Tifosi violenti: in vetta ci sono romanisti e napoletani


I fatti violenti di domenica scorsa accaduti nella capitale ad opera dei tifosi del Napoli, giunti a Roma per la partita, hanno riportato attuale più che mai il problema della violenza negli stadi e della sicurezza in occasione delle partite di calcio.

Secondo l’Osservatorio del Viminale, in cima alla classifica dei tifosi più violenti ci sarebbero romanisti e napoletani. Sotto stretta osservazione ci sono i sostenitori del Pisa. Juventini e interisti vengono temuti soprattutto per quanto riguarda i trasferimenti in autostrada. Ultrà definiti ‘dormienti’ e, dunque, potenzialmente pericolosi sono i catanesi e livornesi.

Secondo quanto stabilito dalle indagini, pare che tra i tifosi che domenica hanno provocato disordini e scelleratezze alla stazione Termini, all’Olimpico e nella capitale, ci fossero anche circa 200 esponenti della camorra e della criminalità organizzata. Secondo indiscrezioni è quasi certo che venga deciso il divieto delle trasferte per i tifosi del Napoli. Più difficile la chiusura del San Paolo.

 E’ prevedibile che in molti casi ad essere chiuso sarà il settore ospiti, vale a dire che saranno impedite le trasferte organizzate. L’incontro certamente più temuto è Catania-Roma previsto per il 21 dicembre. Ma timori forti ci sono anche Fiorentina-Bologna che si giocherà il 21 settembre. Troppo forte è la rivalità tra le due tifoserie. Dichiarati a rischio anche tre incontri di serie B e due di serie C. (fonte: Businessonline)


22 commenti su “Tifosi violenti: in vetta ci sono romanisti e napoletani”

  1. GIULIO io odio il calcio moderno cioè la Pay-TV,il bussiness che cè intorno al calcio,prima non era così,prima non si cambiavano le magliette ogni anno soltanto per venderle,prima le partite di calcio non si vedevano alla tv infatti prima gli stadi erano quasi sempre pieni,la gente preferisce stare comoda a casa che andare a prendere sempre il traffico,il caldo o il freddo…invece noi andiamo OGNI domenica a sostenere la squadra con i nostri cori che caricano i giocatori,infatti quando segnano vanno tutti a esultare sotto la curva,te lo sei mai chiesto il perchè?

    Rispondi
  2. voi portereste mai i vostri figli allo stadio in una partita a rischio? la risposta è no, ed è la risposta che si danno quasi tutte le famiglie che vorrebbero andare allo stadio…la partita dovrebbe essere un momento di svago, un momento di festa…non un momento di guerriglia

    Rispondi
  3. scusate ma quelli del CATANIA ? So tutti angioletti ???
    Quelli dell’ATALANTA, VERONA, BRESCIA ??? tutti chirichetti ???

    MA che ca..o osserva sto fantomatico Oseervatorio ?

    Rispondi
  4. ermes-ur non credo che siano cose da vantarsi, grzie a quelli che spaccano il calcio in italia è tenuto in vita solo dalle tv, gli stadi sono penosamente vuoti, guardate la bundesliga, squadre più o meno scarse e stadi stracolmi per partite tipo Colonia-Norimberga o simili

    Rispondi
  5. Negli anni 70,80 e 90 facevamo moooolto di peggio,infatti eravamo i più temuti e i più cattivi,adesso la curva sud si è un pò troppo ammorbidita,non vi meravigliate che hanno messo i tifosi romanisti in cima alla classifica,anche perchè in quasi tutte le trasferte facciamo casino,ma ripeto che negli anni 70,80 e 90 (soprattutto 70 e 90) creavamo un casino assurdo con i scontri e ogni cosa che incontravamo la sfasciavamo…

    Rispondi
  6. Il problema è + profondo riguarda la società in cui viviamo basta guardare i telegiornali o aprire un giornale, questi deliquenti se non fanno casino allo stadio probabilmente andrebbero a farlo in discoteca , le leggi ci sono basterebbe applicarle , er riguardo alle pene non occorrono i lavori forzati bisogno fargli rimborsare i danni che fanno , se via a lavorare e tutti i soldi ti vanno nel rimborso ti passa la voglia

    Rispondi
  7. io non credo a quanto detto dall’ osservatorio che mette la tifoseria tra le piu’ pericolse prima addirittura di ceri napoletani che oggni domenica fanno casino e non mi sembrano che le tifoserie di Catania sia dormiente visto che io mi ricordo quello che è successo in occasione di Catania – Roma e Pama Inter dove i tifosi ibnteristi non dovevano neanche stare a parma? dentro il nostro tifo ci siano i delinquenti ma non è giusto fare tutta un’erba un fascio e la responsabillita’ oggettiva vale solo per noi cioe’ se un idiota tira una monetina o 10 idioti mettono uno striscione offensivo dobbiamo gioccare in campo neutro? Catapano e Ceccvini hanno stufato veramente di attaccare la Roma società e squadra !!

    Rispondi
  8. Scusate ma il problema è un’altro. Non vorrete credere che le forze dell’ordine non sappiano chi sono e cosa progettano questi gruppi di violenti…prima del derby Genoa-Samp dello scorso campionato, quando le tifoserie opposte si sono affrontate prima della partita e non proprio vicino allo stadio, provocando una quantità di danni, oltre ai feriti, la cosa era stata progettata da tempo e le forze dell’ordine lo sapevano dal momento che tengono sotto controllo i centri di riunione degli ultras genovesi. Perchè non li hanno fermati? è questa la domanda da farsi. é vero che non serve a niente vietare le trasferte ormai sono anni che lo fanno ma non mi pare ci siano risultati, a parte che poi i tifosi allo stadio ci vanno lo stesso solo che si mescolano a quelli di casa con forse maggiori problemi. Questa gente deve essere arrestata per i reati che commette senza stare a chiamare in causa motivazioni calcistiche tutto qui. Ma noi non siamo l’Inghilterra e probabilmente la situazione non cambierà mai.

    Rispondi
  9. ragazzi, se penalizziamo le società le rendiamo schiave di questi loschi figuri.
    uno potrebbe dire alla dirigenza, o mi dai biglietti gratis e un bel po’ di soldini o io ti faccio perdere dei punti in campionato e ti faccio retrocedere facendo continuamente casini allo stadio.non c’entrano le squadre, chi è stato (e lo si sa) a fare i tafferugli viene portato in una cella sotto lo stadio e poi………………quando esce vedrete che se ne sta buono buono

    Rispondi
  10. sono contrario al concetto di responsabilità oggettiva di una squadra riguardo i comportamenti violenti di sedicenti tifosi. Dato che la responsabilità civile e penale è personale sarebbe opportuno arrestare e tenere in galera i soggetti che sono violenti (come fanno sistematicamente in inghilterra). questo è l’unico modo di fare piazza pulita. gli strumenti investigativi ci sono quindi che si proceda in tal senso

    Rispondi
  11. La linea dura vabbene, ma un mese di lavori forzati non si giustifica dal punto di vista del diritto penale. A parte che poi i lavori forzati in Italia non esistono. Inoltre, con i punti di penalizzazione saranno gli stessi supporter sani ad allontanare, limitare o annichilire i teppisti che poco hanno a che vedere con il tifo. Anche perché analizzata in profondità la questione, ci si rende conto che a soffrire è sempre la squadra o i tifosi sani che non possono andare allo stadio.

    Rispondi
  12. secondo me questa gente andrebbe presa e condannata per direttissima, senza neanche un processo, ai lavori forzati per un mese. come fanno in america. picconi e mazze, tutti legati con catene alle caviglie a costruire strade e ferrovie. dopo un mese così, avranno poca voglia di far casino, ma solo di riposare.

    Rispondi
  13. iceman io non sono daccordo perchè chi si rende protagonista di certi fatti, non è assolutamente innamorato della squadra che segue….non gliene importa un bel niente !!…è solo gente che parte da casa con il solo scopo di distruggere…poco gli importa se poi la sua squadra vince o perde….

    Rispondi
  14. che tristezza…questo è un motivo per il quale mi vergogno di essere romanista….sarebbe bello un giorno andarne fieri di essere romanisti e non sentirsi additati come gentaglia…..

    Rispondi
  15. Sanzioni del tipo di quelle adottate nel caso degli scontri per la partita Roma – Napoli sono assolutamente inutili. Invece di, o oltre a, bloccare l’accesso allo stadio ai tifosi, perché non proviamo a comminare una sanzione di tre punti nei confronti della squadra responsabile dei tafferugli? non si tratta solo di fargli perdere la partita, oltre il risultato del campo una ulteriore sanzione di 3 punti. Cosí se la squadra che è responsabile dei tafferugli ha anche perso in campo, con l’aggiunta dei 3 punti di penalizzazione ne perderà in totale 6. Alla fine questi imbecilli si renderanno conto del danno che arrecano e lascieranno perdere. Vietare l’accesso non serve a nulla!

    Rispondi

Lascia un commento