Roma: Pizarro sta tornando e vuole la Supercoppa

Rassegna Stampa – Il Messaggero – Il Professore sta tornando. Dopo aver ripreso sabato ad allenarsi con la squadra e aver concesso il bis domenica da solo, ieri Pizarro è sceso nuovamente in campo insieme ai compagni. Ha svolto l’intera seduta senza avvertire problemi, partecipando agli esercizi di circolazione di palla e alla partitella finale. Questa mattina, al termine del nuovo allenamento, saranno diramate le convocazioni per l’amichevole di stasera a Grosseto (ore 20.30 diretta Roma channel). L’orientamento ieri era quello di portarlo e farlo giocare per 45 minuti a meno che in queste ore il giocatore non manifesti qualche problema o affaticamento. Il Pek vuole aspettare stamani per decidere: non vuole affrettare i tempi e rischiare ricadute. Se non sarà stasera, comunque, il Pek tornerà nella gara amichevole di venerdì contro l’Olympiacos.

A Trigoria non intendono assolutamente forzare i tempi ma è chiaro che l’obiettivo è quello di fare in modo che il giocatore possa essere disponibile per la Supercoppa italiana, prevista per il 21 agosto. Un’estate anomala, quella vissuta dal cileno, che dall’inizio del ritiro ha svolto un lavoro mirato a recuperare da una fastidiosa condrite al ginocchio con la quale oramai combatte da un anno. La maggior parte del tempo, quindi, l’ha trascorsa tra la palestra e il lettino per la fisioterapia, tralasciando qualsiasi contatto con il pallone. Per evitare l’intervento chirurgico, che lo avrebbe allontanato dai campi di calcio per diversi mesi, ha deciso di sottoporsi, d’accordo con il medico della Roma, Pengue, ad una cura con i fattori di crescita. In questo mini-ciclo, fatto di due sedute (svolto nel centro di Lucca), è stato seguito dal medico della Nazionale, Castellacci. Possibile che nei prossimi mesi debba sottoporsi ad un nuovo trattamento ma visti i miglioramenti degli ultimi giorni, la speranza è che possa continuare ad allenarsi senza avvertire ulteriori fastidi. Ora che le cose vanno meglio, Pizarro ha nel mirino l’Inter. A Riscone, sentendolo parlare, per qualche istante è sembrato di ascoltare Totti o De Rossi:

«Stavolta vogliamo vincerlo noi ‘sto maledetto scudetto»

Quasi che sia diventata un’ossessione. Pizarro è un leader, magari silenzioso, ma comunque leader.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

Se c’è o non c’è in campo la sua assenza si nota. Se ne sono accorti anche i tifosi che in ritiro, attraverso l’ Associazione Italiana Roma Club, lo hanno premiato con una targa come miglior giallorosso della passata stagione. Ma anche durante l’anno, a Trigoria, era già apparso uno striscione in suo onore:

«Piccolo grande uomo, immenso giocatore. David Marcelo Pizarro Pek sempre da 8 in campo»

Guai, però, a scherzare sulla sua altezza, ve lo fareste nemico. Anche perché come ama sempre ricordare

«i più grandi calciatori della storia non hanno superato l’1,70: Maradona, Baggio, Pelé. Contano le capacità, non i centimetri»

Spalletti lo ha voluto nella capitale e ha provato, invano, a portarlo a San Pietroburgo. Ranieri stravede per lui, arrivando a definirlo «insostituibile». Non ha tutti i torti perché con lui presente la Roma lo scorso anno in campionato ha perso solamente due partite: a San Siro contro il Milan e all’Olimpico contro la Sampdoria. Pizarro è diventato così prezioso che pur di farlo giostrare in mezzo al campo, dopo qualche settimana dal suo arrivo, Ranieri ha preferito spostare De Rossi, non uno qualunque. Il Pek non ha deluso e dopo aver visto per l’ennesima volta lo scudetto svanire negli ultimi minuti di campionato, ha voglia di rifarsi. Con la Roma ha un legame sino al 2013: dopo quella data ha già fatto sapere che non giocherà più in Italia ma tornerà in Cile per concludere la carriera con la maglia della squadra della sua città, Valparaiso. A conti fatti ha ancora tre anni per vincere ‘sto maledetto scudetto’. Prima, però, vuole cominciare con la Supercoppa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.