ESCLUSIVA. Purpura: “Suarez alla Roma? No, c’è già De Rossi. Sanabria? Ora Garcia non può lanciarlo…”


Sono giorni che si vocifera del possibile arrivo di Mario Suarez alla Roma, visto lo scarso utilizzo nell’Atletico Madrid di Simeone. Su di lui anche Napoli ed Inter. Per saperne di più, abbiamo chiesto all’agente Fifa Claudio Purpura, esperto di calcio spagnolo, che ha rilasciato un’intervista ai nostri microfoni.

Per gennaio escluderei un suo approdo alla Roma. Anche perché ha le stesse caratteristiche di Daniele De Rossi, che ora si divide il posto con Keita e per questo non credo che ora siano interessati a questa operazione. Sicuramente è un giocatore che fa gola, in Italia ed in Inghilterra. Fondamentalmente escluderei la Roma“.

C’è Keita che parte però…
Sì, ma andare a spendere 10 milioni di euro per sostituire Keita un mese e mezzo…non credo vogliano farlo, anche perché sono anche fuori dalla Champions. Poteva essere un passaggio probabile nel momento in cui la Roma avesse proseguito il proprio cammino in Champions, ma allo stato attuale delle cose, francamente, non mi sembra possibile. E, come detto, c’è De Rossi…

Che non è un ripiego…
Assolutamente no, anzi, può essere l’occasione giusta per il suo rilancio, visto che ha vissuto una parte di stagione negativa. Oltretutto, si tralascia un particolare non da poco conto: né l’Atletico Madrid, né Simeone vogliono privarsi di Mario Suarez. Il fatto che abbia giocato poco non vuol dire che Simeone non lo ritenga importante. Tutte le voci partono da un articolo di “El Mundo Deportivo”, che poi in realtà spiega come il giocatore sia tenuto in considerazione da allenatore e club. Forse è il giocatore ad esser stato indispettito dallo scarso utilizzo. Suarez dà un equilibrio tattico alla squadra incredibile. Nell’Atletico Madrid ha lo stesso ruolo chiave che aveva Xabi Alonso nel Real Madrid“.

LEGGI ANCHE  Sempre più vicino Belotti alla Roma: le ultime notizie in merito

Altre voci dalla Spagna?
In questo momento non ci sono particolari voci. Si parla molto di Cerci: c’è un braccio di ferro perché il giocatore voleva l’Inter, mentre il suo club vorrebbe arrivare anche a Torres, tramite lui. In questo momento non ci sono movimenti importanti all’orizzonte. Per la Roma, forse, qualcosa in uscita: si parlava di Cole, che potrebbe tornare anche in Inghilterra, ma non prevedo entrate particolari dalla Spagna“.

La Roma la rosa lunga ce l’ha, magari giocano poco…
Più che altro bisognerebbe considerare la possibilità che la Roma lasci dei giocatori in prestito per dargli continuità e riprenderli a fine anno. Non vedo uscite della Roma verso la Spagna. Sanabria? Non ha mai giocato, sì, ma le cose sono due: o va in prestito, oppure una volta raggiunti certi traguardi Garcia può decidere di dargli spazio e lanciarlo, magari a fine stagione, ma finché ci saranno i giochi aperti per lo Scudetto dubito che trovi spazio. Ha grandi qualità, ma è inevitabile: non può trovare spazio, gli allenatori non possono lanciarli in questo momento. un po’ quello che sta accadendo a Coman nella Juventus, che però sta trovando un po’ più di spazio. E’ normale, però, che gli allenatori non possano farli giocare“.

Photo Credits | Getty Images


16 commenti su “ESCLUSIVA. Purpura: “Suarez alla Roma? No, c’è già De Rossi. Sanabria? Ora Garcia non può lanciarlo…””

  1. Buongiorno a tutti,

    dato tutti i nomi che escono, vediamo di rifare un riassunto:
    Ponce? Probabilmente sarà l’ennesimo prestito con parcheggio di Sabatini, personalmente non me piace, l’ennesimo sud-americano.
    Hoedt? Dicono la Roma potrebbe fregarlo alla Lazio, nella realtà non credo interessi per niente, visto che non serve, se non per parcheggiarlo altrove.
    Baba, dubito che un titolare in germania vada a Roma a fare la riserva, da valutare a Giugno.
    Darmian e Peres, per chi non ci vede e ha problemi di udito, ricordiamo che sono laterali di centrocampo e non terzini, non sanno difendere.
    Maxi Pereira, dio ce la scampi, solo il suo nome mi fa venire i bvrividi,
    Glen Johnson, dato il fatto che è il giocatore più scarso d’inghilterra e dato che prende attualmente 5-6m d’ingaggio e dato che terzini destri non servono, ne dubito.
    Santon? Invenzione mediatica, la Roma mai lo prenderà, poi è un fallito.
    Muratovic? Ha detto di tifare City e Roma, magari verrà da noi, speriamo visto che è bravo come giovane.
    Luiz Adriano? Circolano voci che sostituirà Martinez al Porto, ma non si sa mai se non si vuole spendere soldi.
    Benteke? Finchè non si leva Destro che probabilmente vuole andare in una delle milanesi ne dubito forte.
    Neto? Manco a Giugno, troppo scarso per me.
    Ce ne sono altri che non li ricordo?

    Rispondi
      • @RomaWolf:
        Dimentichi Bergessio!
        Wolf aspettiamo e vediamo io ho massima fiducia nel fumante!
        Te saluto, stamattina ce stamo solo io e te su sto sito!

      • @down under: C’è pure Lory ogni tanto.
        Bergessio è n’altro di quelli associati perchè argentino o perchè ha giocato in francia 1 anno e mezzo.
        Perotti manco da prendere in considerazione dato che a Giugno altre ali non se ne vedranno.
        Pure io ho fiducia nel fumante, ma questa gente che parla dei grandi arrivi nelle altre squadre, di noi dicono solo che vendiamo mezza squadra e prendiamo mezze tacche.
        So ridicoli.

    • @LorySan: Se seguiamo quello che dicono i media allora: Cole in america, DeRossi in america, Strootman allo United, Pjanic al Psg e Nainggolan al Liverpool.
      Manca Totti alla Lazio e siamo a posto.
      La voce su DeRossi, per chi se lo ricorda, è il preannuncio del suo rinnovo, ovvero la solita minaccia del o mi dai tanto e rinnovo o me ne vado.
      Chissa stavolta come andrà, io spero non cedano alle sue minacce e stavolta o prende 3m o si leva, perchè di più lui non merita e non mi interessa della questione che lui è romano o il futuro capitano. Pure Totti con la società nuova a rinnovato abbassandosi lo stipendio, se lui sopra trentanni vuole prendere sempre di più, allora se ne vada.

      Rispondi
      • @RomaWolf:

        E aggiungo.

        […] se ne vada, che tanto nn è che cambierebbe qualcosa… Ha un rendimento peggiore di keita che ha 4 anni in più, guadagna 4-5 volte meno e molte partite le ha fatte da mezzala.

        Ho detto tutto.

  2. Il_Cannibale ha detto:

    Non so se solo io, ma ho notato una qual certa deriva che non mi vede troppo daccordo.
    Ossia che Keità sia il sostituto naturale di De Rossi.
    Per me parliamo di due giocatori molto diversi, con Keità di gran lunga più abile nel gioco orizzontale, con spiccate doti offensive e di pressing, mentre De Rossi mi sembra abbia istruzioni più verticali rispetto al Maliano, con spiccate qualità difensive e con meno incarichi sul pressing.
    per me, Keità, è più idoneo come vice Pjanic ed in generale come uomo d’ordine li in mezzo, date le sue immense qualità di palleggio e recupero palla.
    La Roma, imho, deficita molto nel ruolo di vice De Rossi e, forse, dovrebbe pensare di acquisire li qualche giovane da fargli crescere vicino.
    Domanda:
    Florenzi, alla luce del fatto che Garcia non lo vede come centrocampista, voi lo cedereste?
    Io proporrei due alternative, ossia od intensificare l’allenamento indirizzandolo al ruolo di terzino, o cederlo.
    Però so bene che a Roma c’è particolare, diciamo così, rispetto verso i giocatori che hanno i nativi ed il tifo di Roma.

    Keita per me non ha il passo per fare l’intermedio (come de rossi tra l’altro), sono 2 giocatori che devono stare davanti alla difesa anche se con interpetazioni diverse. Sono d’accordo però sul fatto che la società deve iniziare a cercare il “prossimo” de rossi, visto che il giocatore ha superato i 30, per farsi trovare pronta nel cambio.

    Su florenzi sono d’accordo, io cercherei di farne un terzino destro, viste le doti del ragazzo e la scarsità nel ruolo in questo momento che rende difficile reperirne uno sul mercato. Da attaccante pecca di qualità per ricoprire il ruolo in una squadra da scudetto, da centrocampista tende ad essere un pò disordinato. Da terzino invece può essere un fattore importante

    Rispondi
  3. Il_Cannibale ha detto:

    Non so se solo io, ma ho notato una qual certa deriva che non mi vede troppo daccordo.
    Ossia che Keità sia il sostituto naturale di De Rossi.
    Per me parliamo di due giocatori molto diversi, con Keità di gran lunga più abile nel gioco orizzontale, con spiccate doti offensive e di pressing, mentre De Rossi mi sembra abbia istruzioni più verticali rispetto al Maliano, con spiccate qualità difensive e con meno incarichi sul pressing.
    per me, Keità, è più idoneo come vice Pjanic ed in generale come uomo d’ordine li in mezzo, date le sue immense qualità di palleggio e recupero palla.
    La Roma, imho, deficita molto nel ruolo di vice De Rossi e, forse, dovrebbe pensare di acquisire li qualche giovane da fargli crescere vicino.
    Domanda:
    Florenzi, alla luce del fatto che Garcia non lo vede come centrocampista, voi lo cedereste?
    Io proporrei due alternative, ossia od intensificare l’allenamento indirizzandolo al ruolo di terzino, o cederlo.
    Però so bene che a Roma c’è particolare, diciamo così, rispetto verso i giocatori che hanno i nativi ed il tifo di Roma.

    Io penso che il vero sostituto di ddr può e deve essere strootman, che ricopre in nazionale e nella sua ex squadra.

    Ddr, ad oggi é un difensore aggiunto a centrocampo, perché in fase offensiva ê nullo.

    Keita é un regista classico, per me inferiore di varie categorie a pirlo che pur essendo vicino alla porta può creare cn facilita una palla goal.

    Per me, o gioca Keita o ddr.

    Son due giocatori nn portati ne alla corsa ne al pressing ( ddr era un fenomeno, 2-3 volte radja, ma ora chissà il perché, ed é da anni, che nn corre più cm prima ).

    Per come la vedo io, il cc deve giocare cosi: Pjanic—-stroot—-radja

    Rispondi
  4. Non so se solo io, ma ho notato una qual certa deriva che non mi vede troppo daccordo.
    Ossia che Keità sia il sostituto naturale di De Rossi.
    Per me parliamo di due giocatori molto diversi, con Keità di gran lunga più abile nel gioco orizzontale, con spiccate doti offensive e di pressing, mentre De Rossi mi sembra abbia istruzioni più verticali rispetto al Maliano, con spiccate qualità difensive e con meno incarichi sul pressing.

    per me, Keità, è più idoneo come vice Pjanic ed in generale come uomo d’ordine li in mezzo, date le sue immense qualità di palleggio e recupero palla.

    La Roma, imho, deficita molto nel ruolo di vice De Rossi e, forse, dovrebbe pensare di acquisire li qualche giovane da fargli crescere vicino.

    Domanda:
    Florenzi, alla luce del fatto che Garcia non lo vede come centrocampista, voi lo cedereste?
    Io proporrei due alternative, ossia od intensificare l’allenamento indirizzandolo al ruolo di terzino, o cederlo.

    Però so bene che a Roma c’è particolare, diciamo così, rispetto verso i giocatori che hanno i nativi ed il tifo di Roma.

    Rispondi
    • @Il_Cannibale: Rettifico, perchè erronamente l’ho dato per scontato.
      Il vero erede di De Rossi si chiama Radja, solo che Garcia è troppo innamorato della sua qualità vicino alla porta.
      Nel Cagliari faceva da diga ed era pazzesco, noi lo adoperiamo più come cerniera laterale.

      Su Mario Suarez poco da dire.

      Ottimo giocatore, incarna perfettamente il concetto di calcio Iberico.
      Pressing forte e qualità nel palleggio, forse molto più simile a Keità che a De Rossi.

      Per quel poco che ho visto l’Atletico in Champions, non seguo la Liga, non mi diverte.
      Seguo la Premier con molto interesse, la liga la vedo piuttosto noiosa e monotematica.

      Rispondi
      • Su DDR/Keita penso che l’uno è il vice dell’altro perché occupano la stessa posizione in campo (anche se DDR tende a stare più dietro). Poi, ti dó ragione “Cannibal”, interpretano il ruolo differentemente in quanto hanno caratteristiche fisiche e “tecnico-tattiche” diverse.

        Nell’articolo viene fuori la solita puttanata sui giovani che non sono pronti e quindi non si possono far giocare o meglio si fanno giocare quando non c’è in palio niente (tipo partite scapoli ammogliati).
        Ma possibile che ci siano persone così ottuse!
        Se un giovane è bravo, deve giocare. Anzi la cosa peggiore che si possa fare è preferire uno esperto ma mediocre a uno giovane e bravo.
        L’Inter con la Lazio ha pareggiato perché ha fatto uscire un Guarin inguardabile mettendo dentro il giovane Bonazzoli dalla cui punizione è nato il cross del pareggio (notare che la punizione l’ha battuta lui che ha 17 anni e non altri matusalemme).
        Quindi basta stronzate. Tutto possiamo dire sui nostri giovani tranne che non sono pronti, dal momento che non li abbiamo quasi mai visti all’opera!

      • @down under: Bravissimo.
        Che poi è un pò il problema del calcio Italiano.

        Per me non è che non diamo fiducia ai giovani, semplicemente i giovani che abbiamo non sono bravi poichè, se bravi, giocherebbero.

      • @Il_Cannibale:
        Per me in Italia siamo in una situazione ancor peggiore e la pochezza delle nostre nazionali deriva in parte da questo.
        Non c’è consapevolezza delle qualità dei giovani perché a priori vengono considerati non all’altezza. Se non fosse per qualche allenatore illuminato i nostro giovani potrebbero trovare spazio solo nelle categorie minori.

Lascia un commento