CdS: “Senza Pizarro, Roma fuori dalla Champion’s”

Rassegna Stampa – Il Corriere dello Sport – Serve o non serve al la Roma un vice Pizarro? Dibattito aperto, a prescindere dalle possibilità economiche della società che fino ad ora ha preso solo due parametri zero come Adriano e Simplicio. Proprio il centrocampista brasiliano arrivato dal Palermo potrebbe essere un elemento in grado di sostituire, sia pure con altre caratteristiche, il trottolino cileno. In realtà, considerando le caratteristiche del Pek, viene quasi da dire che un vero alter ego del cileno sia difficilissimo da trovare in giro per il mondo, Italia compresa. E nella Roma per di più, Pizarro sembra essere il metronomo che fa girare tutto il meccanismo. Che quando non c’è lui spesso s’inceppa.
Lo dicono i numeri, in maniera evidente. Con Pizarro in campo la Roma nell’ultimo campionato ha conquistato 71 punti in 31 gare. Media punti 2,29. Proiettata nelle 38 parti te dà un totale di 87 punti: scudetto facile visto che l’Inter ha tagliato il traguardo a quota 82. Senza il cileno la Roma ha giocato 7 partite collezionando 11 punti con una media di 1,57 a partita. Con questa media la Roma sarebbe finita quinta con 60 punti, fuori dalla Champions, superata anche da Milan, Sampdoria e Palermo.
E non consideriamo la sciagurata Cagliari- Roma 2- 2 in cui Ranieri ebbe la malaugurata idea di sostituire Pizarro al 40’ della ripresa, sul 2-0 per la Roma. Che altrimenti la “ media- Pizarro” si alzerebbe ancora.
Ranieri (che da quel Cagliari- Roma in poi si è guardato bene dal sostituire il cileno nel corso della gara) quando ha dovuto fare a meno di lui ha optato per un centrocampo più robusto sotto il profilo atletico ma sicuramente meno tecnico e organizzato. Nel cambio la Roma ci ha quasi sempre rimesso nonostante il prodigarsi di De Ros si in una sorta di doppio ruolo che non gradisce troppo (regista ma anche interdi tore) e il contributo di buoni cursori ma con qualità ben definite come Brighi, Per­rotta e, quando è stato chiamato in campo l’acerbo Faty.
Tra l’altro, dopo quattro an ni di Pizarro- regia appare chiaro che in sua assenza tutta la squadra non riesce a muoversi secondo il suo stan dard migliore. Come detta i tempi di gioco il cileno infatti, probabilmente non sa farlo nessun altro. Sia quando accelera sia, soprattutto quando vuole o deve rallentare con le sue veroniche, il possesso palla e conseguenti cambi di gioco. Insomma, sembra quasi che la Roma sia diventata Pizarro- dipendente e questo va bene solo se Pizarro c’è. Il rendimento della squadra e la qualità del gioco invece diminuiscono in sua assenza.
In sede di mercato Claudio Ranieri ha lasciato la lista di una difficile spesa nelle mani di Pradè, che sta cercando tra mille difficoltà di ricomporre il mosaico secondo le preferenze del tecnico. Nel mondiale abbiamo visto il ghanese Annan ( 24 anni) lavorare bene in mezzo al campo e con una lieve somiglianza col Pek. Gioca ( ancora) in Norvegia, potrebbe non costare molto. C’è poi il brasiliano Josuè (31) con attitudini simili, ma gioca nel Wolsfburg e potrebbe non muoversi. In Italia solo un giocatore come Andrea Pirlo sembra avere certi requisiti tecnico-tattici. Ma Pirlo è Pirlo, con i suoi anni e i suoi titoli. E sicuramente chiuderà la sua carriera nel Milan. Piuttosto, si potrebbe chiedere proprio al Pek se nel suo Cile, magari non proprio in nazionale, c’è un suo possibile successore. Sempre che la Roma voglia cercarne uno. In alternativa, basandosi sul­l’esperienza della stagione tra scorsa, Ranieri dovrà inventarsi una Roma senza Pizarro comunque equilibrata e in grado di macinare gioco ad alti livelli.
Pizarro si avvia ai 31 anni e ha bisogno ogni tanto di tirare il fiato. Tra i tanti problemi di mercato di una Roma che avrà di nuovo l’impegno Cham­pions, anche quello di breve media durata: trovare un altro Pizarro o cambiare decisamente rotta in senso tattico (e questo dovrà deciderlo anche Ranieri) quando il cileno non potrà essere in campo?

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

5 pensieri su “CdS: “Senza Pizarro, Roma fuori dalla Champion’s”

  1. il Pek è il Pek, ma un suo sostituto ci serve e io sinceramente punterei su un giovane italiano. un nome? Cigarini. Il Napoli non lo considera molto e in prospettiva è un buonissimo giocatore

  2. più forte magari no, visto che esiste un certo Xavi
    ma è fondamentale
    io ho sempre detto quest’anno che i veri insostituibili erano il Peq, Mirko, Juan e il portiere, J sergio ovviamente
    se Ranieri sta pensando a una Roma senza il Peq allora sta pensando a una Roma operaia, tanta corsa e polmoni
    anche perché il gioco non può iniziare dalla trequarti
    dalla difesa che facciamo, solo lanci lunghi??
    e quante partite pensi di vincere così? in Champions poi!!!!

  3. Pizarro e’ il piu’ forte regista al mondo difficle trovare un sostituto alla sua altezza, e pensare che c’e’ pure chi lo contestava e diceva che bisognava cederlo.

  4. è normale ke giocatori di quella levatura e caratteristiche nn crescano sugli alberi e bisogna anke prendere in considerazione l’ipotesi di nn poterlo sostituire nell’immediato a questo serve l’allenatore ke deve dare una possibilità di variare al livello tattico x sopperire all’assenza!!

    …..riuscirà mr Ranieri a farlo senza presentare il solito 4-4-2 e catenaccio???……..ma!?1!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.