Maarten Stekelenburg intervistato a Roma Channel


Maartek Stekelenburg è stato intervistato da Roma Channel. Ecco le sue parole:

Focus On: Maarten Stekelenburg

Stai imparando l’italiano?

“Si”

Come stai a Roma?

“Fantastico, sono qui da poco, però fino ad adesso è un fantastico club e una fastica città e sto benissimo”

Roma è una piazza molto difficile per i portiere hai avuto questa sensazione?

“Per adesso no. Sempre la stessa cosa quando gioco in Nazionale, come quando giocavo nell’Ajax, ora qui, ogni partita è uguale. All’Ajax avevo il contratto che scadeva avevo manifestato di essere aperto al trasferimento ed è arrivata una grandissima squadra come la Roma una città meravigliosa e sono venuto qui.”

Che accoglienza hai avuto?

“Molto differente dall’Olanda, tanta passione lo stadio è fantastico e ogni partita è un evento.”

Spiega le differenze

“Più passione, se cammini in città ti fermano tutti.”

Sei soddisfatto della partita contro la Juventus?

“Si abbastanza, abbiamo avuto qualche difficoltà dopo il gol iniziale. Nel secondo tempo abbiamo messo più pressione alla Juventus, siamo stati sfortunati sul gol subito e dopo il rigore abbiamo avuto più possibilità di vincere. La Juventus è comunque una grande squadra e l’ 1 a 1 è un buon risultato”

La tua prestazione?

“Buona”

Si dice che la prima parata è il momento più difficile della partita, è vero

“No, la gente lo dice ma dipende. Prendi subito confidenza con il pallone. Ricordo contro il Real Madrid feci un errore dopo 30 secondi e poi feci una partita buona, normale”

Leggi i giornali e le pagelle?

“No, quasi mai”

Un tuo connazionale da portare alla Roma?

LEGGI ANCHE  La Roma è ancora fortemente interessata a Chalobah per gennaio

“Bella domanda, non lo so. Penso a un amico Huntelaar”

Chi prenderesti della Nazionale olandese

“Non posso dire questo.”

Parliamo di Sneijder

“Fantastico, anche in nazionale. E’ importantissimo anche per l’Inter un giocatore fantastico.”

Si parla molto di van der Wiel

“Ho giocato con lui al mondiale, è ancora giovane è uno dei migliori laterali destri di difesa. Ha un grande futuro”

E’ stato Koeman l’allenatore più importante che ti ha fatto esordire

“Si mi ha fatto esordire ma non è solo lui, lui mi mise in primo in prima squadra, gli sono legato Conosciamo Marco van Basten come giocatore ma meno come allenatore… Io l’ho conosciuto in Nazionale per la prima volta, una persona molto alla mano, è uno tecnicamente molto preparato, nella sua carriera da allenatore è cresciuto come ognuno può crescere nel tempo, e trovi una squadra presto.”

Hai ritrovato a Roma Lobont, qual’è la prima cosa che ti ha detto?

“Buongiorno! L’ho incontrato a Trigoria era molto che non lo vedevo, sono stato contento, non lo vedevo dal 2006 da un incontro tra le nostro nazionali”

L’hai trovato più vecchio?

“Si è tagliato i capelli, non li ha più”

Quanto è difficile interagire con tanti allenatori?

“Noi ogni allenamento ci alleniamo con Tancredi e Nanni, anche durante la partita e maggior parte del tempo lo passiamo con loro. Prima della gara parlo sempre con Luis Enrique.”

La finale della coppa del Mondo persa… Un peccato

“Spagna squadra fortissima, la gara ci ha dato tante chance, quella di Robben su tutte. Ma questo è il calcio. E’ un peccato perché mancava davvero poco alla fine”

LEGGI ANCHE  Mourinho pensa ancora a Lindelof per il mercato di gennaio

Errore di Robben o parata di Casillas?

“C’è stata un po’ di fortuna, Robben non ha sbagliato e il portiere ha fatto il suo compito, una parata normale”

I tuoi hobby?

“Calcio e famiglia che è molto importante.”

Cosa ha rappresentato per te il derby?

“Prima partita dopo l’infortunio alla mano, è stato un buon rientro e una grande atmosfera. Peccato di aver perso nei minuti finali. Speriamo di avere più fortuna alla prossima”

Cosa vuoi dire ai tifosi della Roma per il futuro?

“Continuare così. Noi lottiamo per fare i risultati e per fare i tre punti anche a Napoli.”

Totti e De Rossi?

“Grandi giocatori e bravi ragazzi”

Tra i giovani chi ti ha sorpreso?

“Non mi hanno sorpreso, perché sono in una grande squadra li conoscevo anche in televisione, sono giovani molto bravi e non sostati una sorpresa perché sono già grandi giocatori”

Cosa pensi del girone dell’Europeo?

“Difficilissimo. Sono tutte partite difficili in questi gironi. Noi vogliamo qualificarci ma se vuoi vincere tutte le partite è difficile come in un mondiale nell’Europeo se vuoi vincere devi vincere quasi tutte le partite”

Visto Real Madrid-Barcellona?

“Si, con gli amici”

Chi è più forte?

“In quella partita il Barcellona. Ma anche il Real Madrid è forte, sono squadre fortissime”

Cristiano Ronaldo o Messi?

“Messi”

E che dici di Cristiano Ronaldo?

“Grande giocatore, ma se mi chiedi chi è migliore dico Messi

La tua più grande gioia della tua vita?

“Mia moglie e mio figlio Sam.”

Dove passerai Natale?

“A casa con la mia famiglia. Tanti auguri di Natale e sempre forza Roma.”

Photo Credits | Getty Images


3 commenti su “Maarten Stekelenburg intervistato a Roma Channel”

Lascia un commento