Fast & Furious ancora al top

ROMA, 27 APR – Invariate le prime tre posizioni del box office italiano, con Fast & Furious ancora al top e Questione di cuore di Francesca Archibugi che resiste brillantemente al terzo, ma con altrettante new entry nelle prime dieci posizioni tra cui, da segnalare, il quinto posto del film low cost Generazione 1000 Euro, commedia generazionale di Massimo Venier su giovani frustrati in cerca di futuro e lavoro. È quello che è accaduto nell’ultimo week-end nella sale italiane secondo i dati Cinetel che monitorano l’85% del mercato potenziale. Al secondo posto c’è ancora Mostri contro alieni mentre al quarto arriva Houdini l’ultimo mago di Gillian Armstrong con Guy Pearce e Catherine Zeta Jones. A chiudere le new entry, all’ottavo posto si trova Earth – La nostra terra di Alastair Fothergill e Mark Linfield, ovvero mondo Disney e sterminato archivio della Bbc alleati per un nuovo modello di documentario che prende spunto dal viaggio del sole (dall’Artide all’Antartide). In calo il film di Pupi Avati Gli amici del Bar Margherita (dall’ottavo al dodicesimo) e Sbirri con Raoul Bova (dal nono al quindicesimo). Cala anche complessivamente di un 30% il totale incassi al box office (da 9.979.832 a 6.969.442): si tratta comunque di una flessione fisiologica legata alla stagione. Siamo infatti in linea con il risultato della corrispettiva settimana dell’anno scorso dove si era ottenuto solo uno 0,18% in più. Ecco i dieci film più visti nel fine settimana, secondo la classifica Cinetel: TITOLO POS. INCASSO INCASSO SETT. PREC. TOT. PROG. 1) FAST & FURIOUS (1) 1.595.231 6.686.629 2 . 2) MOSTRI CONTRO ALIENI (2) 621.714 6.752.696 4 . 3) QUESTIONE DI CUORE (3) 615.940 1.629.640 2 . 4) HOUDINI-L’ULTIMO MAGO(0) 548.441 548.441 3GG. 5) GENERAZIONE 1000 EURO(0) 534.153 534.349 3GG. 6) IO & MARLEY (4) 367.638 4.706.567 4 . 7) DUPLICITY (6) 275.906 2.012.422 3 . 8) EARTH-LA NOSTRA TERRA(0) 263.439 316.817 5GG. 9) DISASTRO A HOLLYWOOD (5) 253.342 927.775 2 . 10)CHE-L’ARGENTINO (7) 228.679 1.783.175 3 .

Condividi l'articolo:

Lascia un commento