Mercato auto: immatricolazioni al -27%, Fiat meno 26%

Avvio d’anno in caduta per il mercato automobilistico europeo. A gennaio – secondo i dati diffusi dall’ Acea – le immatricolazioni di auto nuove in Europa (27 paesi Ue più quelli Efta) sono ammontate a 958.517 unità, in calo del 27% rispetto allo stesso mese del 2008. Un mercato così depresso non si registrava da vent’anni. Per quanto riguarda il mercato italiano, va giù a gennaio del 32,6%.A gennaio il gruppo Fiat ha venduto (Ue27+Efta) il 26% di vetture in meno rispetto allo stesso mese del 2008 con una quota di mercato che però è salita di un decimo di punto all’8,7% diventando il quarto produttore europeo davanti a Gm che vede la sua quota di mercato scendere dal 9,5% all’8,4%. Il marchio Fiat ha registrato una flessione delle vendite del 27,7% a 66.903 unità pur mantenendo la quota di mercato del 7%. Le vendite di Lancia sono state inferiori del 28,4% a 7.882 unità e quelle di Alfa Romeo hanno mostrato una contrazione del 2,3% a 7.949 unità. In calo anche gli altri marchi del gruppo Fiat che comprendono Ferrari e Maserati e che registrano una flessione delle vendite del 30% a 511 esemplari. Tutti i grandi marchi hanno registrato una contrazione delle vendite a gennaio. Vw ha fatto segnare un -20,1%, Psa -24,8%, Ford -21,8%, Fiat -26%, Gm -35,4%, Renault -33,9%, Toyota -31,5%, Daimler -30,5%, Bmw -32,4%, Nissan -25,5%, Hyundai -16,3%, Honda -27%, Mazda -16,7%, Suzuki -28,5%, Kia -28,7%, Mitsubishi -41,8%, Jaguar Land Rover -49,2%, Chrysler -53,2%. Per quanto riguarda le quote di mercato di gennaio rispetto allo stesso mese dello scorso anno hanno registrato performance positive, oltre a Fiat (dall’8,6 all’8,7%), Vw (dal 19% al 20,8%), Psa (dal 13% al 13,4%), Ford (dal 10% al 10,7%), Hyundai (dall’1,7% al 2%), Mazda (dall’1,7% all’1,9%). Stabili Nissan al 2,6% e Honda al 2%. In calo invece la fetta di mercato di Gm (dal 9,5% all’8,4%), Renault (dall’8,3% al 7,5%), Toyota (dal 5,7% al 5,3%), Daimler (da 5,3% a 5%), Bmw (da 5% a 4,6%), Suzuki (da 1,8% a 1,7%), Kia (da 1,7% a 1,6%), Mitsubishi (da 0,9% a 0,7%), Jaguar Land Rover (da 0,8% a 0,6%) e Chrysler (da 0,7 a 0,4%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.