Padre di Aquilani: “Aspettiamo cosa pensa la Roma”


«Siamo tranquilli, ma non possiamo ovviamente definirci ottimisti al 100%». Lo ha detto Claudio Aquilani, papà del centrocampista della Roma, parlando in una intervista esclusiva a calciomercato.it del rinnovo del contratto di suo figlio con il club giallorosso.
E perchè?
«Perchè alcuni contatti ci sono effettivamente stati, ma nulla è ancora definito con certezza».
Differenze insormontabili tra offerta e richiesta?
«Se parliamo dell’aspetto economico, assolutamente no! Ci tengo a precisare che non abbiamo mai parlato di cifre, e che non è l’aspetto pecuniario a rallentare la trattativa».
E allora di che si tratta?
«Noi ci aspettiamo che sia la Roma a dire esattamente come la pensa, perché fino a prova contraria oggi Alberto è un calciatore della Roma, e sarebbe ben felice di restare qui. Questo, tanto per sgomberare il campo da eventuali equivoci. Però noi ci aspettiamo che la società prenda una posizione, e dica se punta su Alberto oppure se il giocatore può essere oggetto di trattativa».
Questo punto non ci è chiaro: che differenza c’è?
«C’è, eccome… Se la Roma dice ‘Vogliamo continuare il rapporto con Aquilani perché è un elemento sul quale puntiamo" (e di conseguenza fanno implicitamente capire di potergli garantire più assiduità in campo), allora saremo felicissimi di restare nel club di sempre. Se invece la Roma si dichiarasse pronta ad ascoltare le offerte provenienti da altri club, allora significherebbe essere potenzialmente "sul mercato", e a quel punto accetteremmo volentieri la destinazione che consentirebbe alla Roma di incassare una somma importante per la sua cessione».
Insomma, per farla breve: nessuna querelle economica, ma garanzie per un posto da titolare?
«Più o meno. O meglio, sapendo benissimo che – alla fine – si tratta di tre candidati per due maglie, vorremmo dalla Roma più chiarezza su questo punto. Perché i giocatori sono tutti bravi e importanti, ed ovviamente tutti loro hanno la legittima ambizione di giocare».
A proposito di richieste: chi la sta contattando dei vari club di cui si parla?
«È inutile fare l’elenco. Si sa che ci sono tante squadre interessate, e molte di loro si presentano offrendo cifre decisamente ragguardevoli. Ma – a conferma che il problema non è di natura economica – non abbiamo accettato di parlare con nessuno che non sia la Roma. È la Roma la proprietaria del cartellino, è lei che – in base a ciò che ci dirà – stabilirà il futuro di Alberto».

LEGGI ANCHE  L'agente di Siebert avvicina il giocatore alla Roma


12 commenti su “Padre di Aquilani: “Aspettiamo cosa pensa la Roma””

  1. io ho miei dubbi che abbiano portato fedelmente le dichiarazioni del papà di alberto aquilani visto che è un sito che preferisce se ci sono 2 notizie su aquilani riportare quelle di tuttosport che parlava ieri di un incontro ta prade’ e Secco piuttosto che quello del Corriere che diceva che il rinnovo era vicino!!! più di dire sempre che considerano aquilani incedibile e mi sembra nel colloquio avuto qualche giorno fa è venuta fuori la volonta’ della società di rinnovare il contratto perche’ fa parte del progetto Roma pero’ mi piacerebbe come in passato ha fatto Totti e Danielino che dicesse lui che vuole restare alla roma a vita e non li interessano altre offerte invece di dire che si vedrebbe bene nel centrocampo dell’inter!1

    Rispondi
  2. forse ha giocato poco a causa dell’infortunio, ma certamente è un grande!!!
    Comunque ha ragione nazz: se proprio (ma proprio proprio) dovessimo vendere i nostri meglio allora vendiamoli all’estero, magari a qualche squadra russa che hanno pure un sacco di soldi da spendere. E se invece dovessero vendere in italia, almeno non all’interaccia.
    Credo però che non ci saranno problemi, e il nostro rimarrà con noi…gli impegni in campionato e champions avrà modo di giocare di più…(p.s. che caz ci va a fare nell’inter o nella juve?)

    Rispondi
  3. Io invece me li strappo i capelli e pure tutti!!.. ma li strappo pure a chi permetterebbe di mandarlo via!!…
    Aquilani non si deve preoccupare del posto..perchè Spalletti lo ha sempre ritenuto un giocatore importante, fondamentale e TITOLARE!!!..pizarro faceva la panchina ad inizio campionato.. e Alberto giocava!!..non ce lo dimentichiamo.. e poi per sua sfortuna è stato perseguitato dagli infortuni che non gli hanno permesso di ritrovare la forma una volta risolti i suoi problemi..e visto che pizarro era in ottima forma e dava molte garanzie,..siccome spalletti è uno intelligente lo faceva giocare tenendo Alberto in panchina!..chiunque lo avrebbe fatto!!
    Seconda cosa perchè vendere un giocatore cresciuto nella ROMA.. GIOVANE!!..di ottime qualità già ambientato e omologato per il gioco della ROMA.. a scapito di uno nuovo che deve ricominciare tutto da capo!!?!?..e manco ti assicuri che si ambienti!! (es. Tiago alla Juve)… quindi non ce voglio proprio pensà che lasciano andare via ALBERTO AQUILANI!!

    Rispondi
  4. purtroppo si infortuna spesso, altrimenti sarebbe il centrocampista italiano + forte in assoluto!! secondo me è molto + forte anche di pirlo.. adoro il suo passare la palla di prima, spesso verticalizzando. pizarro invece secondo me tiene troppo palla e rallenta il gioco(anche se è quasi impossibile togliergli la palla dai piedi). io li farei giocare insieme in un centrocampo a 3 con DE ROSSI. e poi basta con sto fatto di vendere i pezzi pregiati alle dirette concorrenti(emerson,chivu,ecc), almeno vendiamoli all’estero…

    Rispondi
  5. se aquilani viene ceduto non mi strappo i capelli…per due motivi… il primo è che nella roma pizarro va meglio di lui per il gioco di spalletti essendo piu rapido eclettico….e secondo….pur essendo forte aquilani non è un giocatore che fa reparto da solo….spesso è infortunato…e cmq è sostituibile senza difficoltà…ovviamente se venisse ceduto…va fatto pagare per quanto vale…e ci si comprano due campioni al suo posto

    Rispondi

Lascia un commento