Daniele De Rossi: “Roma è tutto per me, è la mia vita. Non sarei felice da altre parti”

Daniele De Rossi ha rilasciato una lunga intervista al sito ufficiale della FiFa nella quale parla delle prospettive per Sudafrica 2010 e non solo, perchè di tanto parlare di un suo possibile trasferimento rimarrà solo la suo frase: “Roma è tutto per me: è la mia vita. Non sarei felice da altre parti.”.

Daniele, qual è la tua opinione sul cammino dell’Italia verso Sud Africa 2010?
“Abbiamo avuto una grande girone di qualificazione e siamo riusciti a concludere al primo posto con una giornata di anticipo. Abbiamo avuto alcune partite dure come la Bulgaria a Torino e quella contro il Montenegro, anche se le partite contro l’Irlanda sono state le più toste. E’ difficile giudicare la prima partita a Bari, perché siamo andati subito in inferiorità numerica e tutto è cambiato. Abbiamo segnato un gol e poi ci siamo chiusi in difesa. Abbiamo giocato meglio nella seconda partita contro di loro, riuscendo a ottenere il risultato che ci serviva”.

Quali sono state le ragioni di questo successo?

“Credo che il più grande segreto dell’Italia sia il gruppo di giocatori che abbiamo. E’ lo stesso nucleo che ha vinto la Coppa del Mondo e ha giocato gli Europei, che non abbiamo vinto, ma siamo usciti a testa alta contro la Spagna ai rigori. Abbiamo ancora lo stesso atteggiamento che abbiamo avuto prima. E questo è quello che ha portato i nostri successi recenti”.

Qual è il tuo parere sul Gruppo F ?
“A prima vista potrebbe sembrare facile, ma sappiamo che non è mai il caso della Coppa del Mondo. Il Paraguay è stato grande in qualificazione e sono finiti sopra l’Argentina in classifica. Abbiamo giocato con la Nuova Zelanda in amichevole prima della Confederations Cup l’anno scorso ed è stata veramente dura batterli 4-3. La Slovacchia, invece, è una squadra ben organizzata e ha parecchi giocatori come Hamsik, che gioca in Serie A. Non possiamo permetterci di essere presuntuosi”.

Dopo la Confederations Cup, che cosa hai imparato da Sud Africa 2009?

“Beh, non molte persone hanno menzionano l’altitudine in Sud Africa. Lo abbiamo sperimentato durante la Confederations Cup ed è un fattore che deve essere preso in considerazione. Non è la stessa partita a livello del mare in quanto è una partita a oltre 1.000 metri di altezza. Abbiamo appreso molto e ora siamo pronti per adeguarci a tale differenza. Abbiamo anche imparato che non sarà sufficiente ripetere la performance del 2006, data la quantità di
squadre forti come Spagna, Inghilterra, Brasile e Argentina, che sono migliorate da allora. Sarà dura”.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

Si parla spesso dell’età della nazionale italiana. Pensi che il numero dei veterani potrebbe essere un problema?
“E ‘ vero che ci sono molti giocatori con più di trent’anni, ma bisogna ricordare che una Coppa del Mondo è un torneo di breve che dura solo sette partite. Un sacco di giocatori che saranno in Sudafrica si ritireranno dalla Nazionale dopo il torneo, ma ciò che conta è che siamo in grande forma sia mentalmente che fisicamente a partire da giugno. Non potremmo avere un allenatore migliore di Marcello Lippi. Ha giocato un ruolo vitale nella Coppa del Mondo quattro anni fa, così come il periodo prima, quando il morale della squadra aveva preso un colpo vero. Lui è fantastico, sia come allenatore sia come persona”.

Ad oggi, solo l’Italia e il Brasile hanno vinto due Coppe del Mondo consecutive. Siete in grado di emulare questa impresa?

“Sarà estremamente difficile, perché non basta avere solo una grande squadra. Devi essere forte, in forma e coraggioso, oltre ad avere uno spirito di gruppo eccellente e un pizzico di fortuna. Sappiamo che non possiamo migliorare ciò che abbiamo fatto prima, abbiamo solo da perdere. Naturalmente siamo molto fiduciosi, ma sappiamo quanto sarà dura”.
Infine, guardando avanti, a dopo il torneo, si è fatto un gran parlare di un possibile tuo trasferimento all’estero.

E’ nei tuoi piani?

“Il pensiero ha attraversato la mia mente. Mi sono chiesto come sarebbe giocare all’estero, ma ad essere onesti Roma è tutto per me: è la mia vita. Non sarei felice da altre parti. Ovviamente non si sa mai cosa potrebbe succedere, ma al momento non riesco a vedermi in un altro club o a vivere da una parte che non sia Roma”.

7 pensieri su “Daniele De Rossi: “Roma è tutto per me, è la mia vita. Non sarei felice da altre parti”

  1. Errore Borriello il camorrista?Errori sono stati non portare Totti e Miccoli! Ha chiamato pure quel morto vivente di Gattuso e non Aquilani.Usciamo agli ottavi di sicuro.Lippi e’ un mascalzone, se ne andasse alla Juve  (Quota Commento)

    Ovviamente anche non convocare Totti è un grandissimo errore, ma per quello mi ero già messo il cuore in pace…

  2. Errore Borriello il camorrista?
    Errori sono stati non portare Totti e Miccoli! Ha chiamato pure quel morto vivente di Gattuso e non Aquilani.
    Usciamo agli ottavi di sicuro.
    Lippi e’ un mascalzone, se ne andasse alla Juve

  3. Non ho mai criticato Lippi prima d’ora, mai, ma ora mi sembra che sia arrivato il momento di dire la mia: ecco il gravissimo errore, e sottolineo GRAVISSIMO, di lasciare a casa Borriello, autore di una grande stagione con il Milan, spesso decisivo; l’errore di lasciare a casa Giuseppe Rossi, fantasista come pochi, ora chi c’è in quel ruolo? Io l’avrei fatto giocare addirittura titolare, in un attacco dietro Di Natale e Pazzini… ed infine? Cassani, altro ottimo esterno, bravo ad attaccare, bravo a difendere, una vera rivelazione…
    Questi tre calciatori, tutti assolutamente meritevoli della Nazionale (e anche di un posto titolare), se ne tornano a casa, mentre partono per il Sudafrica gente come PEPE (spiegatemi cosa ci fa uno come lui in Nazionale?!? Lippi è fissato); IAQUINTA (7 partite scarse quest’anno, mai decisivo in Nazionale… poi dicono che Lippi sia filo-juventino, è evidente) ed infine, attenzione, i vari bolliti Gattuso, Camoranesi, Zambrotta e, soprattutto, BOCCHETTI!
    Questi mediocri sono in Nazionale, calciatori del calibro di G. Rossi, Borriello e Cassani a casa.

    Lippi Lippi… ti ho sempre stimato, con te abbiamo vinto uno storico mondiale, ma ora hai veramente stancato… usciremo al girone (non passiamo nemmeno il primo turno), già si sa, l’unica cosa che mi dispiace è che questo sarà un mondiale perso, e un mondiale capita una volta ogni 4 anni… L’errore più grande è stato riaffidare la guida tecnica della Nazionale a Lippi dopo il Mondiale 2006… io ci avrei messo ANCELOTTI o CAPELLO, allenatori vincenti (come Lippi, per carità), ma con stimoli nuovi…
    Speriamo in Prandelli, salvaci tu!

    SEMPRE FORZA ROMA E FORZA ITALIA

  4. Roma è tutto per me: è la mia vita. Non sarei felice da altre parti. Ovviamente non si sa mai cosa potrebbe succedere, ma al momento non riesco a vedermi in un altro club o a vivere da una parte che non sia Roma”.

    Si Commenta da solo, Danielino Core de Roma ❗ ❗

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.