Italia-Costa d’Avorio 0-1, Rivoluzione Italia non nel risultato

Esordio amaro per Prandelli. Lasciarsi alle spalle un mondiale cosi tanto deludente non deve essere semplice. Ci si prova, magari rivoluzionando i convocati in nazionale, chiamando i grandi esclusi e lavorando su nuova mentalità. Prandelli è solo all’inizio ma la sua rivoluzione l’ha già cominciata. Era la prima, per il ct e per De Rossi capitano azzurro. Non è stata una vittoria, ma una prestazione a tratti convincente. Davanti i tre con i nomi più ripetuti nei giorni precedenti la partita: Cassano, Balotelli e Amauri, per il primo è un ritorno, per gli altri la prima volta. Gli azzurri ci mettono impegno e volontà ma, quando gli ivoriani avanzano, si evidenziano in modo preoccupante le incertezze del reparto difensivo. Le trame collaudate sfruttano spesso e volentieri i buchi lasciati colpevolmente dagli azzurri, pigri a tornare in difesa.
I primi 45 si chiudono sullo 0-0,  la Cosa d’Avorio ha un gioco molto più collaudato, gli azzurri vivono di singole azioni. Nella ripresa stessi uomini in campo. Prandelli chiede più velocità e gli azzurri sembrano ascoltarlo. Al 47′ Motta di destro sfiora il gol dopo una bella azione personale. Ma è solo un fuoco di paglia. Al 55′, sugli sviluppo di un corner Kolo Tourè supera Chiellini e insacca sul primo palo il gol vittoria ivoriano.
Cesare Prandelli prova quindi a cambiare faccia all’Italia. La girandola dei cambi ( 6 a disposizione ) vende entrare: Borriello, Quagliarella, Rossi, Cassani, Marchisio e Montolivo, ed uscire Motta, Cassano, Balotelli, Pepe, Palombo e Amauri. Gli azzuri però hanno evidenti limiti tattici, e la sola volontà non basta a recuperare la partita.

Finisce con una sconfitta la “prima” di Cesare Prandelli ma, il nuovo ct della nazionale ha di che consolarsi, prima di lui anche Lippi aveva cominciato con un ko e poi, per un rivoluzione, ci vuole tempo e pazienza.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

5 pensieri su “Italia-Costa d’Avorio 0-1, Rivoluzione Italia non nel risultato

  1. Guido, nessuna polemica. Io non ho mai detto che Motta sia un buon giocatore. Ho detto che Motta è meglio di Rosi e Cicinho (almeno quello degli ultimi 5 anni) e che ritengo una stupidagine cederlo perdendoci più di 2 milioni. 12 mesi fa paghi la metà di Motta 3,5 milioni e un anno dopo lo perdi alle buste per 1,4? Non mi sembra una mossa sagace da parte di una società che si autofinanzia. Poi diciamocelo: era abbastanza scontato che Motta venisse convocato almeno inizialmente da Prandelli. I giocatori nel giro della nazionale aumentano il proprio valore. Magari lo cedevi meglio. Noi siamo una società che si alimenta con le cessioni e mi sembra che da questo punto di vista questo mercato sia disastroso: Motta 1,4 mln (3,5 un anno fa), Guberti 1,5 mln per il 50% (l’hai preso a zero ma dopo un buon finale di campionato non valeva qualcosa di più? Senza contare che per mezzo campionato scorso e per due mesi d’estate gli hai pagato lo stipendio), Baptista FORSE al Galatasaray per 5 mln (10 mln spesi per lui 2 anni fa), Cerci si svincolerà a zero l’anno prossimo, Andreolli lo stesso… Poi dite che uno è ipercritico con la società! Vi sembrano mosse intelligenti? 😕

  2. io sono 2 anni che sbavo per Cassani,è davvero un ottimo terzino!però è mancino e ieri ha giocato a destra!L’unico problema di Cassani è Zamparini!!!cmq x gli amanti di motta,ieri ha dato un’altra dimostrazione di quanto sia scarso in fase difensiva!! 😯 e giocavamo con la costa d’avorio,e senza Drogba..2/3 volte ha bucato pesantemente..Cmq credo che a Juve tra lui chiellini e bonucci,quest’anno non prenderà meno di 40 gol ahahhah :mrgreen: :mrgreen:

    1. devo dire che stavolta sono abbastanza d’accordo..sembrerebbe un buon giocatore,di un altro pianeta rispetto a motta…tanto per rilanciare un po di polemica.. :mrgreen:
      in amicizia è..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.