Quattro trasferte difficili e Roma-Juventus


Fino alla sosta di Natale la Roma dovrà affrontare un ciclo di partite terribile, quattro trasferte in cinque incontri di campionato: Udine, Firenze, Napoli e Bologna. L’unica partita che sarà giocata sul terreno amico dell’Olimpico sarà la difficilissima sfida tra Roma e Juventus il 12 dicembre.

Ma Luis Enrique non si vuole fermare: dopo due vittorie di fila sa che adesso è il momento di dimostrare quanto vale la sua Roma. Il problema resta la difesa che, dopo la perdita di Burdisso, difficilmente potrà contare su Juan sempre alle prese con problemi fisici. Restano Kjaer, Heinze e Cassetti a contendersi le maglie, con i primi due strafavoriti.

L’allenatore spagnolo domenica  ha dimostrato ancora una volta di puntare sui nuovi acquisti: solamente De Rossi, Taddei e Rosi erano già alla Roma la scorsa stagione. Inoltre nel punto nevralgico del campo ha scelto i tre titolari: De Rossi, Gago e Pjanic. Probabilmente saranno loro i tre uomini che giocheranno sempre in mediana.

In attacco il ritorno di Totti apre a molte scelte visto che Lamela, nel ruolo di trequartista, sta avendo un ottimo impatto si potrebbe spostare il capitano più avanzato magari in appoggio di Osvaldo, anche lui altro punto fermo dell’allenatore. Le situazioni da risolvere restano sui terzini: Taddei, nonostante abbia giocato una ottima partita, non potrà fare il titolare fino alla fine della stagione per evidenti limiti tecnici. Si spera in Josè Angel. Così come Rosi che, nonostante si impegni veramente tanto, non sembra il calciatore che serve a questo modulo dei giallorossi. Ma su questo punto la società a gennaio interverrà.


LEGGI ANCHE  Mourinho pensa ancora a Lindelof per il mercato di gennaio

46 commenti su “Quattro trasferte difficili e Roma-Juventus”

  1. La cosa che mi fa davvero piacere è che finalmente ci sia un centrocampo base, un terzetto titolare. Io sono per Gago davanti la difesa e De Rossi intermedio. Pjanic ha i colpi giusti.

    Rispondi
  2. Io non capirò mai i giornalisti.
    Angel era l’unico calciatore che la campagna acquisti di Sabatini sembrava avesse azzeccato.
    Oggi è diventato un brocco.
    Così va il mondo.

    Rispondi
  3. Oddio speriamo bene. COnsiderando che la roma ha incontrato le pippe (perchè siena, genoa, cagliri ecc le considero pippe), ad eccezione del milan, e ha fatto 17 punti…… spero ora sia nella fase piu “avanzato” dell’apprendimento die metodi di LE e del gioco. Altrimenti la vedo nera.

    Rispondi
      • Il rpoblema è che, fino ad ora, risultati e bel gioco sono andati di pari passo. Solo a sprazzi.
        Ok non schiavi del risultato, ma se permetti la serie B mi farebbe rosicare, cosi come non entrare in europa league (almeno).

        Tanto se verrà il bel gioco continuo arriveranno pure i risultati (calcolando la qualità dei giocatori).

      • Ah ovviamente sono fiducioso al massimo. Credo che in bojan, lamela e pjanic risiede il futuro roseo della roma 😉

  4. Buon pomeriggio ragazzi..sono tornato a Roma..ho visto la partita in un locale italo-…….., tanta gente non italiana tifa Roma ragazzi miei e si sono esaltati alle giocate del mio Erik (gli ho provato a spiegare che è mio figlio 😆 )..comunque con un punto con Genoa e Cagliari (che erano alla nostra portata) stavamo vicino alla vetta senza aver fatto niente d’eccezionale,quindi mi aspetto una buonissima stagione 😉

    Rispondi
  5. Chi è che pensa che Josè Angel sia stato bocciato? 🙄

    Ha giocato sempre fin’ora. Ha riposato a Novara e ieri, va bene così. E’ anche un modo per motivarlo di più, dato che non ha il posto assicurato!

    Rispondi
    • insomma.. riposare a novara ok, ma dopo 2 settimane ancora riposo? considerando che non ha avuto infortuni è una bocciatura palese.
      Probabilmente LE ha visto taddei allenarsi meglio o essere piu “concentrato”. Ma per un giocatore che non gioca da 3 settimane e viene fatto “riposare” è impossibile.

      Rispondi
      • secondo me vuole far giocare tutti ed ha preferito far giocare Taddei nelle partite più semplici. comunque io proverei Taddei a destra ed il Cote a sinistra contro l’Udinese…

  6. hai ragione, in queste partite capiremo il vero valore della squadra. Il tiqui taqua sembra essere piu’ fluido e simile a quello del Barca. Continuo a non apprezzare Bojan e Osvaldo, ma il centrocampo della Roma e’ strepitoso e di alto tasso tecnico. Se Totti recupera in fretta (ma ho paura che non sara’ cosi’) possiamo asfaltarli.

    Rispondi
  7. Il segreto è pensare partita dopo partita comunque… adesso concentrazione massimo sull’Udinese, poi sulla Fiorentina, ecc.
    Se iniziamo a ragionare di vincere questa, perdere quell’altra, pareggiare la prossima, recuperare qualche punto contro il Bologna e così via avremo pessime sorprese.

    Rispondi
  8. beh è un momento importante…da queste cinque partite capiremo dove è destinata ad arrivare la nostra Roma…secondo me le partite più complicate sono quella con la fiorentina fuori casa (fattore d. rossi) e quella con la juventus che è una squadra che da anni mal digeriamo e che ora sta giocando bene…le altre partite sono toste, ma se ne limitiamo i contropiede potremmo riuscire a spuntarla…purché ovviamente non si ripeta il festival dei gol magnati di domenica sera…avanti Roma sempre! 😆

    Rispondi
  9. si possono vincere tutte tranne con la juve che secondo me quest’anno è uno schiacciasassi e l’unico suo punto debole è la difesa dove ballano un po a volte…per il resto delle altre mi spaventa andare a firenze dato che hanno preso un grande allenatore

    Rispondi
    • Non scherziamo, corrono a mille e questo nasconde certamente i loro difetti, ma se hai guardato qualche partita ti sarai accorto che mettendo su Pirlo una marcatura ad uomo il loro gioco si paralizza, come accaduto a Catania per esempio! Aspettiamo prima di fasciarci la testa 😉 !

      Rispondi
      • fosse così facile e semplice lo avrebbero fatto anche altre squadre oltre al catania e invece hanno beccato quasi tutti dalla juve quest’anno…io veramente l’unico difetto che vedo nella juve è qualche giocatore in difesa che non è da grande squadra tipo chiellini e bonucci

      • Saranno impressioni, ma a me non sembrano tutta sta schiacciasassi imbattibile, in ogni caso si vedrà! E comunque si, la loro difesa è ridicola, a dir poco, ma a quanto pare manco da noi si scherza purtroppo 😐 !

    • al momento quello della rubentus è superiore.. anche solo per pirlo e poi marchisio che oltretutto segna più di matri….
      ma crescremo 😈

      Rispondi
  10. che Buddha ce la mandi buona… la difesa mi spaventa da morire. comunque da una parte c’è da dire che a Kjaer farà bene giocare… non è stando in panca che migliorerà. io proverei a giocare con Taddei-Kjaer-Heinze-Cote…

    Rispondi
  11. Il ritorno di Totti non vuol dire che adesso lui gioca titolare. no!

    Secondo me Lamela-Osvaldo e Bojan devono assolutamente essere confermati titolari!

    Totti assolutamente no!

    Prima di tutto perchè i 3 la sopra se lo meritano e poi perchè essendo appena tornato da un infortunio non è in forma e a livelli di ritmi è molto lontano per giocare titolare.

    Con il Lecce ad esempio si è visto un Totti lentissimo e macchinoso (per i motivi sopra elencati) e sinceramente vederlo al posto di uno dei 3 li davanti sarebbe qualcosa di assurdo.

    Rispondi
      • Si inizialmente per recupare la forma e il ritmo partita. Poi giocherà,come sempre, chi merita! 😉

    • Non facciamo sempre quelli dalla memoria corta.

      Totti fino all’infortunio è stato quasi sempre tra i migliori in campo. Si passa sempre da un estremo all’altro: o sempre in campo o venti minuti per ragioni di carità.

      E’ vero che ieri era piuttosto macchinoso ma è normale dopo un infortunio. Si rimetterà in forma con calma e poi si vedrà.

      Bojan ha fatto il fenomeno solo quando è entrato dalla panchina, la partita col Lecce ne è stata un’ulteriore conferma.

      Se Lamela sta giocando strepitosamente (ma a 19 anni prima o poi avrà un calo, se no significa che abbiamo di fronte Messi) e Osvaldo la insacca con regolarità, Bojan può partire benissimo dalla panchina (anzi, poi gioca pure meglio).

      Insomma, ‘sti ragionamenti preventivi non mi vanno proprio a genio. Totti se merita giocherà, come gli altri. Se avesse sbagliato i gol che l’altro giorno s’è cacato Bojan, sarebbe già crocifisso in sala mensa. A Bojan (giustamente) li si perdona; Totti, a seconda della corrente di pensiero, dopo un ottimo inizio di campionato, potrebbe pure andare in tribuna perchè a priori va di moda la squadra di ragazzini.

      Rispondi
      • Dici bene, “SE merita giocherà”!

        Ma da come c è scritto nell articolo sembra quasi che con il suo ritorno gli va trovato subito il posto tra i titolari ( nell articolo, ai danni di Bojan) .

        Invece no! Deve recupare la forma perduta e poi meritarsi il posto, come tutti!!

      • Forse mi sono espresso male io ma intendevo questo prima 😉

        I 3 la davanti meritano ora poi vedremo partita dopo partita come si mettono le cose!

  12. buongiorno a tutti….voglio fare un’altro appello a matteo vitale o a chiunque della redazione….se avete tempo(grazie in anticipo)potreste fare un’articolo sulla vergognosa multa fatta dal viminale alla curva sud?…ve ne sarei molto grato..

    Rispondi
  13. se superiamo questo terribile ciclo di aprtite senza sconfitte magari vincendo ad udine, a firenze pareggiando a napoli vincendo con la juve e vincendo a bologna, ragazzi possiamo dire che siamo sulla giusta strada

    Rispondi

Lascia un commento