Genoa, Gasperini: “Arbitri? Adesso c’è meno sudditanza”

«Finora ho cambiato tante formazioni, perchè in estate è arrivata tanta gente nuova e avevo la necessità di vederla all’opera. E poi, quando si gioca spesso bisogna ricorrere al turn-over. È giusto impiegare tutti gli effettivi, aiuta a tenere alta la concentrazione». Cosi l’allenatore del Genoa, Giampiero Gasperini, ha commentato a Radio Anch’io Lo sport, su Radiorai, il momento magico della squadra, che ieri ha fermato anche la marcia dell’Udinese. «Se abbiamo divertito? A noi interessa giocare bene e ottenere buoni risultati e se questi ultimi arrivano attraverso il gioco, tanto meglio – ha aggiunto – È anche cambiata la nostra mentalità, riusciamo ad alternare il rendimento in casa e in trasferta, in questo campionato abbiamo più continuità in trasferta». Sugli arbitri, Gasperini è stato chiaro: «A volte sbagliano, dobbiamo imparare ad accettare gli errori, anche se a volte sono clamorosi come quello che ieri ha penalizzato il Torino contro la Sampdoria». «Un pochino di sudditanza psicologica c’è – ha concluso il tecnico genoano – ma ce n’è molto meno rispetto al passato. Si sono fatti tanti passi avanti in questa direzione. Sulla buona fede degli arbitri, infatti, adesso non si discute più».

Condividi l'articolo:

1 commento su “Genoa, Gasperini: “Arbitri? Adesso c’è meno sudditanza””

  1. sì, come no…sembra che quello che lo scorso hanno fecero con l’Inter lo stiano facendo con il Milan quest’anno….IL CALCIO ITALIANO MI FA’ SEMPRE PIù SCHIFO!!!….Mercoledì Inzaghi ha simulato e ieri il braccio di Pazienza era attaccato al corpo

    Rispondi

Lascia un commento