Ranieri: “Avversaria come tutte le altre per me”

C’era un tempo in cui la Roma era qualcosa di più di una semplice squadra per Claudio Ranieri. Nato a Testaccio, cuore pulsante della Roma giallorossa, e giocatore della Roma negli anni Settanta. Trent’anni e più dopo, però, è rimasto ben poco di quel passato nell’attuale allenatore della Juventus, che alla vigilia della sfida con i giallorossi risponde così alla domanda ‘La Roma è una cosa speciale per te?’: «Ormai sono 34 anni che sono andato via. L’ho affrontata da giocatore e da allenatore…la Roma è sempre la Roma: non credo affatto che sia in crisi, anche di noi dicevano la stessa cosa». Claudio Ranieri inquadra così la sfida di domani che potrebbe fare riagganciare le posizioni di testa ai bianconeri, ma che il tecnico non considera affatto decisiva. Migliora, anche se di poco, la situazione dell’infermeria. Il rebus riguarda ancora il centrocampo, dove gli uomini sono davvero contati e c’è un solo ballottaggio, Tiago o Marchionni, con Camoranesi pronto a rientrare dal primo minuto.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento