Unicredit: “Nessuna incomprensione con DiBenedetto”


Da parte di Unicredit non c’è nessuna incomprensione con il presidente della Roma, Thomas DiBenedetto“. Ecco la pronta e secca smentita di Unicredit alle voci divulgate da Dagospia, che ha lanciato una bomba priva di fondamento. Secondo quest’ultimi, DiBenedetto vorrebbe lasciare la presidenza della Roma per delle incompresioni con i vertici di Unicredit, ma fonti molto vicine all’istituto bancario hanno smentito seccamente, ed hanno divulgato la nota ufficiale che potete leggere sopra. DiBendetto non lascerà la Roma.

Photo Credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  Ola Solbakken è ormai ad un passo dalla Roma in vista di gennaio

14 commenti su “Unicredit: “Nessuna incomprensione con DiBenedetto””

  1. Grazie alla Unicredit anni fà saltò l’aquisto della A.S. R O M A da parte dell’odierno presidente dell’Ahnzi!!!
    Pensate se fosse avvenuto adesso come eravamo messi?
    Prima si toglie dal cazzo sta banca e meglio sarà! Forza Americà non mollate! 😉 😉 😉

    Rispondi
  2. premesso che sto sito spara sempre a zer ocon notizie false sul conto della roma. ma la cosa che mi fa incavolare pero è sempre la stessa. cambiano le presidenze ma sta cosa non cambia mai.
    solo quando c’era brugnoli la roma avev un addetto stampa con i fiocchi.
    ma xke l’unicredit smentisce con un comunicato che non c’è alcun litigio con dibenedetto, quindi rassicurando sul suo conto la tifoseria. e non lo fa la AS ROMA??? unicredit ha smentito che ci siano diatribe con dibenedetto. ma xke la roma non fa un comunicato dicendo ceh dibenedetto e soci non hanno discusso? xke nn ci scordiamo che è come se noi avessimo due controllanti una di maggioranza gli americani e l’altra di minoranza la banca.

    ripeto la banca fa chiarezza ma la roma no., xke non ha comunicato nulla. boh nn capisco xke nn stanno piu attenti a ste cose

    Rispondi
  3. Volete sapere le caxxate che scrive dagospia su altre cose? eccone una….

    Da “Il Giornale” (pubblicato da Dagospia 17 Giugno 2008)

    3 – C’È UN IMPUTATO A ROMA, MA STAVOLTA È TRAVAGLIO…
    Ha già invitato tutti i colleghi alla «disobbedienza civile» contro il decreto legge sulle intercettazioni, al grido di «arrestateci tutti!». La legge non è ancora approdata in Parlamento, eppure il Gandhi del giornalismo (al secolo Marco Travaglio) è già stato rinviato a giudizio. Non per uno scoop scomodo, però. Il Gup di Roma ieri ha deciso che Travaglio dovrà essere processato per il reato di diffamazione a mezzo stampa. I fatti risalgono all’inizio dell’anno scorso, quando l’editorialista dell’Unità aveva confezionato un’inchiesta a puntate in puro stile anglosassone, «fatti, fatti, nient’altro che fatti» sul direttore della Rai Fabrizio Del Noce. Qualche stralcio? «Del Noce è Del Noce e, per oscurarlo, basta un lombrico». O ancora: «E nella mediocrità che sguazza felice, è nel nulla assoluto che trova la sua realizzazione più piena». A giudizio è finito anche il direttore del quotidiano fondato da Gramsci, Antonio Padellaro.

    Rispondi
      • Gigio x una volta ti quoto… Travaglio è il miglior giornalista d’Italia e il Fatto quotidiano è uno dei pochi giornali seri…
        Su qualcosa almeno la pensiamo uguale… :mrgreen:

  4. Quanto mi fanno incazzare sti giornalari di merd.a!! Poi te pare che DiBenedetto lascia la roma dopo tutto quello che ha fatto?!?! ma fatemi il piacere… 👿

    Rispondi
    • Purtroppo anche Sky conferma la notizia anche se sembrerebbe che le incomprensioni siano tra Di Benedetto e Pallotta (e non con Unicredit). Sembrerebbe inoltre che Di Benedetto abbia preso il primo volo disponibile e si trovi in questo momento a Boston. Strana tutta sta fretta… forse Zio Tom è andato a chiarirsi faccia a faccia con Mr Pallotta 🙂

      Rispondi
      • Isnake77: Il volo di ritorno per Boston era già previsto dalla settimana scorsa…Cm sò tutte fregnacce!!! Lo fanno per destabilizzarci…sopratutto sky che ha preso la palla al balzo! DAJE ROMA FORZA TOM!!!

      • @scipio-forzaroma: lo stanno dicendo anche su una nota radio romana. Meglio così, io ci credo in questo “progetto” e sarebbe un peccato gettare via tutto alla prima difficoltà.

Lascia un commento