Si parte facile, poi arriva l’Inter

Rassegna Stampa – Il Romanista – Il sogno comincia in bianco e nero. Quello del Cesena, la neopromossa che la Roma affronterà alla prima giornata della prossima Serie A. I tifosi romanisti chiedevano un avvio di campionato più facile di quello della scorsa stagione che ci aveva messo di fronte Genoa e Juventus e che non ci aveva portato neppure un punto. Nel ritiro di Riscone la parola d’ordine del gruppo giallorosso è stata quella di partire forte, e le possibilità ci sono. Perché dalla sede di Piazza Affari a Milano è venutafuori una partenza più che abbordabile. Calma, nessuna festa. Perché le piccole, le provinciali, soprattutto a inizio campionato possono nascondere delle trappole. Ma sulla carta la Roma ha l’opportunità di trovarsi davanti a tutti nel giorno del primo scontro diretto, quello con l’Inter in programma il 26 settembre. Ma andiamo per ordine, il cammino della formazione di Ranieri comincerà, come detto, contro la matricola Cesena. Una squadra che ci ricorda Ruggiero Rizzitelli, ma soprattutto il secondo scudetto e il gol di Roberto Pruzzo. Poi sarà subito sosta (per le qualificazioni della Nazionale all’Europeo).

Si ripartirà il 12 settembre e per la prima trasferta si andrà a Cagliari (e pure questo ci ricorda lo scudetto dell’83). Tre giorni dopo si sentiranno le note della Champions per la prima giornata della fase a gironi. Nel weekend si tornerà all’Olimpico per affrontare il non impossibile Bologna. A quel punto non ci sarà tempo per rifiatare perché subito dopo è in programma il primo turno infrasettimanale (tutto in notturna alle 20.45) che per la Roma coinciderà con la trasferta a Brescia. Quattro giornate facili (siamo tutti autorizzati a toccare ferro), poi la sfida delle sfide, quella con l’Inter. La giocheremo in casa il 26 settembre (nel 2000-01 fu invece a Brescia alla quinta e coi nerazzurri alla quarta), iniziando così un trittico difficile con la seconda di Champions e la trasferta a Napoli (il 3 ottobre). A quel punto si potrà fare un primo bilancio e riposare un po’ approfittando della seconda sosta. Si ricomincerà il 17 con, nell’ordine, Genoa all’Olimpico, terza di Champions, Parma fuori, Lecce in casa e ancora Champions. Siamo così agli inizi di novembre, e qui arriva il difficile: il 7 c’è il derby (il primo sarà in trasferta), il 10 turno infrasettimanale in casa con la Fiorentina e tre giorni dopo a Torino con la Juve.

LEGGI ANCHE  Mourinho insiste per Cristiano Ronaldo alla Roma: affare quasi impossibile

Da lì inizierà il rettilineo finale, come lo chiamò Ranieri lo scorso anno: Udinese, Palermo, Chievo, Bari, Milan (alla terzultima il 19 dicembre), Catania e Sampdoria. Dopo il match di San Siro coi rossoneri ci sarà la sosta invernale fino al 6 gennaio. Nel girone di ritorno ci sarà invece da fare i conti con i possibili (si spera) ottavi e quarti di finale nelle Coppe Europee e con l’arrivo della Coppa Italia (possibile il derby già negli ottavi). Curioso il fatto che l’ultimo turno infrasettimanale in notturna arrivi di nuovo contro il Brescia (contro il quale giocheremo dunque sempre di mercoledì). Il 13 marzo ci sarà il derby di ritorno, stavolta da giocare in casa, il 27 l’ultima sosta che capiterà dopo la trasferta a Firenze e prima della Juve. Poi drittifino alla fine, fino al 22 maggio, fino alla Samp. Contro la quale l’andata sarà a Marassi, quindi l’ultima di campionato sarà in casa coi blucerchiati. Finiremo insomma contro la squadra che di fatto ci ha tolto lo scudetto dello scorso anno. Un segno del destino? Chissà. Forse così quei maledetti gol di Pazzini troverebbero finalmente una spiegazione.

4 pensieri su “Si parte facile, poi arriva l’Inter

  1. Siamo piu forti di prima,venga chi vuole.Non sarà facile x nessuno batterci,faremo piangere tutti siamo la Roma.Sempre forza magica Roma.. ❗

  2. La Roma attuale è molto forte, dipende ovviamente se i giocatori staranno in forma quando necessario, la Roma può vincere tutto, o niente, cosi come le altre squadre forti. Speriamo che si vincerà qualcosa, almeno la Coppa Italia, che per noi varrebbe come uno Scudetto (a 10 c’è la Stella).

  3. dai ragazzi io ci credo…l’inter ha un calendario nn semplicissimo..alla quinta cn noi poi juve,samp e genoa…dobbiamo partire alla grande e vincere sto maledetto scudob ❗ ❗

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.