Smalling pronto a ridursi lo stipendio pur di restare alla Roma

Smalling pronto a ridursi lo stipendio pur di restare alla Roma

Sky Sports Italia riporta in queste ore una notizia molto positiva per la Roma, in vista della prossima stagione e della possibile permanenza di Smalling nella Capitale. A detta dei vari giornalisti al seguito della compagine giallorossa, infatti, sembrerebbe che il difensore inglese la sua famiglia si siano stabiliti così bene che sarebbe persino pronto ad accettare un ingaggio più basso di quello che riceve attualmente per prolungare la sua avventura italiana.

Le ultime sulla possibile permanenza di Smalling alla Roma

Il 30enne dovrebbe finire il suo periodo in Serie A a giugno, ma potrebbe essere pronto a firmare un contratto permanente per continuare a sfoderare prestazioni in linea con l’attuale stagione allo Stadio Olimpico. Si pensa che il club che ne detiene il cartellino al momento, ovvero il Manchester United, possa arrivare a chiedere addirittura 32 milioni di sterline perché la star inglese lasci definitivamente l’Old Trafford.

Anche l’Arsenal, rivale im Premier League, sta monitorando la situazione, considerando il fatto che il manager Mikel Arteta da tempo cerca un difensore centrale per rafforzare le sue opzioni nella retroguardia. Se Smalling dovesse tornare in Inghilterra e unirsi ai Gunners, a conti fatto avrebbe seguito le orme dell’ex compagno di squadra Danny Welbeck .

Welbeck ha lasciato l’Old Trafford dirigendosi verso gli Emirati il ​​giorno della scadenza naturale del suo contratto, nel settembre 2014, prima di trasferirsi dall’Arsenal al Watford durante la scorsa stagione scorsa estiva. Smalling ha trascorso la maggior parte del decennio al Manchester United dopo essersi unito al club nel 2010 e accumulando 323 presenze da quel momento.

Non sono stati forniti ulteriori dettagli in merito, ma sembra che Smalling abbia fatto sapere sia alla Roma, sia al Manchester United di sentirsi pronto a rinunciare a parte del suo ingaggio, affinché l’avventura alla corte di Fonseca possa continuare. Una notizia super per Petrachi, il quale potrebbe non essere costretto a dover rifare tutto daccapo nel reparto difensivo. Del resto, Smalling è stato uno dei pochi a garantire continuità alla Roma quest’anno, fatta eccezione la fase di calo vissuta da tutta la squadra tra gennaio e l’inizio di febbraio. Staremo a vedere se verrà accontentato o meno nei prossimi mesi.

Gianni

29 pensieri su “Smalling pronto a ridursi lo stipendio pur di restare alla Roma

  1. Ciao a tutti dal Veneto, intervengo solo per dire che sto seguendo con molta attenzione le cronache sociali per nulla positive e di striscio anche quelle sportive.

    Mi permetto di dire la mia: credo che – se ci saranno le condizioni sanitarie – si dovrebbe fare di tutto per finire il campionato e le coppe. Anche a porte chiuse e con rigide regole per evitare contagi.
    Chi se ne frega delle date, vorrà dire che in un momento di emergenza come questo le date si cambieranno, si sposteranno, questo è l’ultimo dei problemi.
    Nel caso, partirà più tardi il prossimo campionato.

    Sono contrario ad una serie A a 22 squadre, sarebbe il caos totale. Facciamo fatica a concentrare tutti gli impegni con 20, figuriamoci con 22. Anzi, secondo me dovrebbe essere il momento buono per ridurle a 18 o meglio a 16 come una volta. Così si potrebbe respirare e anche in caso di interruzioni o spostamenti di gare non ci sarebbero problemi.

    Su Lotirchio e l’atteggiamento dei formellesi non commento neanche, ma si sono dimostrati ancora una volta ciò che sono sempre stati.

    1. Ma perché bisogna terminare il campionato?
      Che senso avrebbe da un punto di vista sportivo?
      Dopo 3-4 mesi di stop non sarebbe un campionato regolare.
      Si giocherebbe senza pubblico.
      Riaprire la giostra sarebbe una mancanza di rispetto, uno schiaffo per tutti i morti che abbiamo pianto.
      Show must go on? Ma anche no!
      L’interesse generale dei tifosi sarebbe nullo o basso e le curve hanno già detto che per loro il campionato non deve ricominciare.
      Sarebbe un qualcosa di surreale con giocatori preoccupati di essere contagiati da compagni, direttori di gara ed avversari.
      Diciamo le cose come stanno.
      Questo campionato lo vogliono far terminare solo per motivi economici e qualcuno per fregiarsi di un titolo vergognoso che sarebbe sporco di sangue.
      Andassero tutti a ……….

      1. Credo che sia impossibile riprendere il campionato anche da un punto di vista tecnico: se davvero dovessimo entrare nella cosiddetta fase 2 a metà maggio, ci troveremmo ancora in un periodo di forti restrizioni. A quel punto si dovrebbe considerare il calcio una delle essenziali attività da far ripartire in in momento di convivenza con il virus. Noi pensiamo alla serie A, ma le altre categorie? Si tratta di migliaia di atleti, che vivono in famiglie i cui membri escono di casa per varie necessità. E tutte quelle figure senza le quali la macchina del calcio non può muoversi, come magazzinieri, autisti, massaggiatori, cuochi, raccattapalle, organizzatori vari? Sarebbe possibile contenere il virus, in questo modo?

        Inoltre credo che assisteremmo a una brutta pagina di calcio: non riesco a credere che, pur con la migliore volontà, un calciatore possa ripresentarsi in forma per il campionato direttamente dall’isolamento. Hanno tutti la palestra in casa? Hanno tutti giardini tanto grandi da permettere scatti e corse come a Trigoria? E la tattica? Come la si pratica? E le squadre europee, seguirebbero il nostro esempio? A questo punto tanto varrebbe applicare l’immunità di gregge, che in ogni caso o giocatori sarebbero costretti a sperimentare.

        Io credo che assisteremmo a uno spettacolo improbabile da parte di tutte le squadre.

  2. in un momento dl genere sentire il lipsia ke dice “vojamo riscattare shick, ma la roma dve abbassare le pretese” mi fa incazzare cme un diavolo dlla tasmania!! cè un diritto di riscatto (neanke tanto alto poi coi prezzi ke girano) e allora se lo vojono paghino, sennò nn ci rompessero i cabbasisi!!

    P.s. un plauso ai giocatori dlla rube ke almeno si son tagliati lo stipendio, figurati se gli passa xla capa all’uomo invisibile, alias pastore…

    1. Pastore lo stipendio se lo dovrebbe tagliare indipendentemente dalla situazione attuale ,ma ancora devo ricordarlo un calciatore fare una cosa del genere …..
      Ha iniziato il Barcellona con la riduzione di 1/3 degli stipendi seguito a ruota dalla Juventus e credo che i calciatori non potranno non avere buon senso in questa situazione ….
      C’è anche da dire che molti di loro hanno intrapreso iniziative benefiche personali quindi vorrei soffermarmi su questi …. altrimenti mi trasformo anche io in un diavolo della Tasmania …..

      1. ..xcarità, nn metto in dubbio la voglia di aiutare il proximo e ke molti fanno concretamente.
        tuttavia al maximo posso giustificare un giocatore dlle leghe inferiori ke rinunci al taglio, ma se io guadagnassi quasi 4ml me lo ridurrei da solo lo stipendio x gratitutide verso il club. soprattutto nl suo caso, visto e considerato ke la società (sbagliando) gli ha dato una seconda chance di riscatto, qndo invece è da rottamare..

        p.s. ovviamente mi ricaccerò in gola qsto astio nl momento in cui dirigenti e calciatori dlla a.s. roma dovessero seguire l’esempio dlla rube..

  3. tutti gli sport stanno annullando i rispettivi campionati, nel Calcio sempre polemiche. teatrino penoso vista la situazione

    1. Il calcio è lo sport che ha più interessi economici,ecco il motivo….
      ma è destinato a ridimensionare i suoi introiti: ben presto la gente comune non rinnoverà più gli abbonamenti alle Pay tv,
      non sarà più disposta a strapagare un biglietto allo stadio o di tutto il materiale del merchandising …..
      Sanno benissimo che sarà così e si stanno innervosendo …

      1. lo so, ma si innervosissero quanto gli pare, per me la stagione è chiusa. si rendessero conto del ruolo che rivestono, le chiacchiere da bar rimangano ai tifosi che si sono stancati prima di loro di ste lagne e piagnistei.

    2. Mi giungono notizie certe da persone che lavorano nel settore, ed anche per la nostra squadra , che se il campionato non si conclude, la metà delle squadre di serie A porta i libri in Tribunale.
      Fallisce.
      Non ho giudizi in materia, ma la resistenza a dare per chiuso il campionato è quella.
      Giusto o sbagliato, onestamente non lo so.

  4. Bloccato in Spagna, da 15 giorni, ma con mio figlio accanto, stiamo entrambi bene, spero che la famigliola del sito sia in tutti gli utenti e le loro famiglie, in ottima forma !
    Il calcio tornerà!!!
    Pallotta se ne andrà !!
    Ed anche io prima o poi rientrerò !!!

    1. Ciao CUCS.
      Felice di rileggerti.
      Mi raccomando isolamento totale, spesa con guanti e mascherina 😷, maniacale disinfezione delle mani e di tutti gli oggetti potenzialmente contaminati compreso lo smartphone.
      Noi più avanti negli anni dobbiamo stare più attenti!! 😬
      Questo virus è una brutta bestia e vedo che sta picchiando duro anche in Spagna.
      Un’abbraccio (simbolico) 😜

      1. Si per fortuna mio figlio è fuggito da Madrid 15/16 gg fa e mi ha raggiunto a ibiza prima che blindassero la città .
        Qui siamo
        In un condominio a 30km da ibiza e non c’è quasi nessuno.
        Unico contatto sociale la spesa ( supermercato più vicino a 10 km in auto)
        Speriamo per tutti che finisca presto!
        Un abbraccio a tutti

  5. Buongiorno a tutti
    continuiamo la quarantena e rinnovo l’augurio affinché stiate tutti bene,
    vi invito a farvi sentire ogni tanto su questo forum,non deprimiamoci….
    Downunder come va ? Immagino sarai molto impegnato e ora come non mai ti mando un grande in bocca al lupo ….. a te e tutti gli amici di ForzaRoma !

    1. Ciao Pablito.
      Un bocca il lupo anche a te e agli altri amici del forum. Questo spazio rimane prezioso.
      Se prima lo utilizzavo come passatempo ora serve anche a mettere la testa su altre cose.
      Al sottoscritto da sempre piuttosto interessato al calciomercato mancano molto i cazzeggi quotidiani sull’argomento.
      Ma ci sono troppe variabili ora per mettersi a fare congetture.
      Sul proseguio di campionato e coppe invece ho le idee più chiare.
      CAMPIONATO non assegnato: nessuna classifica congelata, nessun completamento del campionato a ritmi forsennati, nessun play off.
      Le squadre in EUROPA dovrebbe stabilirle la UEFA sulla base di criteri (ultima classifica, ranking UEFA, classifica scorso anno …..) che sicuramente non accontenteranno tutti, ma pazienza: l’importante è che le squadre escluse vengano indennizzate mediante la condivisione dei proventi Champions.
      Retrocessioni e promozioni?
      Per tali decisioni sono confuso.
      Anche qui servirebbe una direttiva comune anche se le Federazioni potrebbero decidere autonomamente. L’ultima classifica valida potrebbe essere una soluzione equa se non si potesse riprendere a giocare. In caso contrario play out/play off potrebbero essere l’alternativa.

      1. Concordo pienamente nel non assegnare lo scudetto,vorrei vedere chi avrebbe il coraggio di festeggiarlo ….. forse solo Lotito e Diaconale (ma non capisco su che basi lo rivendicano visto che la classifica dice che sono secondi…) e in tal caso dovrebbero vergognarsene i tifosi laziali in primis !
        Riguardo la partecipazione alle prossime competizioni europee trovo onesto considerare la classifica attuale anche se ci vedrebbe fuori dalla CL .
        Come avviene in tanti altri ambiti avendo disputato oltre la metà delle partite si può considerare valida quella attuale
        Sono uno che considera il campo giudice supremo e non mi piacerebbe conquistare qualcosa in altri modi.

      2. Se non assegnare lo scudetto avrebbe una valenza morale e riguarderebbe la stagione in corso, la scelta delle squadre da mandare in CL per il fatto di avere conseguenze economiche e riguardare la prossima stagione va affrontato diversamente.
        È vero che abbiamo perso entrambi gli scontri diretti contro la Dea e che sul campo alla 26ma giornata noi siamo quinti e l’Atalanta quarta ma l’anno scorso alla 26ma il Milan era terzo e l’Atalanta settima e poi sappiamo com’è andata a finire. Questo significa che l’ultima classifica valida non conta.

  6. sentendo cannavaro dalla cina, i mandarini ci hanno messo 4mesi a risolvere il virus.
    ma noi purtroppo siamo italiani e ce ne fottiamo dei divieti e comportamenti responsabili. così aggravando la situazione cme minimo ce ne metteremo il doppio xriprenderci.
    detto ciò, le merdine ke gestiscono la lega nn vanno mai in quarantena. infatti sfruttando la tragedia cè ki vuole stoppare definitivamente il campionato, cn la prospettiva di nn retrocedere e quindi far partire la nuova seria A addirittura a 22 squadre!!
    e mi dispiace dirlo: ma tommasi (capoccia dll’a.i.c.) c’ha fatto proprio una figura da stronzo fumante nn prendendo in considerazione di congelare o xlomeno di ridurre gli stipendi ai calciatori xil mese di marzo.
    altro ke “anima candida” è diventato “anima zozza”.

    1. Infatti sono rimasto spiazzato anche io da Tommasi,in ogni caso ora non si possono valutare le conseguenze né ipotizzare la ripresa del campionato;
      Quando il peggio sarà passato
      saranno costretti a fare i conti con la realtà e se la gente comune non sarà in grado di rinnovare l’abbonamento a Sky,di strapagare i biglietti allo stadio,del materiale del merchandising ecc. voglio vedere come verranno pagati gli spropositati stipendi di calciatori,dirigenti,procuratori e chiunque ruota intorno al sistema calcio ….

      1. di positivo (si fa xdire) cè il fatto ke paperino si troverà costretto a calare il becco se vuole cedere la roma. in + la lega-governo vuole far entrare in vigore una serie di agevolazioni xgli stranieri ke vojono investire in italia in una squadra di calcio.
        col bilancio ke abbiamo sarebbe una rinascita

    2. In Cina la polizia picchiava la gente nei mezzi pubblici per farli andare a casa, ho visto i video.

  7. Buone giornate a tutti e sotto con le vitamine! Soluzione sportiva… Si riparte a settembre con queste competizioni in corso, si awsegnano i trofei… Si rifanno i sorteggi con un girone di sola andata fino a maggio. Coppe come in pwssato… Scontri diretti andate e ritorni.

  8. Ma non scrive più nessuno ???
    Spero stiate tutti bene e che potremo continuare presto a “preoccuparci” della Roma e non di altro.

    1. ciao pablo. tutt’appost grz. te cme te la passi.
      xsonalmente nn scrivo xkè ho messo pure il cervello in quarantena. parlando di calcio invece.. forse il campionato riprenderà a giugno-luglio.
      si torna all’antico: nn + spiaggia sole e mare ma roma roma roma!!!

      1. Sto bene anche io Rugan,grazie.
        Oppure una combo spiaggia-sole-mare-Roma sarebbe il top !!!
        Sono un po’ di parte lo ammetto visto che vivo a 2 passi dal mare 😁
        Se così fosse vorrebbe dire che entro l’estate la situazione sarebbe risolta,ma credo sia difficile purtroppo….
        È un augurio che faccio a tutti
        FORZA !

    2. Ciao Pablo, tutto bene anch’io. Visito spesso il sito ma in effetti è difficile parlare di altro che non sia questa situazione o quella economica che probabilmente ci attende.
      Farlo qui probabilmente non sarebbe il caso, ma spero che tutti stiano bene e che questa situazione finisca presto. In questi giorni leggo dei paragoni tra questa situazione e la seconda guerra mondiale. Il periodo che seguì quella guerra fu caratterizzato da una travolgente rinascita, anche in termini culturali, del nostro paese. Non credo che sarà quello che accadrà in questo caso (né penso che le due situazioni siano effettivamente paragonabili al momento).

      Se mi è permessa una battuta in ambito calcistico: qualora decidessero di riprendere il campionato quest’anno, non so bene in che modo, sarebbe interessante vedere come giocherebbero le squadre con una tale carenza di allenamento. Dato che questo è un problema annoso per noi, forse la Roma giocherebbe finalmente ad armi pari con le altre squadre: cioè con poco allenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.