Luis Enrique-attaccanti, oggi il confronto


Si riparte dalla buona prova fornita  contro la Juventus.La Roma piena di assenti, tra squalificati ed infortunati è riuscita ad ottenere un buon punto, il tecnco Luis Enrique era stato messo sul patibolo prima della partita di lunedi, pronto a dare le dimissioni come molti sostenevano, invece la squadra  si è  stretta intorno alle idee della sua guida, sacrificandosi, da De Rossi in difesa, al giovane Viviani a centrocampo,sino ad arrivare agli attaccanti, primo su tutti Totti che rigore apparte ha fornito una prova generosa. Ma è proprio in attacco che si evidenziano i due casi più evidenti.

Osvaldo non sembra sereno nella gestione del rapporto con tecnico e compagni, e al cambio ha manifestato insofferenza, non dando neanche la mano all’entrante Borriello.

Borriello che, da parte sua, continua a scaldare la panchina, costretto a beccarsi anche il rimbrotto del mister che nel post partita ha affermato “Se non mi dà quello che voglio in allenamento, non lo mando in campo”. Entrambi gli attaccanti si confronteranno oggi con allenatore e dirigenza.

Photo Credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  La Roma è ancora fortemente interessata a Chalobah per gennaio

20 commenti su “Luis Enrique-attaccanti, oggi il confronto”

  1. io di problemi così vorrei averne ogni anno, non ci posso credere che non si possa valorizzare borriello e che lo si lasci andare via.. luis enrique ha trovato il suo antipatico e non lo fa giocare, ogni allenatore ne ha uno..

    Rispondi
    • Luis Enrique non ha nessun antipatico, è solo che Borriello ( le sue caratteristiche di gioco ) non rientrano nel tipo di gioco che vuole lui, punto e basta.

      Rispondi
      • Io fra l’altro sono uno dei pochi che dice che Borriello è un gran giocatore, ma riconosco il fatto che non lo fa giocare non perchè gli sta antipatico, ma perchè non è adatto al suo gioco..

  2. Ciao a tutti io sono nato a Torino e in questa citta ci vivo da sempre ma ovvio sono un tifoso della MAGICA, penso che abbia ragione Tinkermann quando dice che qui non si da troppo risalto alle cose che accadono fra giocatori mentre a ROMA questo accade quotidianamente e l’ambiente la squadra i giocatori ne risentono perche è vero che guadagnano tanti soldi ma sono pur sempre degli uomini come noi anzi dei ragazzi per cui scendere in campo da tranquilli è molto importante.
    Poi volevo dire un’altra cosa io le partite della MAGICA le ho viste tutte e credo che LE stia facendo un ottimo lavoro contro chiunque giochiamo siamo sempre noi a fare la partita e che spesso ci ha detto male e senza il CAPITANO in campo manchiamo un po d’esperienza.
    In ogni caso sempre sempre sempre forza ROMA

    Rispondi
  3. io sono alessandro , sono di milano, e tifo milan… sono molto fiducioso del progetto roma, mi piace L.E. e anche i nuovi acquisti. su tutti LAMELA.. DEVASTANTE QUANDO PARTE PALLA AL PIEDE. CREDETEMI, LO SEGUO DA 3 ANNI.. E UNA BOMBA….
    per quanto riguarda OSVALDO, ci sta che un giocatore quando viene sostituito sbotta o va direttamente neglio spogliatoi…cmq per me la roma dovrebbe giocare cosi.
    STEKELENBURG
    TADDEI
    DE ROSSI
    HIENZE
    JOSE ANGEL
    DE ROSSI
    GAGO
    PJANIC
    TOTTI
    LAMELA
    OSVALDO

    Rispondi
  4. Ed é proprio in questa parola il problema “sacrificare”. Sacrificare cosa?
    Hanno solamente per una volta fatto il loro dovere. Correre, correre e correre. Difendere ed attaccare tutti assieme ed eseguire il ruolo che gli ha dato l’allenatore.
    Basta comprensione, si tratta di milionari e non di operati che si fanno un kulo 10 ore al giorno in fabbrica.

    Questa é per ora la differenza tra noi e la Juve.
    Il motivatore ke kazzo ci sta a fare?
    Che seno ha prendersela con Luis se ci sono giocatori che non s’impegnano.

    Rispondi
    • sono d’accordo quasi su tutto… però non scendiamo a questi luoghi comuni del fatto che guadagnino milioni.
      capisco possa dare fastidio ma secondo me ci sono due tipi di giocatori, i mercenari, che sono contenti anche di stare in tribuna, purché venga loro pagato lo stipendio e poi ci sono i veri giocatori che amano quello che fanno, quindi ci può stare che si incazzìno se vengono tenuti in panchina per mesi o se vengono sostituiti.

      Rispondi
      • si però non si può sbroccare perché ti sostituiscono a 10 dal termine e non saluti nemmeno il compagno che entra…alla fine Osvaldo mi pare che sia stato uno dei più utilizzati e tra i meno sostituiti…io preferisco un Osvaldo criticato ma che fa cinque gol di cui uno al derby + 1 annullato in rovesciata che un Osvaldo osannato che sbotta in quel modo per la sostituzione…oppure dell’Osvaldo che prende a pacche un ragazzino di 18 anni che non gli ha passato la palla…

        a mio parere a Roma dopo cinque/sei partite tutti si sentono o arrivati o bocciati…e il tam tam mediatico che circonda la nostra amata Roma dà la possibilità ai giocatori di far fuoriuscire le beghe interne allo spogliatoio e a renderle di dominio pubblico…

        se guardiamo juve e milan non si sa mai un bel niente, si vedono solo i risultati sul campo…

        noi dobbiamo continuare ad essere calienti ma dobbiamo anche imparare a chiedere ai giocatori di dimostrare maggiore professionalità con i compagni e all’esterno…

      • ma non volevo giustificare il suo gesto, non tanto quello di andare dritto negli spogliatoi, che non gli incolpo ma quello di non salutare borriello. dicevo solo che non c’entrano i milioni che prendono.

  5. ma insomma, è possibile che ne sta cazzo de città non si riesce a lavorare mai tranquilli?? voglio dire, ste cazzo di piazzate plateali dei giocatori quando vengono sostituiti è veramente da censurare…un conto è un segnale di disappunto, che ci sta, perché tutti vogliono giocare sempre, un conto è sbuffare come un bambinello di cinque anni e non salutare e incitare il compagno che entra (che si sta facendo la panca al posto tuo in silenzio)…

    molti dicono che Luis Enrique fa degli errori, e sotto certi punti di vista è corretto, può e deve migliorare e non lo ha mai nascosto…ma non è per niente facile gestire sti galletti, che appena arrivano si fanno il bagno di folla, e si credono subito sto cazzo e che possono fare quello che vogliono in campo e fuori…

    io credo fermamente che per tornare a vincere questo cazzo di ambiente vada bonificato sia dalle eccessive intrusioni mediatiche sia dalla possibilità data ai giocatori di esprimere il loro dissenso al di fuori degli ambiti consentiti, ovvero negli spogliatoi e in allenamento…

    Rispondi
  6. Adesso ci sono ancora piu quesiti sulla formazione.. arretrare ancora de rossi a difensore centrale? o mettere kjaer o juan? manca pjnaic, mettere viviani-gago-greco? o inserire simplicio?
    e davanti? lamela totti osvaldo? o rimettere bojan con 2 di questi?

    insomma non oso immaginare quale sarà la formazione XD

    Rispondi

Lascia un commento