Mercato Roma: Montoya e Fernandes si, Tremoulinas no?


Il calciomercato della Roma e’ in continuo fermento, resta caldissima la pista che porta a Martin Montoya terzino destro del Barcellona, grande pupillo di Luis Enrique, che l’anno scorso lo ha utilizzato tantissimo nel Barca B. Le caratteristiche principali del giovane nazionale Under21 spagnolo sono la facilita’ di corsa e le ottime qualita’ tecniche, marchi di fabbrica dei catalani.

Sabbatini inoltre segue da vicino anche il brasiliano Mario Fernandes 21enne centrale difensivo del Gremio, molto abile nel gioco aereo e bravo nella fase di impostazione della manovra,in poche parole il tipico giocatore che piace a Luis Enrique.

Intanto il procuratore di Benoit Tremoulinas, Monsieur Canou smentisce a calciomercato.com qualsiasi tipo di contatto tra Bordeaux e Roma riguardo al suo assistito ed ha inoltre aggiunto che non si muovera’ dal club francese durante la sessione invernale di calciomercato.

Photo credits | Getty Images


42 commenti su “Mercato Roma: Montoya e Fernandes si, Tremoulinas no?”

  1. Sui giovani della Roma ho un dubbio.
    LE li ha provati certamente tutti.
    Pochissimi li ha utilizzati in gare ufficiali soprattuto nel precampionati, altri nenache li ha presi in considerazione.
    Non è un problema di età.
    Probabilmente non ne ritiene all’altezza nenanche uno.
    Forse ha torto ma questa è la sua opinione.
    Fatte queste premesse, si rende necessario un calciomercato molto consistente.
    Necessitano un centrocampista e 2 difensori di ruolo minimo.

    Rispondi
    • Ma che dici? Ha fatto giocare in Europa league Viviani e Verre (un altro tecnico italiano, anche in una situazione di emergenza, non lo avrebbe fatto neanche sotto tortura e avrebbe rispolverato qualche residuato che abbiamo in tribuna).

      E’ ovviamente un problema di età. Neanche i fenomeni del Barcellona entrano subito in pianta stabile in prima squadra ma devono fare molta gavetta in serie B. Il Barcellona voleva prendere Jose Angel e mettere pure lui in squadra B, ho detto tutto. Senza due minuti di calcio vero alle spalle dove vanno? Quando torneranno dai prestiti avranno il loro spazio.

      Attualmente abbiamo una rosa monstre con signori giocatori come Borriello ad ammuffire in panchina e i titolari dello scorso anno (Pizarro, Perrotta, Simplicio, Juan e compagnia bella) a girare tra panchina e tribuna. Anche volendo ‘sti giovani dove li metti (adesso)? La quadratura del cerchio, con le varie cessioni che servono, deve ancora essere ultimata.

      Rispondi
    • Si passa da un estremo all’altro.

      C’è il fenomeno che vuole vendere mezza squadra e riempirla di primavera che non hanno mai visto un campo di serie A o B.

      E poi c’è chi teme che i ragazzi usciti dalla primavera scudettata che riempiono le nazionali giovanili siano tutti brocchi.

      La giusta via è sempre quella intermedia. I giovani si formeranno, qualcuno scomparirà perchè inadatto, qualcuno si consacrerà. Ma ci vuole tempo, almeno un paio di anni.

      Rispondi
      • Forse mi sono spiegato male.
        Penso sia LE che non li giudichi all’altezza.
        Lamela ha 19 anni, Pjanic e Bojan hanno 21 anni, nessuno si sognerebbe di dire che devono maturare.
        Kjaere e Jose Angel hanno 22 anni.
        Penso che dei giovani della Roma è molto se ne uscirà uno a questi livelli, così come è sempre stato.
        Uno come Nela o Desideri o Di Bartolomei, Totti o De Rossi, ne esce uno ogni dieci anni.

      • Ma Pjanic, Lamela e Bojan sono campioni praticamente affermati, comprati a suon di milioni proprio perchè rappresentano il meglio che è uscito dai rispettivi Paesi negli ultimi anni. E per esser considerati tali hanno già abbondantemente calcato i campi del calcio professionistico.

        Tra Bojan, Pjanic, Lamela e i nostri primavera c’è una differenza di 1/2 anni, proprio il tempo necessario a capire se siano giocatori validi o meno.

        I Totti o i De Rossi escono anche ogni 20 anni, il parametro da utilizzare non può essere quello. E per avere qualcosa che ci si avvicini o deve capitarti una bella botta di c*** o devi, come si è fatto con Lamela, sborsare una valanga di milioni.

        Hai ragione (cosa che ripeto sempre) nel dire che probabilmente tanti giovani che ora incensiamo tra qualche anno scompariranno dal calcio giocato. E’ tanto se un paio di loro saranno all’altezza della Roma. Magari non come novelli Totti o De Rossi ma basterebbe, come livello, un nuovo Pizarro e un nuovo Borriello. Chi sogna dirà:”Ma che ce famo, i nostri campioncini sono di livello superiore”; ma dovrebbe anche dirmi da quale primavera (Roma compresa) sono usciti giocatori all’altezza di un Pizarro o di un Borriello negli ultimi anni. Nessuno. Infatti sarà comunque difficilissimo.

        Pensiamo ai giudizi su Cerci, Corvia, Okaka e compagnia bella quando erano in primavera. Choutos in primavera sembrava Ronaldo. Ho detto tutto.

        Però, con un’annata così florida, hai più possibilità che quel paio di giocatori veri alla fine esca

      • E proprio qui il punto.
        Questi giovani di cui si parla, è garsso che cola se un paio diventeranno come Pizarro e Taddei, ma questi potevano andare bene per la Rometta di ieri.
        Oggi non bastano più.
        La Roma entro 2 o 3 anni, e con lo stadio nuovo, i nuovi investimenti, e la nuova struttura societaria multinazionale, sarà fra le prime 5 d’europa.

      • Già il fatto che la Roma, oggi, si prende il lusso di tenere in panchina uno come Borriello a tempo indeterminato, ti fa capire che le cose sono cambiate.
        Ma già oggi.

      • Questo ancora non lo sappiamo. E comunque non mi farebbe proprio schifo avere così, gratis, qualche Pizarro in rosa, eh. Parliamo di giocatori da una quindicina di milioni di euro, mica noccioline. Giocatori che possono fare benissimo i titolari in una big. Magari non le punte di diamante ma ci possono stare. Pizarro fino a qualche anno fa non era propriamente un signor nessuno.

        Pensiamo a giocatori anche inferiori (Pepe, D’Agostino, Amelia) che la vecchia dirigenza ha regalato e poi sono stati venduti da altri a cifre altissime. Se qualcuno non lo ricorda pure Chiellini era per metà nostro, poi Rosella lo ha perso alle buste per qualche spiccio. Come si dice qui: “So’ sòrdi”.

        La primavera serve anche a questo.

        Se poi aspetti il nuovo Totti, ti toccherà aspettare parecchio perchè quello capita una volta ogni vent’anni anche al Barcellona.

      • Non lo volgio un nuovo Totti.
        Apprezzo il suo immenso talento.
        Ma non possono non vedere come lui è la Roma si siano vicendevolmente fatti del male.
        Totti non ha mai raggiunto una serietà che gli avrebbe permesso di essere un grande campione per colpa di una squadra a ridosso delle grandi, ma la stessa squadra non ha raggiunto gli obiettivi che nel suo piccolo meritava anche per colpa di una rosa e di un capitano che non è mai maturato psicologicamente.
        Il fatto che la roma non avrebbe mai patuto cederlo, ha ingenerato in Totti la convinzone che non fosse necesario migliorarsi e diventare una persona seria, ora è troppo tardi, mentre le grandi non fanno una piega nel vendere un Crisitano Ronaldo Kaka Hibraimovic e via discorrendo.
        Nello steso tempo Totti ha una scusante nell’aver giocato in una squadra dove c’era un Cassetti o un Taddei o un Pizarro, con tutto il rispetto per questi che hanno dato il cuore alla Roma.
        Così è stato.
        Ma le cose cambiano.
        Quel tempo è finito.

      • Quanto a Pepe Amelia e D’Agostino, ne aprezzo solo il fatto che sono stati della Roma.
        Per il resto non li rimpiango affatto.
        Non li scambierei tutti e tre con un Pjanic o un Bojan.

      • Totti l’ho troppo amato, per volerne un’altro che mi faccia sofrire come mi ha fatto soffrire lui e la Roma che ho amato fino ad oggi.

      • Il discorso sulla poca serietà di Totti che ha fatto male alla Roma non sta nè in cielo e nè in terra ma, rispettando comunque l’opinione diversa (anche se incomprensibile), necessiterebbe di un altro spazio e di tante righe.

        Comunque alla fine non si è capito che primavera ti aspetti, desideri o a cosa aspireresti.

        Una primavera con Iniesta, Fabregas, Xavi e Messi esce una volta ogni secolo, fattene una ragione.

        Una primavera con novelli Pizarro, Perrotta, Taddei e compagnia bella (che schifi tanto) idem (o quasi). Dove si è mai visto un vivaio da cui escono nel giro di pochi anni tanti Nazionali o comunque giocatori di categoria tuti assieme?

        Il massimo che accade nei vivai è che esca un giocatore buono per la rosa ogni tot anni. Ma non per la Roma, per tutti.

      • Penso e spero in una primavera che abbia la funzione di formare giovani e favorire lo sport.
        La prima squadra è altra cosa.
        Ci va chi lo merita perchè è un grande campione, non perchè è nato a Roma, come accade per il Milan, per il Barcellona, per il Bajern ecc.
        La storia che puntando sui giovani si rispiarmano milioni, non è più plausibile, se mai lo è stato, e comunque non si adatta al raggiungimento dei risultati.
        Poi se capita il campione è chiaro che va aiutato, ma il processo non deve essere forzato.
        La squadra che più ha vinto in Italia e in Europa, cioè la Juve non ha e non ha mai avuto primavera.

  2. Tutta questa gente per me è carta stracciata..manco per due mila lire li comprerei tutti sti nomi.
    Prenderei solo Santon:
    – perché è un 91
    – perché costa poco
    – perché è italiano,
    – perché ha un ingaggio basso
    – e perchè credo sia uno dei pochissimi se non l’unico che sa fare sia il terzino destro che sinistro alla stessa maniera..

    Difensori di fascia per il prossimo anno:
    Rosi, Angel, Santon, Nego

    85 anni in 4

    Rispondi
    • Siamo la roma e quindi comprare tanto per comprare non serve a nulla…servono giocatori da squadra di vertice o giocatori giovani che nel giro di qualche anno possano diventarlo…secondo me è meglio spendere 4/5 mln in piu per un giocatore che risparmiare quei 4/5 mln per prendere un giocatore mediocre che tra un anno dovremo vendere e sostituire…detto questo rosi sta giocando bene, ma ancora non lo vedo affidabilissimo e per me non puo essere il titolare…angel anche è forte ma anche li un titolare con piu esperienza non mi dispiacerebbe,quindi:
      -ISLA TITOLARE A DESTRA(IN ALTERNATIVA ZABALETA),MAXWELL O ANDRES SANTOS TITOLARE A SINISTRA,SANTON SI GIOCA IL POSTO SIA A DESTRA CHE A SINISTRA CON ANGEL E ROSI
      -A CENTROCAMPO IO SONO PAZZO DI BANEGA…TECNICAMENTE UN MOSTRO,FA COSE ASSURDE COI PIEDI, E PER TOGLIERGLI LA PALLA BISOGNA SOLO FARGLI FALLO…INOLTRE è ARGENTINO E COME TUTTI GLI ARGENTINI NON MOLLA MAI,HA UNA GRANDE CATTIVERIA AGONISTICA E SA CALCIARE MOLTO BENE IN PORTA

      Rispondi
  3. Io mi sono letteralmente innamorato di Marco Reus del Borussia M’gladbach. Spero che il colpo a centrocampo della prossima estate sia lui, possibilmente prima che inizi l’europeo. Non c’entra niente, ma visto che di nomi se ne sparano tanti, do il mio contributo. 😆

    Rispondi
  4. oh ragazzi calma su rosi,ha fatto buone prestazioni,ma i piedi sono quelli che sono,per cui urge un terzino,pero confermando i miglioramenti di rosi,a pensarci bene un ansaldi che puo fare sia la fascia destra che sinistra(dove cmq ci sono angel e crescenzi),potrebbe essere utile.
    In qesto modo si avrebbe piu badget per il top giocatore del centrocampo(guarin o casemiro).
    Altrimenti si prende isla,e si risparmia sul centrocampo.
    Il badget nn è infinito bisogna scegliere,IO OPTO per la scelta del TERZINO TOP aLla ISLA perche di centrocampisti forti ce ne sono in giro,poi abbiamo viviani,e se ne trovano cmq,poi per casemiro ti spellano,per guarin pure penso,e se si comprano, uno fra pjanic e gago fara pancA sicuro,per cui uno spreco.
    Quindi cui serve Isla o van der wiel o walker,e risparmiamo sul centrocampo,dove gia cè molta qualita,nn serve un top player,perche gia cè,si chiama danielino campione del mondo e nn solo.

    Rispondi
    • Ma quale spreco scusa?il prossimo anno avremo da fare pure le coppe,mica possiamo avere solo 3 centrocampisti buoni e tutti gli altri degli scarpari…secondo me servono quest’anno 2 terzini forti e 1 centrocampista coi controcogl..i se vogliamo provare a vincere il prossimo anno

      Rispondi
  5. apprezzo molto i vostri commenti e li condivido abbastanza. io credo cmq ke per il mercato di gennaio le priorità siano 3 :
    1) cedere almeno 5-6 giocatori che per caratteristiche o per pontenziale tecnico non sono funzionali al progetto (taddei, simplicio, barusso, cassetti, cicinho, e aihmè a malincuore, ma anche borriello , ke con questo tipo di squadra c’entra veramente poco e nn a caso in prospettiva abbiamo preso l’ottimo Nicolas Lopez)
    2) integrare 2-3 giovani della primavera in prima squadra: viviani e caprari su tutti,ma occhio anche ai promettenti nego e tallo.
    3) portare a termine 2-3 acquisti: possibilmente un terzino ( a me piacciono molto sia Azpilicueta ke Montoya e soprattutto per il primo ,dato ke l’ho visto giocare, devo dire che mi ha sorpreso sia per la spinta offensiva che per il senso di posizione difensivo…dote rara oggi cm oggi per un terzino.)un centrale ( in tal caso Bruno uvini è fantastico, ma anche Mario fernandes ha la potenzialità del campione e cmq non vorrei neanche trascurare il promettentissimo Leonel Galeano )e se è ritenuto necessario un buon centrocampista… a meno che non si tenti il colpaccio Isla (anche se è molto dura trattare cn Pozzo), in questo caso basterebbero solo 2 giocatori dato ke Isla può ricoprire entrambi i ruoli.
    So ene che le mie aspettative sono alte e che questo programma di mercato invernale ke ho citato è difficile da realizzare….ma non a caso abbiamo il miglior staff dirigenziale del panorama europeo…no?

    Rispondi
  6. di tutti questi nomi… mi convincono solo Montoya e Santon e se prendiamo anche Casemiro…siamo stratosferici… poi si passa alla pulizia: Cicinho, Juan Taddei Lobont Perrotta Pizarro Cassetti e anche Borriello (questo tipo di gioco non fa per lui…solo x questo)
    Quindi la seconda squadra: Curci Montoya Kjaer Heinze Santon; Simplicio Viviani Greco Totti Borriello Lopez

    Rispondi
  7. Ma Isla serve davvero? Sia chiaro, Isla è il mio sogno, ma è davvero giusto tappare le ali a Rosi, ora che è titolare e sta migliorando partita dopo partita? Secondo me il terzino destro ce l’abbiamo in casa, dobbiamo solo comprare la sua riserva, e tra i nomi fatti mi piacerebbero Schwaab e Montoya. Ansaldi costa troppo per fare la riserva.

    Rispondi
      • Chiedo scusa! 😆 Con tutto che rileggo sempre, prima di pubblicare, ogni tanto qualcosa mi sfugge. 😆

        Vabbè, ora che Luis Enrique ha finalmente STAPPATO Rosi, noi non lo riattappiamo, tanto Capodanno quando arriva, arriva. 😆

    • Hai ragione, secondo me Isla serve se viene come affare, ma niente follie. non stiamo parlando di un fenomeno paranormale. E poi ho grande fiducia in Rosi…sembra il ruolo fatto per lui che nasce centrocampista

      Rispondi
      • Prenderei Santon perché è un 91, che costa poco, italiano, che ha un ingaggio basso, e perchè credo sia uno dei pochissimi se non l’unico che sa fare sia il terzino destro che sinistro alla stessa maniera..
        Difensori di fascia per il prossimo anno:
        Rosi, Angel, Santon, Nego

        85 anni in 4

    • Rega’, Rosi sta giocando bene ma sempre in modo relativo, cioè pensando a quello che era prima. Due mesi fa non lo potevate vedere, era il più scarso della rosa, mo’ è Maicon. La verità sta nel mezzo: ottimo per la rosa ma molta corsa e impegno non cancellano comunque i piedi quadrati che si ritrova. Se facciamo ventimila azioni e ne capitalizziamo una o due a partita (complice anche il leggero appannamento di Angel sull’altra fascia dopo un buon inizio) ci sarà un perchè. Serve un big su quella fascia.

      Rispondi

Lascia un commento