De Rossi: ” Mi sono stufato di secondi posti”

Rassegna Stampa – Gazzetta dello Sport – L’anno che verrà è cominciato ieri. Daniele De Rossi ha dato il via alla nuova stagione sul campo del Levante, a Valencia: l’ultima immagine del romanista era la camminata verso gli spogliatoi dell’Ellis Park di Johannesburg dopo Italia-Slovacchia, persa 3-2, fuori dal Mondiale. È servita una lunga vacanza per disintossicare De Rossi dopo la solita stagione frenetica: da una vita viaggia al ritmo di 60 partite l’anno.

Ha iniziato la preparazione alla fine di luglio. Il mese di riposo è servito?

«Le vacanze fanno sempre bene. Ho potuto riposare, stare con mia figlia e divertirmi con gli amici. Staccare la spina è fondamentale, perciò dissento dalla decisione di farci giocare il 6 gennaio: meglio allungare la pausa natalizia e recuperare con un turno infrasettimanale in più».

È già vigilia delle prime convocazioni per la nuova Nazionale: martedì 10 agosto a Londra si gioca Italia-Costa d’Avorio.

«Non ho mai parlato con Prandelli da quando è stato nominato c.t. della Nazionale, non so cosa abbia in mente. Cometutti i giocatori che hanno partecipato al Mondiale, ho cominciato a lavorare più tardi. Se poi mi chiedete un giudizio su Prandelli, posso dire che in quel brevissimo tempo in cui guidò la Roma mi fece una buona impressione: è una persona per bene e un bravo tecnico».

De Rossi, 27 anni, 57 partite e 9 gol con la maglia della Nazionale, può diventare uno dei veterani dell’Italia.

«Il tempo passa in fretta. Sembra ieri quando ero il più giovane nella Roma e nella Nazionale. Ora si apre un nuovo ciclo ed è giusto che ci sia il rinnovamento».

Smaltita la delusione per il Mondiale?

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

«Sì, ho metabolizzato tutto. Ho voglia di ricominciare».

La nuova Roma è più forte?

« La nuova Roma mi piace. Adriano e Simplicio sono due rinforzi eccezionali».

Il 21 agosto Inter-Roma di Supercoppa: il primo obiettivo?

«È il primo passo verso la nuova stagione. La Supercoppa è un trofeo che si assegna in una gara unica. Noi proveremo a vincere, ma poi dovremo guardare avanti. I veri obiettivi sono altri. Certo, riconquistare la Supercoppa ci farebbe piacere. Quando ci riuscimmo nel 2007, a Milano, segnai proprio io».

Campionato e Champions: dove può arrivare la Roma?

«Vorrei vincere finalmente qualcosa. Siamo abbonati ai secondi posti. In queste stagioni abbiamo sempre mantenuto un livello eccellente, ma è ora di vincere».

Ranieri sostiene che l’Inter è ancora la più forte.

«Ha ragione, l’Inter è ancora davanti a tutti, ma non è detto che debba sempre vincere. A parte la Roma, si sono rinforzati un po’ tutti: Juve, Napoli, Fiorentina. Attenti al Genoa: ha fatto un grande mercato».

Il passaggio da Mourinho a Benitez potrà creare problemi all’Inter?

«Non credo. Benitez ha vinto trofei importanti. È un tecnico preparato».

Mourinho mancherà al calcio italiano?

«Mourinho non è solo un fenomeno mediatico come dice qualcuno. Mourinho è un grande allenatore che ha vinto dappertutto: Portogallo, Inghilterra, Italia. È andato a Madrid e vincerà ancora. Mourinho viene criticato da colleghi che hanno vinto un decimo di quanto ha vinto lui».

Nel 2012 scade il contratto: quando si aprirà la discussione sul nuovo accordo con la Roma?

«Ho parlato a tu per tu col presidente Rosella Sensi prima di partire per il Mondiale. È stata lei a prendere l’iniziativa, invitandomi nei suoi uffici. Il colloquio è durato un’ora e ho preso atto del fatto che la Roma ha rifiutato qualsiasi offerta. Sono tranquillo. Rinnovare il contratto non sarà un problema».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.