Inter, Mourinho: “Siamo primi e nessuno ci può prendere”

Palermo, 15 nov. – «Siamo davanti e quello che la Juve ha fatto oggi, aspettare, lo possiamo fare noi domani. Saremo sempre primi in classifica domani sera». Quanto è rilassato Mourinho dopo la vittoria a Palermo. Sorridente il tecnico dell’Inter, in attesa della settimana delle nazionali, ma con la testa alla sfida di sabato prossimo con la Juve. «Nel primo tempo non abbiamo giocato come volevamo ma è giusto dire che il Palermo ha fatto una bella partita giocando con spirito fantastico. Hanno avuto due palle gol. Hanno pressato. Ci siamo solo difesi. Nel secondo non abbiamo aspettato la partita, l’abbiamo detto nell’intervallo: vogliamo noi l’iniziativa. Abbiamo giocato davvero bene e poi abbiamo controllato. Sono tre punti importanti per noi. Siamo davanti». E con un Ibrahimovic fantistico… «Ibra per essere completo deve segnare gol brutti. Non li fa mai. Fa solo gol incredibili». Muntari trequartista non ha convinto: «Abbiamo giocato così per il Palermo, sapevamo che Liverani è importante e io sapevo che Muntari non era nella sua posizione, ma ha fatto il suo gioco difensivo. Ci siamo adattati all’avversario. Abbiamo fatto una partita solida». Ora la Juve: «Non sono felice per l’ammonizione di Cordoba, che salterà la partita. Ma questa partita non era meno importante di quella della prossima settimana. Se non gioca la prossima fa niente. Non potevo lasciarlo fuori. Materazzi non andrà in nazionale e potrà lavorare tutta la settimana con noi. Burdisso partirà, e vedremo chi giocherà. Samuel sta giocando bene e giocherà anche contro la Juve. Ma devo aspettare le nazionali. Per me il mercoledì di nazionali è una serata di pressione, faccio zapping in tv e aspetto gli sms dei giocatori per sapere se stanno tutti bene. Vado a dormire tardissimo». Mourinho si rilassa: «Domani è una giornata per mia moglie e i miei figli, non dobbiamo stare a guardare i risultati di Milan o Napoli. Poi da lunedì penseremo alla Juventus. Magari Ranieri ha qualche sorpresa in serbo per noi».

Condividi l'articolo:

Lascia un commento