisto e ricapitalizzazioni ha speso in dieci anni 400 milioni e ora ne porta a casa circa 700 con un guadagno del +75%. Gli importa sega della champions dei titoli e soprattutto di noi tifosi.

      Rispondi
  3. @@@ parere personale

    quanto si sente la mancanza di DDR nnel proteggere la difesa.

    Quanti interventi avrà fatto nella sua carriera alla Roma
    evitando goal e sbrigliando situazioni pericolose.

    Per sempre nel mio cuore Daniele.

    FRS

    Rispondi
    • Anche nel mio caro Ave
      DDR miglior giocatore/uomo/simbolo/giallorosso che abbia mai visto in 50 e più anni di tifo.
      Meglio di Totti
      Parere personale, come dici tu ( m anche io)

      Rispondi
  4. xla cronaca: in estate molti dicevano ke ci eravamo rinforzati, sarà.. xò abbiamo 2 punti in meno dlla passata stagione qndo in panca c’era qlla sega di difra.

    Rispondi
  5. scusate, da ex-giocatori (anke giallorossi) e quindi si presume ke siano molti + preparati di me, ho sentito ke il problema della squadra è anke tecnico. tecnico? ma ke vordì…

    Rispondi
  6. Io credo che ip problema di quest anno sia solo fisico. Troppi gli infortuni… I rientri le ricadute. Tanti giocatori si allenano a parte. Poi sono in gruppo 24 h prima della partita. L atalanta nel primo tempo e stata nettamente inferiore. Perotti dseko miki pellegrini kluivert kolarov mancini cristante sono al 50% . non corrono. Lampante e l errore di pellegrini con la lingua di fuori. Diawara ha dimostrato di essere forte. Testa all europa ligue in champions ci si puo andare anche da li. Inutile ad oggi rompere le palle a giocatori petrachi e fonseca. Gli arbitraggi sono scandalosi. Con l atalanta c e rigore e nemmeno ci guardano. Con la lazio pure. E i cartellini. Li siamo primi. Forza Magica Roma. Sotto col Gent

    Rispondi
    • Tu parli degli infortuni come se non fossero responsabilità della società. Chi sceglie i preparatori? Di chi è il compito di fornire strutture di allenamento adeguate? Possibile che sia solo sfortuna? Tutta a noi?
      Poi il gioco non è determinato dagli infortunati, questi non sanno che fare in campo esiste solo il passaggio a dzeko.

      Rispondi
    • pure le altre squadre (ma leverei i piccioni ke sembrano avere uno scudo magico ke li protegge..) hanno avuti infortuni. solo ke noi nn ci possiamo xmettere uno zaniolo/djawarà fuori xkè sno elementi ke in stagione fanno la differenza. potevano mettere una toppa a gennaio e nn è stato fatto, anzi cme al solito ci siamo auto-tafazzati.
      se a qsto aggiungi il mister in totale confusione nella gestione della rosa, nei cambi e nn saper leggere un cazzo di partita: il quadretto è fatto

      Rispondi
  7. Piccolo dato: la Lazio ha avuto ad oggi 15 rigore nel campionato ed in proiezione arriveranno a 20 rigori stagionali.

    Record assoluto nella storia della serie A.

    Un rigore ogni due partite, un espulsione o ammonizione a favore ogni due partite.

    Con questi dati Roma e Napoli avrebbero un paio di scudetti in più in questi anni.

    Ma le partite saltate per diffida, ai giocatori della Lazio è mai accaduto?

    Quanti rigori contro hanno avuto? Posso dirvelo io, UNO.

    Vi pare normale una cosa del genere?

    Le partite indirizzate da arbitraggi scandalosi?

    È ABERRANTE, quasi da laziale conclamato, portare la Lazio ad esempio da seguire.

    Io lo ripeto, la Lazio gioca un bel calcio, ma ciò non giustifica lo schifo che sta accadendo in questa stagione.

    Rispondi
  8. Buon giorno a tutti!
    ne ho viste tante nei mie oltre 50 anni di Roma, pensavo di aver capito tanto, o almeno molto, ma dopo aver visto la Roma mettere sotto la lazio, a fine gennaio, in modo perentorio ed inequivocabile, nel derby, non riesco in nessun modo a spiegarmi le 5 sconfitte, nelle altre sei partite del 2020….
    Incomprensibile.

    Rispondi
    • Ciao CUCS, come già qualcuno nei commenti qui sotto lo ha fatto notare tra le righe, io lo riporto in modo più chiaro e dico: la Roma veniva da un girone di andata molto buono/ottimo con una difesa pari a chi è primo in classifica etc. E’ un caso che una squadra del genere all’improvviso solo perché da 2019 la data è diventata 2020 abbia smesso di giocare o si siano rimbambiti o forse c’entra il casuale cambio di proprietà ? Io opto per quest’ultima e se aggiungessimo le parole di Petrachi che dice che Friedkin non sia paperone, allora da una mia sensazione si può arrivare quasi ad una certezza, del momento NO dei giocatori.

      Rispondi
  9. non esageriamo con la lazio, è stata brava e fortunata allo stesso tempo. ricordo che Inzaghi doveva essere solo una parentesi invece è diventato un allenatore vero. Immobile era uno scarto degli scarti, e in realtà più competitive si è sempre sciolto come neve al sole. caicedo a roma sarebbe durato meno di Dumbia, in quanto loro si sono permessi di aspettare la crescita dei giocatori perchè non avevano ambizioni particolari se nn puntare alla coppa italia ovvero una qualificazione in champions, scevri da particolari pressioni. nel frattempo a palazzo il buon pluricondannato lotito ha fatto quello che sa fare meglio, la lisa dei reati è molto lunga anche qlla delle prescrizioni, sappiamo chi segue la politica e i processi chi l’ha sempre aiutato……di fatto sta raccogliendo con gli arbitri n modo a dir poco sfacciato, un po’ come la juve fa ogni anno.
    però la lazio ha saputo ben investire avendo un ottimo DS, su tutti gli acquisti quelli che invidio loro sono Acerbi, ottimo difensore che mi è sempre piaciuto sa comandare la difesa e luiss alberto, giocatore veramente bravo, anche se fisicamento nn proprio esplosivo e sul quale Inzaghi ci ha costruito la squadra intorno. poi ovviamente milinkovic è stato trattenuto, l’acquisto di correa ottimo, funzionale anche l’acquisto di lazzari come 5° di centrocampo
    insomma imparagonabili a noi e nn da prendere come esempio

    Rispondi
  10. Buongiorno ragazzi, vorrei porvi questa piccola analisi che espleterò di seguito sulla condizione della Roma in confronto della Lazio (visto che ormai il paragone sembra naturale):
    Questione presidente
    L: Ha come figura di apice, un presidente chiaro e inequivocabile, che ha una gestione da “padre padrone” e non si fa mettere sotto da nessuno (vedi caso Pandev, Ledesma, Marchetti) ed è sempre presente allo stadio.
    R: La gestione americana ha cambiato due presidenti, Pallotta non ha la figura da “padre padrone” si mette a fare le americanate (vedi tuffi in piscina etc.), manda sempre intermediari a sistemare le cose ed è un occasionale, cioè comanda a distanza (se lo fa…. vedi caso baldini-totti etc.) e viene a Roma solo in occasione di grandi sfide. Inoltre è venuto solo per lo stadio (infatti appena si è reso conto dell’impossibilità di farlo ha a abbandonato la nave).
    Questione società
    L: Pochi elementi di fiducia con un organigramma snello, tale da portare un rapporto diretto dei giocatori con le figure di vertice. Tare un ottimo ds che parla tante lingue e quindi gli dà più potere di contrattazione diretta, sia con le squadre che con i giocatori stessi.
    R: Organigramma vasto e confusionario, non si capiscono bene i ruoli e chi faccia cosa e di chi sia la responsabilità delle scelte di mercato e non.
    Questione mercato
    L: Tanti giocatori da pochi milioni e altri per rinforzare un reparto per volta da 10/15 mln, sempre in squadra. Senso di appartenenza alla maglia perché in squadra da tanto tempo e giocatori funzionali al gioco dell’allenatore. Squadra che quindi cambia poco (poiché cede poco) e quando si presenta un offerta per milinkovic-savic (con prezzo fissato da Lotito di 150 mln) da 149 mln e 999 mila euro non si vende.
    R: in 10 anni almeno 100 giocatori, la rosa ogni anno non è mail la stessa dell’anno scorso. Giocatori che se steccano leggermente al secondo anno vanno via e se arriva un offerta in cui il prezzo stabilito sia 30 mln (già basso perché quel giocatore ne deve valere almeno 80 mln) basta che arrivi un offerta da 30 mln e 1 euro si vende.

    Ci sarebbero da analizzare altre piccole questioni ma mi voglio fermare a queste che ritengo principali, che attualmente sono causa dei continui fallimenti della Roma e della crescita altalenante della Lazio, che in questa stagione la sta portando a lottare per lo scudetto.

    Se vi vengono in mente altre questioni ditelo.

    Poi, come ultima cosa, riferendosi a quest’anno, ecco li che le scelte di mercato sbagliate negli anni, lo “smontaggio” della squadra e il fatto che i giocatori abbiano smesso di giocare (cosa abbastanza evidente), passi da fare un girone di andata molto buono a quello di ritorno che prendi pizze da chiunque.

    Rispondi
    • Mi sembra un’analisi lucida.
      Ora non bisogna neanche esagerare nel gonfiare un sistema lazio che comunque in 10 anni di proprietà americana ci è arrivata sotto la maggior parte delle volte. È chiaro che per i mezzi che hanno a disposizione stanno gestendo bene la cosa, questo è fuor di dubbio.

      Rispondi
    • Per me è un analisi quasi ineccepibile ma aspetta a dire che lo stadio non si farà. Entro il 12 aprile si voterà per la convenzione urbanistica e se si raggiungerà il quorum di voti, verrà data la definitiva approvazione al progetto, partiranno le gare pubbliche e poi i lavori. Magari i 5s troveranno qualche altro motivo per impuntarsi e non si raggiungerà la soglia minima ma aspettiamo almeno prima di Pasqua, per dare il progetto per spacciato. Quella data è stata indicata da tutti i giornali e dal comune come risolutiva.

      Rispondi
    • Mi pare un’analisi del tutto condivisibile. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Aggiungi pure che alla fine della stagione col doppio mancato introito champions e quel monte ingaggi dovrai fare per forza plusvalenze e oggi le fai solo con Zaniolo e Pellegrini gli altri sono tutti giocatori con poco mercato. A questo punto economicamente parlando ti conviene rimanere fuori dall’Europa per evitare il tracollo sportivo. Inoltre la uefa vieterà a brevissimo le plusvalenze fittizie fatti coi giovani stile Inter e juve e quindi avremo pochissime se nn Zero frecce al nostro arco.

      Rispondi
      • Mah secondo me invece è semplice semplice se hai giocatori forti e in forma vai sennò prima o poi paghi e ti pianti. In più se nn hai una società seria alle spalle e se hai un cambio di proprietà in vista allora è pure peggio. Vedasi Fiorentina lo scorso anno

  11. Ora è chiaro che sembrano tutto scarsi, questo perché la squadra non gira.
    Non c’è impegno né intensità, sembrerebbe scarso pure il city così.
    Per risolvere la situazione occorre andare ad individuare il perché siamo a questo punto. La società al solito ha le responsabilità maggiori; squadra abbandonata a se stessa con un proprietario che sono anni che non si fa vedere dal gruppo. Molti giocatori arrivati negli ultimi 2 anni credo che non l’abbiano neanche mai conosciuto. Fonseca sta dimostrando di avere poche idee, perché è vero che camminano in campo ma l’unico modo di giocare non può essere la palla lunga a dzeko

    Rispondi
  12. C’è poco da dire, per costruire un progetto una squadra si deve basare su almeno 4 o 5 elementi forti e stabili che facciano l’ossatura e diano il carattere. Giocatori forti con carattere e noi nn li abbiamo, gli unici 2 hanno 35 anni…..nn ci puoi costruire nulla. In qsta situazione il ns ds che fa ? lui compra 7 giocatori a 10 mln x risolvere il problema ( in realtà invece i soldi lo spende ma male) qsto dovrebbe essere sufficiente x capire in che mani ci siamo cacciati. Di sabatini rimane Dzeko…e qsta la dice lunga.
    Al netto dei favori arbitrali che qst determineranno la vincente in serie A, la lazio ha alcuni elementi di qualità e di funzionalità come, Acerbi, luiss alberto milinkovic e immobile che sono fondamentali per tutta la squadra ed un ottimo allenatore..tutte cose che noi nn abbiamo. Noi abbiamo qualche giovane di buone speranze e tanta confusione ed ora a roma sarà un inferno.

    Rispondi
  13. All’inizio della stagione scrissi su questo blog “se arrivi sesto e nn ti rinforzi potrà andare bene se arrivi di nuovo sesto”. Nn sono Aristotele per carità ma questa è pura logica.

    Rispondi
    • Io invece a inizio anno dicevo che la Roma tende a far bene dopo una stagione molto negativa. Profetizzavo un ottimo Fonseca al primo anno, con grandi difficoltà al secondo e fortemente in biloco qualora arrivasse al terzo. Invece devo ricredermi: rispetto alla mia profezia siamo partiti direttamente dal secondo anno.
      Scherzi a parte: non credo sia possibile che la Roma continui con questa media da retrocessione. Difficile fare la scalata al quarto posto con giocatori così poco motivati in campo, ma allo stesso tempo mi stupirei se non arrivasse un’inversione di tendenza.

      Rispondi
      • Caro val credo che se col Lecce nn si torna a vincere Fonseca sarà giocoforza allontanato. E l’unico che plausibilmente potrebbe venire è il pelato ter il quale potrebbe accettare in vista del passaggio di proprietà e dei possibili rifinanziamenti. A me dispiacerebbe perché Fonseca ha colpa fino a un certo punto se la gente sbaglia passaggi elementari o fuma in area sugli angoli. Piuttosto mi chiedo ma se la Roma va di merda e nn va in champions, considerando il mega aumento di capitale che dovrà fare friedkin, questi accetterà lo stesso si cacciare 700 pippi? Insomma c’è il rischio che il closing salti o che si dilunghi oltre l’estate è quindi saremmo in una situazione di stallo per almeno un altro anno

  14. il campionato quest’anno è già deciso…. troppi errori arbitrali a senso unico. se pensiamo poi che la stessa squadra lo scorso anno è arrivata ottava, con più o meno gli stessi giocatori e allenatore.
    l’unica cosa buona è che per noi potrebbe arrivare una scossa d’orgoglio, come fu nel 2000

    Rispondi
    • Arbitri? Si qualche partita possono pure deciderla ed è stato così ma nn venitemi a dire che perdiamo con tutti quelli che passano per gli arbitri perché nn è così.

      Rispondi
    • ma io non mi riferivo certo alla roma, la roma perde perchè… boh, forse è scarsa, forse è assemblata male, forse fonseca, non lo so.
      io mi riferivo alla lazio, che vince sempre con un piccolo (o grande) aiutino

      Rispondi
      • Questo è vero però è pure l’anno che gli dice culo e che sono tutti sempre in forma, e ciò mi fa pensare che possano seriamente vincere.

  15. Difficile uscire da una crisi che per me è principalmente tecnica. Siamo senza centrocampo. È bastato che Veretout calasse di livello e che si infortunasse Diawara per veder scomparire la Roma. La palla ormai non transita più per il centrocampo. I palloni vengono direttamente scagliati verso Dzeko.
    Aggiungiamo un Cristante versione bradipo sedato, un Pellegrini senza nerbo che per l’ennesima volta mi delude da un punto di vista caratteriale e abbiamo il quadro di quello che è la nostra mediana, ovvero il nulla pneumatico.
    Fonseca si è inventato Mkhitaryan regista e qualcosa si è intravisto, ma si vede che non è il suo ruolo. Come non lo è quello di Mancini.
    A questo punto tanto vale puntare su Villar.

    Rispondi
  16. @@@ Pellegrini giocatore normale,
    adatto per la Roma di questi tempi.

    @@ concordo con Spalletti psicopatico
    e molto permaloso.

    @ quello che mi lascia basito, è come riesca
    la Roma ad avere e comprare tante “pippe”
    tutte insieme.

    p.s. se avessimo comprato un attaccante da 8/10 ml
    che ti segna più di cento goal
    ci sarebbe stata “un’insurrezione”
    “nun c’avemo ‘na lira!”
    poi però parla il campo.

    *** il tifoso Romanista manca di umiltà,
    crede di far parte del mondo delle grandi squadre,
    ma non è così.

    ** per essere grande devi avere tutto quello che gravita
    intorno ad una società.
    E devi vincere.

    * è dal 1927 (salvo rare parentesi) che questa è la nostra dimensione.

    @@@ non abbiamo mai dato continuità anche quando potevamo farlo.

    @@ secondi posti visti come vittorie.

    Rispondi
    • Ma come fate a valutare i singoli se la squadra sta andando male tutta, è un problema di collettivo, altrimenti dovresti vendere l’intera rosa e mi pare una minchiata. Io credo che lascerò questo sito, troppe persone con una certa esperienza di vita, la cui isteria e il disfattismo condizionano le loro valutazioni. Pellegrini normale ho sentito tutto, posso anche smettere di seguire il calcio, di certo non è Falcao ma qui a dire che è normale, come fate a mettere in discussione qualsiasi certezza acquisita da un momento all’altro in base ad un risultato, ad un periodo, il calcio per me si guarda con altri occhi.

      Rispondi
      • @@@ chiaramente ti riferisci al mio commento.
        Fai come ti pare, lascia, resta, ma impara a rispettare le opinioni altrui.

        @@ tu la vedi in modo diverso, stop.

        @ evita termini come isterismo e disfattista se sono riferiti a me.

        O.T. probabilmente mi leggi da poco,o non mi hai mai letto.

  17. @@@ ma se una squadra gioca di prima,
    veloce,
    che punta la porta giocando in verticale
    in forma fisicamente,
    che ha voglia di vincere,
    che sa cosa fare in campo,
    schemi,
    pressing,
    sovrapposizioni.

    @@ l’altra tediosa,
    confusionaria,
    senza idee,
    pallone lungo per Dzeko come accade da anni,
    gioco lento ed orizzontale, dando modo
    agli avversari di ricompattarsi,
    che non tira mai in porta,
    errori tecnici madornali,
    e chi più ne ha più ne metta.

    @ avrà un responsabile in tutto ciò?
    la testa dei giocatori?

    *** cervello e cervelletto?

    FRS

    Rispondi
  18. Giallorossoallupato
    Menomale che non sei tu il ds della Roma, non sta giocando bene ma Pellegrini via è da suicidio, lo sai guardare il calcio? Hai visto che tecnica ha, che visione di gioco, che facciamo cediamo l’unico che sa impostare il gioco e creare azioni insieme a Zaniolo.

    guarda giallorossoallupato a me pellegrini piaceva ma sta facendo cgare ed e molto moscio non vince un contrasto non sa tirare in porta nn tiene palla cerca sempre ti strafare sembra il pjanic dei poveri
    e se continua cosi mi dispiace ma nn ci serve.

    Rispondi
  19. aleste85
    No spalletti no ti prego. È uno psicopatico incapace di gestire un gruppo

    ______________________________________________________________________________________________________________________-

    Personalmente considerare spalletti uno che è INCAPACE DI GESTIRE GRUPPI, mi sembra assai forzata come affermazione, tanto piu che ciò implica stagioni deludenti.

    Record di punti con la roma e miglior roma vista nel periodo americano.

    Zenit vince lo scudetto.

    Inter, riporta il club neroazzurrro in champions con una rosa piu che discutibile dopo anni e anni di fallimenti.

    Spalletti è un signore allenatore, cerchiamo di dire le cose come stanno.

    La questione totti andava affrontata e lui ha avuto il coraggio di farlo.

    Rispondi
    • Non era riferito al caso totti, giuro.
      Più che altro mi riferivo alla sua prima avventura alla roma. Ci sono stati problemi anche al suo ritorno. All’inter come hanno voluto fare il salto di qualità l’hanno defenestrato per prendere un vincente (ed anche li c’erano problemi e scelte più che discutibili) .
      Insomma il terzo tentativo lo vedo sbagliato.

      Rispondi
      • Però mi pare che pure Conte stia riposando all’Inter e come tutti gli anni è uscito al girone di Champions.

  20. ..il fatto ke nn mi arrabbi + è cosa brutta. sto passando dallo sconforto all’indifferenza + totale.
    ho los cojones strapieni nl sorbirmi le identike stagioni in cui cè da vergognarsi e si ha la sensazione sempre + forte ke a sti paperoni privilegiati nn gliene frega proprio un cazz di sforzarsi a fare il loro mestiere qndo le cose si mettono male o arrivano sirene dall’esterno.
    giokerei gratis pur di vestire la maglia dlla roma e darei il sangue ad ogni partita. ma a loro nn gli passa neanke xla capoccia, la vita è bella e domani ci sarà sempre un altro club pronto ad ingaggiarli.
    e già vedo senza champions l’ennesima rivoluzione, il solito bla-bla-bla, le solite scommesse esotike e cosa dilaniante i soliti sacrificati xripianare i buki. ad oggi nn scommetterei un cent sulla xmanenza di dzeko (un vero capitano e prof), pellegrini etc.
    forse solo zaniolo si salva, xkè è rotto.

    Rispondi
  21. E aggiungo un “dettaglio” che dovrebbe ulteriormente aprirci gli occhi sulla pochezza di questo gruppo… le nostre recenti sconfitte (Atalanta a parte) sono avvenute contro squadre che in classifica stanno parecchio sotto di noi e che poi subito dopo hanno dimostrato di essere ben poca cosa: il Torino va a rotoli, il Sassuolo e il Bologna perdono malamente in casa.

    Anche questo significherà qualcosa o no?

    Temo che, se non si inverte la rotta subito, questa Roma possa perdere con chiunque, anche l’ultima in classifica. Chiunque può farci gol con una facilità estrema, ma noi per segnarne uno dobbiamo faticare.

    Rispondi
  22. Premesso che non sono tra quelli che vorrebbero sempre cacciare gli allenatori, dico che a questo punto forse, e sottolineo forse, un cambio tecnico potrebbe almeno servire a dare una scossa alla truppa e a impostare uno straccio di gioco, magari umile, magari semplice, ma almeno capace di fare qualche punto.

    I numeri sono impietosi: dopo la sosta natalizia 7 partite di campionato – 5 sconfitte – solo 4 punti presi. Se il campionato fosse iniziato alla 18° giornata ora saremmo in fondo alla classifica a lottare con Spal e Brescia.

    Io mi riprenderei Spalletti e a giugno un Ds o un manager di alto livello con cui impostare un programma di qualche anno. I risultati non verranno subito, ma in 2-3 anni forse si potrebbe tornare almeno a lottare per i primi posti. In caso contrario, teniamoci la Rometta di Petrachi che fa divertire gli avversari su tutti campi d’Italia e becca la media di 3 gol a partita. E abituiamoci a guardare gli sbiaditi dal basso in alto. Che pena.

    Rispondi
      • Peccato però che lo psicopatico è l’unico che negli ultimi 15 anni ci ha fatto vincere 3 coppe (se non di più visto il periodo della rubinter) e al suo ritorno ha fatto comunque faville.

      • Hai ragione vr perché a livello di conoscenze calcistiche è stato sicuramente il migliore che abbiamo avuto in era americana. Gli altri sono poca cosa

  23. Salve a tutti,
    vorrei aggiungere, oltre al mio commento precedente, che il rifarsi ai “problemi di testa” dei giocatori diventa molto velocemente un alibi per i giocatori stessi. Se ne parla come di un problema generalizzato e misterioso, e la cosa finisce per non riguarda nessuno in particolare. Io credo che, al contrario, bisognerebbe iniziare ad assegnare, anche con una certa durezza, le responsabilità individuali di ognuno.
    Ascoltare Fonseca che parla di una buona partita mi scoraggia. L’Atalanta è una squadra molto ben organizzata, ma non è una squadra imbottita di campioni. Prendere due goal (con un terzo salvato sulla linea da Fazio) e fare i complimenti ai giocatori può essere molto rischioso, soprattutto qui a Roma.

    La Roma ieri, come l’Atalanta, provava in diverse occasioni a raddoppiare su chi riceveva la palla. La differenza stava nel fatto che i nostri giocatori lo facevano con un ritardo bastevole a rendere nullo il raddoppio e, per di più, a liberare qualche altro avversario, pronto a ricevere il pallone. Questi finti raddoppi, secondo me, hanno dato più volte l’impressione che i nostri giocatori restassero in balia dei passaggi avversari. Quando questo avviene, a mio parere, è deleterio parlare di un buon atteggiamento in campo. Tra l’altro: se Fonseca è contento dell’atteggiamento dei giocatori, perché mai sarebbe necessario lavorare sulla testa dei suddetti?

    Si ripropone sempre la stessa situazione: non è il modulo il nostro problema. In campo la puntualità è tutto: se parti uno o due secondi dopo rispetto a quando dovresti, sei in un ritardo enorme che trasforma il pressing in un vantaggio per gli avversari. Ci sono troppi giocatori nella nostra squadra che mettono un certo livello di intensità quando hanno il pallone tra i piedi e uno totalmente diverso quando non ce l’hanno.
    Spinazzola ieri mi ha colpito in negativo. Durante il calcio d’angolo avversario che ha portato alla sconfitta lui è rimasto impalato a guardare il pallone che arrivava, quasi non dando l’impressione di essere consapevole di avere un avversario che si muoveva alle sue spalle. Di fatto ha regalato tre punti all’Atalanta e ne ha tolto uno a noi.

    Rispondi
    • Si sono d’accordo con te, diciamo che nel
      Primo tempo il pressing ci è venuto un po’ meglio nel secondo abbiamo smesso di farlo bene. Sinceramente mi pare che squadra e allenatore e ds siano in disarmo e aspettino di vedere che succederà dopo il closing. Nn credo nemmeno che le cose miglioreranno di qui ai prossimi incontri.

      Rispondi
  24. È partito il tiro al bersaglio a Petrachi da parte dei media e tutti ad accodarsi .
    Petrachi non piace neanche a me, ma finché sarà il DS della Roma lo sosterrò e soprattutto non gli darò colpe maggiori di quelle che ha : il momento negativo è determinato dallo scarso apporto di trequartisti ed esterni (nello specifico parliamo di Perotti,Pellegrini,Under,Kluivert,Mhkitarian ….) se non tiriamo in porta o non arriva una palla gol a Dzeko la responsabilità maggiori sono le loro,di chi li allena e li prepara alle partite ……
    Siccome fino ad un mese fa questa stessa squadra era in grado di vincere con merito contro Napoli e Milan,di fare 3 o 4 gol in trasferta a Udine,Firenze,Verona dove non mi sembra che altre squadre vanno a vincere passeggiando o di mettere sotto la Lazio per tutti i 90 minuti ,mi chiedo cosa sia successo ….
    Questo calo è da attribuire a giocatori e staff tecnico ,poi se Spinazzola si addormenta e non marca Palomino non credo che dipenda da Petrachi ……

    Rispondi
    • Petrachi nn ci doveva proprio venire a Roma visto che lavora sotto banco per la juve, x me è l’ho sempre detto prima se ne va meglio è

      Rispondi
  25. visto ke oramai abbiamo la certezza ke i giocatori sno andati anticipatamente in vacanza xkè sta cambiando la proprietà. faccio un appello a fonseca (sempre ke nn venga esonerato prima): fai giocare i ragazzini dlla primavera e i nuovi venuti, almeno ci metteranno garra e impegno. poi prendi tutte le cariatidi (e sno molte, quindi suggerisco di noleggiare un pulmino) e li porti al museo dlle cere, inoltre durante il tragitto citi liberamente e ad ugole spianate il cardinale voiello: “roma mia, c’hai rott ù cazz!”

    Rispondi
    • Penso che alla prossima sconfitta salterà Fonseca peccato nn sia disponibile di nuovo il vecchio minestraro Ranieri 😄

      Rispondi
      • se io avessi i poteri magici, se pure col lecce (ma già prevedo figura de mierda col gent) finisce a tragedia… pacca sulla spalla a fonseca e adios. cioè ha messo miki a centrocampo cn mancini!! boh. ma ke cazzo l’hanno preso a fare villar? E Ibanez? cosè un modo xdire alla società invisibile: ma ki mi avete preso? e chiamerei subito ddr figlio ad allenare.
        ma visto ke nn ha il patentino, ci vorrebbe qlkuno accanto, kessò tipo conti.
        poi a giugno liberi tutti!!

  26. Buondì a tutti ieri sera x me la gara è stata buona in termini di organizzazione difensiva, abbiamo concesso pochissimo a una squadra che ha spezzato la schiena pesantemente ad altri club, ma di converso nn si è visto uno straccio di gioco offensivo e poi ci sono state due distrazioni fatali in area che ci hanno condannato comunque ad una sconfitta meritata. Troppo poco per vincere in attacco toppo distratti e molli in area nostra x nn prenderle. Il futuro non è roseo certo e credo che un obiettivo plausibile possa essere il quinto posto da difendere con unghie e denti per evitare pesanti preliminari a luglio, anche se contenere Milan Napoli e Cagliari nn sarà facile con questa accozzaglia di giocatoti che sembra sempre meno una squadra. Attendiamo fiduciosi i commenti di lory con le sue famigerate maiuscole e la conferenza stampa di Petrachi stavolta condita di sputi e bestemmie inutili.

    Rispondi
  27. Rudi Garcia
    “Ora bisogna lavorare sulla sulla testa dei calciatori”

    Eusebio Di Francesco
    “Ora bisogna lavorare sulla testa dei calciatori”

    Paulo Fonseca
    “Ora bisogna lavorare sulla testa dei calciatori”

    Purtroppo, se ci rifacciamo ai nostri precedenti, questa dichiarazione è la certificazione dell’incapacità di evitare alla squadra i suoi noti imbambolamenti mentali.

    Forse sbaglio, ma non ricordo da Spalletti dichiarazioni di questo tipo. La sua Roma a volte cadeva male, ma in generale era più continua.

    Io predico spesso qui la necessità di una continuità tecnica, ma con una squadra in crisi e una nuova proprietà in arrivo temo che in società si generi un “si salvi chi può” tra tutte le figure professionali allo scopo di scaricare le colpe altrove. Chi difenderà l’allenatore all’interno della società, quando Fonseca è arrivato come quarta scelta? Tutti possono dire:”Io volevo Conte”,”Io volevo Sarri”,”Io volevo Gasperini”. Tutti allenatori che stanno ottenendo migliori risultati.

    Rispondi
    • Spalletti aveva una formazione molto forte rispetto a questa è quindi a volte perdeva ma poi si riprendeva subito anche perché attaccava i giocatori al muro grosso e cattivo come è . Conosco gente di Reggio Emilia che conosceva Loria che nn era proprio piccolo. Orbene nn lo faceva giocare mai perché era una pippa al sugo un giorno si sono attaccati e pare che il pelato gliele abbia suonate ben bene 😁

      Rispondi
  28. poi se vojamo parlare dlla gara: dzeko è solo in attacco, soloooo!
    ma xkè nn mette giocatori freski invece di qgli zombi di perotti e miki? ma xkè nn cambia tatticamente? qsta squadra nn ha i giocatori nè la qualità di affrontare gli avversari a campo/viso aperto.
    ma poi stiamo skerzando? 2 tiri in 95′ e appena subito il 2gol la squadra si è liquefatta!!

    Rispondi
    • Ruganti’ la Roma è finita quando i giocatori hanno capito che c’era aria di rivoluzione a luglio e speriamo che a sto punto la rivoluzione ci sia davvero perché se salta l’affare friedkin l’anno prossimo si lotta per la retrocessione

      Rispondi
  29. si sta kiudendo il cerkio americano: vi ricordate il 1anno?
    sulla panca c’era una scommessa (enrique), avevamo una rosa costruita male, la confusione regnava sovrana e a febbraio fummo fuori da qlsivoglia obiettivo.
    combinati cme sno nn mi stupirei ke il gent ci rifili 4supposte, così posso kiudere anticipatamente l’album.
    qnto a fonseca… se in 2 mesi continua a ripetere ke va tutto bene, mentre la squadra lentamente sta sprofondando fuori pure dalla zona europa-league, io un pensierino sul fatto ke abbia xso il polso dllo spogliatoio me lo farei visto ke pau ha detto ieri: “nn è solo un problema di testa”. a ke si riferiva?

    Rispondi
  30. Cmq basta con cristante basta cn pellegrini basta cn mkhytarian che sta giocando come se fosse brighi e basta giocare cn soli 2 centrocampisti!!

    Rispondi
    • Menomale che non sei tu il ds della Roma, non sta giocando bene ma Pellegrini via è da suicidio, lo sai guardare il calcio? Hai visto che tecnica ha, che visione di gioco, che facciamo cediamo l’unico che sa impostare il gioco e creare azioni insieme a Zaniolo.

      Rispondi
  31. Dai lorysan e friends e colpa de tottiii del ambientee delle radio..
    Ma va che sta squadra fa pena e pure fonseca mi sta delidendo parecchio.
    Lory dicevi mkhytarian vale 10 elsharawy?si nel 2013 si ma ora nn vale mezz elsha
    Sta squadra nn ha 1 schema nn ha centrocampisti top per giocare col 4 2 3 1
    Mi dispiace ma ci stanno togliendo la passione cosi svogliati cosi pff
    Vendete tutti tenete solo smalling mancini spina peres veretout pellegrini massimo cm riserva ,kalinic cristanteeeeeeeeee etc etc..
    Eh ma totti che cattivone che volevaaa zyiech al posto di quel mr ironmen pastore

    Per me La Roma ha chiuso nel momento dopo la semifinale doveva solo comprare 2-3 top per provare a vincere tutto mentre abbiamo venduto tutto per ste plusvalenze del cavolo.

    FORZA ROMA SEMPRE MA STA SQUADRA E NA SQUADRA SENZA SENSO E SENZA ANIMA

    Rispondi
  32. Francamente non è ipotizzabile che noi si recuperi 7 punti a questa Atalanta.
    Sarà già un successo mantenere questo distacco in ottica EL.
    Ad oggi vedendo la qualità di gioco di Milan e Napoli, direi che ci finiranno sopra a fine anno.
    La squadra non ha un’identità, uno straccio di gioco. Tutto è legato alle iniziative dei singoli, agli strappi di Kluivert, Perotti o Under, al lancio lungo su Edin.
    Responsabilità di Fonseca?
    Ne ha visto che è lui che fa le scelte, ma uno che ha come filosofia il calcio propositivo difficilmente riesce a correre ai ripari mettendo in campo una squadra umile, operaia, tutta difesa e contropiede. Ed è questo che avrebbe dovuto fare a Bergamo. Difficile fare gioco se non hai un centrocampo e due soli giocatori veri, Dzeko e Smalling.
    Ma di tratta di una rivoluzione filosofico-culturale che non è nelle sue corde.
    Ma a chi dó più responsabilità è Petrachi.
    Da questa estate tuono contro il suo mercato perché ci ha riempito di giocatori mediocri, con nulla possibilità di plusvalenza, anzi in odore di grande minusvalenza, con ingaggi monstre, praticamente invendibili.
    Monchi aveva preso pippe al sugo.
    Petrachi invece seconde linee.
    Risultato? Gli unici buoni, quelli su cui rifondare, sono anche gli unici che hanno mercato.
    Come fai a disfarti di uno Spinazzola che guadagna 3 ml ed è costato 30 ml?
    Giusto Ausilio poteva pensarci e San Marotta ha messo il veto (giustamente).
    Questa estate Petrachi doveva fare un mercato fondato sulla qualità.
    Quando si punta sulla qualità si sbaglia di meno e se va male, l’investimento si recupera, almeno in parte.
    Monchi ha dimostrato di vendere male.
    Petrachi invece di non saperlo proprio fare visto che ha ceduto solo in prestito.
    Su queste basi vedo un futuro nerissimo.
    Ci vorranno anni per disfarsi della zavorra presa.
    Impensabile che Friedkin dopo la sparata di Petrachi (non è Paperon de Paperoni) lo riconfermi.
    E più che sparata sembra l’ennesima gaffe, dal momento che Petrachi ha avuto modo di confrontarsi con la nuova proprietà per stilare un programma. È evidente che le informazioni ricevute da Friedkin erano cosa riservata ed attinente a una continuità di management senza spese folli nel rispetto del FPF. E non credo proprio che Friedkin abbia gradito.
    Petrachi è già formalmente un ex che ha pure rotto con l’allenatore.
    Difficilmente rivedremo entrambi ai nastri di partenza la prossima stagione: forse Fonseca ha ancora qualche chance, ma poche.

    Rispondi
  33. Fazio a differenza di quanto scrive Pace È stato uno dei pochi ad avere la sufficienza e ha dimostrato impegno, è un professionista serio che ha da insegnare molto agli altri peccato I limiti fisici e l’età Smalling tornato ai suoi livelli, mancini nel suo ruolo NATURALE emerge e gioca una buona partita, infine kluivert a mio avviso è stato il migliore dei nostri. Spinazzola costato 30 milioni e non 10 Come si dice Petrachi si addormenta clamorosamente facendo segnare un gol facile facile all’Atalanta il ragazzo mi sta anche simpatico dal punto di vista umano Ma non è di certo di livello, e con Luca Pellegrini ci abbiamo perso la grande Grazie Petrachi… roba che se lo faceva Florenzi veniva impalato a Trigoria da tutti gli addetti ai lavori e tifosi perché qui si seguono le mode non si guardano i valori tecnici. Dzeko fa ql che può da solo lassù a fare a sportellate riuscendo pure a segnare. Pellegrini ribadisco buon giocatore ma nn ci si può costruire una squadra intorno. Poi qlcuno mi spieghi le scelte di Fonseca, oramai in confusione anche lui. Xchepellegrini in mezzo al campo e nn veretout? Xché miki e nn pellegrini dietro dzecko? Xché sostituire kluivert nettamente il migliore li in avanti invece di perotti o miki? Chissà…male molto male. Purtroppo i nodi di una squadra costruita male e pagata troppo sono al pettine. Petrachi spero presto diventi un brutto pallido ricordo. Va riprogettata ora la squadra e la società anche perché è certo oramai che la champions nn la si farà e probabilmente neanche l’europaleague quindi anno zero…liberarci dei cadaveri ed iniziare a comprare i giocatori su cui costruire la squadra.
    Smalling (sperando che possa essere riscattato), veretout, zaniolo, kluivert…e pellegrini x il resto possono venderli sperando che il prossimo da sappia comprare giocatori di livello e nn le scommesse perse alla monchi o Perrachi di turno. E spero di nn venir deluso da Fonseca x il quale nutro ancora fiducia nonostante i palesi errori commessi ultimamente, ma lo vorrei vedere con giocatori adatti al suo gioco

    Rispondi
    • Fonseca ha la squadra in mano dall’estate scorsa. Non c’è l’ombra di un gioco… capiscono solo la palla lunga per dzeko non c’è altro.
      L’atalanta con una rosa probabilmente più debole della nostra ci ha rullato.
      Come fate ad avere fiducia in fonseca non lo so

      Rispondi
      • Hai ragione però oggettivamente a centrocampo nn abbiamo un giocatore di livello che sappia dettare i tempi, niente tutte scommesse e giocatori fuori ruolo….forse con un altro allenatore avremmo perso di meno, forse, ma i giocatori vanno presi funzionali al gioco che si vuole dare. Dopo il primo derby ero molto critico con Fonseca che però ha saputo poi adattarsi e adattare la squadra e Non dimentico che lo stesso Fonseca nella conferenza stampa a ridosso del Calciomercato invernale ha detto di essere preoccupato per la squadra mandando un segnale a Petrachi infatti Solo che vedrà Chi ha comprato tre caballeros a 10 milioni …sono funzionali? Ora di sicuro no forse tra 2-3 anni quindi inutili per tamponare le emergenze per me Petrachi è riuscito a concludere il pessimo lavoro fatto da monchi

Lascia un commento