Emerson si sente più bianconero che giallorosso. Per lui vincerà la Juventus


In vista di Roma-Juventus torna anche a parlare Emerson, ex giocatore della Roma e della Juventus. IL calciatore, acquistato da Franco Sensi nel 2000-2001, fu molto contestato per il suo trasferimento alla Juventus nella stagione 2004-2005. Il giocatore, pur di andare via, si fece diagnosticare una depressione per evitare di presentarsi agli allenamenti. Con lui, sulla sponda bianconera di Torino, andò anche Fabio Capello. Ecco le sue parole al quotidiano Leggo:

Emerson, lei è un doppio ex di Roma e Juve, per chi tiferà stasera?

“A Roma ho giocato tanto tempo ed è grazie alla società giallorossa che sono diventato un titolare del Brasile. Roma è una città spettacolare, passionale. Ma la Juve è la squadra alla quale sono più legato, è la mia seconda casa. Il mio cuore è più bianconero”

Eppure a Torino è rimasto solo due stagioni.

“È vero, ma solo per colpa di Calciopoli. Ci sono rimasto molto male anche perché ci hanno tolto due scudetti e con quella squadra potevamo vincerne altri tre. Non ci hanno regalato nulla, eravamo fortissimi. Mi sento campione d’Italia con la Juventus quanto lo sono stato con la Roma”

Si sente ancora con Moggi?

“È un po’ che non lo sento, per me è stato un grandissimo dirigente. Mi ha insegnato lo stile-Juve, la mentalità vincente”

E Capello?

“Ci capivamo al volo perché abbiamo lo stesso carattere: il calcio è un gioco, ma non ci stiamo a perdere, ci arrabbiamo. Con l’Inghilterra farà bene, come sempre”

Andò via male dalla Roma, con quella storia della depressione. Pentito?

LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Inter-Roma: Zaniolo sempre ago della bilancia

“Avevo bisogno di altri stimoli, tutto qui. Dopo quattro anni può capitare”.

Ha vestito anche le maglie di Real e Milan, una bella carriera no?

Ho giocato con i giocatori più forti del mondo. Tornando indietro però a Madrid non ci andrei. Al Milan invece sono stato bene e ho ancora tanti amici. L’unico rimpianto è non aver vinto un Mondiale col Brasile”

Il compagno più forte con il quale ha giocato?

“Ronaldo. Era impossibile marcarlo”

Cosa ne pensa di Conte?

“Ha la mentalità giusta per una squadra come la Juventus, è l’uomo giusto al posto giusto. Così come Nedved. Credo che pian piano i bianconeri stiano tornando quelli di un tempo”

E della Roma di Luis Enrique?

“Ha cambiato molto, ma è un progetto interessante che punta sui giovani. Luis Enrique mi piace, anche lui è stato un vincente da giocatore”

Lei ha giocato con Totti, Del Piero e Cassano. Chi è il più forte?

“Francesco e Alex sono due bandiere e due persone per bene che meritano tutto quello che hanno conquistato. Antonio è un amico, quando arrivò alla Roma si sentiva Brad Pitt poi si è calmato. Gli auguro un pronto rientro”

Chi sarà l’uomo partita di Roma-Juve?

“Pirlo. È un grande”.

Photo Credits | Getty Images


23 commenti su “Emerson si sente più bianconero che giallorosso. Per lui vincerà la Juventus”

  1. Caro emerson potevi essere tra i piu grandi centrocampisti al mondo,ma la tua carriera è stata breve,sei arrivato in italia ancora giovane,hai fatto molto meno di quello che potevi fare,una carriera a meta,come l’uomo a meta che sei del resto.

    Fra un po nn ti si ricorderanno piu,a differenza dei vari davids,vieira etc…loro avevano testa,te no ,sei sempre stato un debole mentalmente,piagnone e falso

    Rispondi
  2. Caro emerson, dopo la roma per te c’è stato solo il vuoto, così come per mancini e tanti altri gocatori che hanno tradito la roma…fanculo!!!!!!!

    Rispondi
  3. Io stasera mi aspetto di vedere viviani titolare. Fino ad ora non ha giocato perchè cmq sono stati disponibili gago, de rossi e pjanic… se, ora che de rossi probabilmente arretra a difensore e manca gago, viviani non gioca, io non ho piu parole per difendere l’operato di LE. E’ capitata (sfortunatamente da un lato) l’occasione per metterlo in campo. Se il rpogetto c’è ed esiste, è questa l’occasione per renderlo chiaro.

    Rispondi
  4. Emerson è proprio un uomo piccolo piccolo, senza dignità e senza riconoscimento di quanto Franco Sensi e tutto il pubblico giallorosso hanno fatto per lui.
    QND ERA INFORTUNATO UN INTERISTADIO L’HA APPLAUDITO IN TRIBUNA, SENSI LO TRATTò COME UN FIGLIO, e qual’è il suo ringraziamento? SCAPPARE DA ROMA INVENTANDOSI LA STORIA DELLA DEPRESSIONE!!!! che vergogna!!!!! UOMO DI M…A

    Rispondi
  5. eri un grande giocatore,cor tocco vellutato….
    ‘tacci tua puma depresso e spellacchiato,rubentino ner sangue,
    ‘tacci tua tu capello e sopratutto quer viscido merdone de Moggi…

    Rispondi
  6. ma ci volete rovinare la giornata con le dichiarazioni de st’ om e mer… stu fetent stu chiavucumme! emerson se che te dic veffengul cu tut le scerp le calzin i purtet arretr moggi che stet prup arruvenet tut e du!

    Rispondi

Lascia un commento