Hamilton premiato dalla regina come membro dell’Impero britannico

Hamilton e la regina d'InghilterraLa regina Elisabetta premia Lewis Hamilton. L’Inghilterra condanna un triste Steven Gerrard. Due facce della medaglia britannica, uno alla ribalta, fresco vincitore, l’altro resosi protagonista di una violenta rissa. E pensare che un anno fa le situazioni erano diverse quasi contrapposte. Hamilton pagava con la sua inesperienza una sconfitta bruciante, prendendo critiche soprattutto nel suo paese, Steven Gerrard, invece riceveva onorificenza dalla Regina. Un fine anno contrapposto adesso con Hamilton, vincitore del Mondiale di Formula 1, diventa infatti membro dell’Impero britannico. «È un grande privilegio ricevere questa onorificenza – ha detto il 23enne pilota della McLaren – È la sorpresa più bella di questo 2008, che per me è stato certamente un anno molto positivo». Mentre Steven Gerrard, capitano del Liverpool, incriminato ieri per aggressione e lesioni perchè coinvolto in una rissa in un ristorante, si è presentato stamani al centro sportivo del suo club per partecipare all’allenamento. Gerrard, 28 anni, è arrivato al centro di Melwood, alla periferia di Liverpool, al volante del suo Range Rover nero. È la prima volta dall’inizio della vicenda che si ritrova in mezzo ai compagni, ai quali erano stati concessi due giorni di vacanza dopo la vittoria per 5-1 domenica a Newcastle, con doppietta di Steve. Lewis Hamilton chiude un anno magico con un altro titolo, stavolta nobiliare: diventa Membro dell’Impero Britannico, onorificenza che la Regina Elisabetta II assegna ai più meritevoli cittadini del Regno Unito. Nella lista delle onorificenze britanniche per il 2009 gli sportivi la fanno da padroni: il ciclista scozzese Chris Hoy, vincitore di tre ori a Pechino, diventa ‘Sir’, mentre la nuotatrice inglese Rebecca Adlington, per due volte sul gradino più alto del podio alle Olimpiadi, è stata insignita dell’OBE che la promuove a ufficiale dell’ordine dell’Impero Britannico. Il Capitano dei Reds, invece, e centrocampista della nazionale inglese ha rivisto così per la prima volta i suoi compagni dopo la rissa di cui è stato protagonista in un locale di Southport. Gerrard dovrà presentarsi davanti al giudice il prossimo 23 gennaio. Storie di personaggi della stessa terra fra onorificenze e possibili condanne.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento