Garcia: “Se non credessi allo Scudetto, dovrei cambiare mestiere. Destro? Nessun giocatore importante deve andare via”


Rudi Garcia è stato intervistato dai giornalisti di Rai Sport. Ecco le sue parole, in un’intervista di quattro semplici ma interessanti domande.

La classifica dice che siamo secondi, ma dice anche che dobbiamo giocare la 19esima giornata. Siamo a metà campionato e ci sono 57 punti in ballo. C’è il tempo di tornare“.

Crede nello Scudetto?
Sì, se no dovrei cambiare mestiere. Un allenatore che non ci crede è meglio che cambia mestiere.”

Roma-Empoli…
Squadra totalmente concentrata sulla partita di coppa, perché l’unico obiettivo che abbiamo per questo momento è qualificarci. Poi torneremo a pensare al campionato, ma non prima.

Mattia Destro rimane a Roma?
Nessuno dei giocatori importanti deve andare via. Poi ci sono alcuni casi, per esempio i giovani: dobbiamo dargli minuti di gioco. Se qui non possono giocare, devono farlo fuori“.

Photo Credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  Sempre più vicino Belotti alla Roma: le ultime notizie in merito

3 commenti su “Garcia: “Se non credessi allo Scudetto, dovrei cambiare mestiere. Destro? Nessun giocatore importante deve andare via””

  1. Ma dai tanto siamo secondi a 1 punto.. E poi so diventati 3. Ma dai tanto siamo secondi a 3 punti. E mo so diventati 5.. Adesso quanta gente sentiremo dire ma dai siamo secondi a 5 punti.. La squadra gioca male. Gioca senza anima. Rischia spesso di perdere e si riprende solo perché 1, è oggettivamente abbastanza forte. Non fortissima, abbastanza forte. Abbastanza da rimettere dritte le partite non eccessivamente compromesse. E 2, perché il livello del nostro campionato è basso, basso in modo deprimente. E il pesce puzza dalla testa: non si pensi che chi è in testa sia così forte e così irresistibile, perché non è così. I ladri hanno dovuto rubare qualche partita persino quest’anno per stare dove stanno. E se non hanno preso il largo è un brutto segno, per loro. Per noi c’è poco da stare allegri: la squadra è presuntuosa, sicura dello scudetto e non ha più la fame dell’anno scorso. L’effetto 26 maggio è sparito e senza quello non si dannano più l’anima, e la carretta non può tirarla più nainggolan da solo perché non ce la fa più. Se non si svegliano basta un altro pareggino i il distacco sale a 7.. arriva lo scontro diretto e diventano 10.. intanto garcia chiacchiera chiacchiera.. Suonasse la sveglia piuttosto, prima che vada all’aria tutta la stagione. Oppure lo dicesse: arriviamo secondi. E siamo contenti lo stesso. Ma se dice: arriviamo primi, bene allora svegliasse sta squadra!

    Rispondi

Lascia un commento