Le pagelle di Roma-Wolfsberger: Fonseca ritrova finalmente Perotti


Indicazioni interessanti quelle che ci arrivano direttamente da una partita come Roma-Wolfsberger, che a conti fatti consegna la qualificazione alla fase successiva dell’Europa League ai ragazzi di Fonseca. Senza Smalling, come si poteva facilmente immaginare, qualcosa hanno sofferto i giallorossi dietro, ma allo stesso tempo la squadra ha avuto il merito di non disunirsi nel finale e di portare a casa un pareggio che consente il raggiungimento del primo obiettivo stagionale.

Le pagelle di Roma-Wolfsberger nel dettaglio

Provando ad analizzare più nel dettaglio le pagelle di Roma-Wolfsberger emerge da un lato la non risposta positiva da parte di alcuni giocatori che negli ultimi tempi non hanno avuto un grande minutaggio, e questo certo non farà sorridere Fonseca in vista delle prossime uscite dei capitoli. Allo stesso tempo, però, giocatori in via di recupero come Perotti finalmente sembrano in grado di fornire nuove certezze al tecnico.

Mirante 6,5: come a Milano e come avvenuto nello scorcio finale della scorsa stagione, si segnalano importanti interventi anche durante Roma-Wolfsberger. Peccato per l’infortunio nel secondo tempo;

Florenzi 5: il ragazzo non è sereno e questo appare evidente. Qualche errore non da lui, al di là dell’autogol che peggiore comunque la prestazione generale. Va assolutamente ritrovato;

Mancini 5,5: senza Smalling paga dazio anche lui. Lo si vede distratto come non avveniva da tempo, anche se conclude in crescendo la sua partita;

Fazio 4,5: se doveva mettere in difficoltà Fonseca, durante Roma-Wolfsberger gli ha tolto tutti i dubbi. Anche lui giocatore da recuperare per dar fiato ai titolari;

Spinazzola 6: fa tutto sommato la sua onesta partita. Meno brillante rispetto ad altre occasioni, ma è normale ora che trova maggiore minutaggio;

LEGGI ANCHE  Ola Solbakken è ormai ad un passo dalla Roma in vista di gennaio

Diawara 7: ancora segnali importanti da lui. Dicembre è per ora il mese del suo riscatto, anche dal punto di vista della costruzione di gioco;

Veretout 6: partita diligente la sua e, come sempre, importante per gli equilibri. Meno appariscente del compagno di reparto, ma ugualmente lodevole;

Under 5: come a Verona, appare un passo dietro gli attuali titolari di Fonseca. Forse sta pagando la maggiore concorrenza quest’anno;

Mkhitaryan 6: tutto sommato match senza infamia e senza lode per lui. Può fare sicuramente meglio, ma appare più in partita rispetto a Milano;

Perotti 7,5: vuole sempre la palla ed è propositivo come non lo si apprezzava da tempo. Sulla strada giusta per diventare nuovamente importante nelle rotazioni;

Dzeko 6,5: non ancora brillante come visto ad inizio stagione, ma in decisa crescita anche lui. Il gol è sempre importante.


36 commenti su “Le pagelle di Roma-Wolfsberger: Fonseca ritrova finalmente Perotti”

  1. Propongo di acquistare petagna così smette di segnarci sempre e segna solo a noi perché per il resto è un asso di bastoni

    Rispondi
  2. La partite vanno vinte tutte o quanto meno va tentato di farlo, ma se sciupiamo questa possibilità siamo veramente pessimi. Magari ci scappa pure un pareggio tra l’isola favolosa e quelli la in quel caso andremo a -2 dai zappatori e + 2 dai cagliaritani, sarebbe veramente tanta roba (sgrat sgrat)

    Rispondi
  3. D’accordo c’è il passo falso di giovedì ma come giustamente sottolinea Pablito, a differenza del passato, l’allenatore non ha usato alibi e poi malgrado l’emergenza penso che conti di più la voglia di rivalsa dopo i 6 punti persi dello scorso anno, senza contare i sgrat sgrat delle altre (mi fermo qua dato che al dall’Ara il discorso è ancora aperto).

    Perdonate il solito ofttopic: a mio avviso oggi finisce 2-0 con Dzeko primo che piazza il gol mangiato giovedì forza grande Roma

    Ps qualcuno sarà in quel di Firenze?

    Rispondi
  4. Buona domenica a tutti
    sono proprio curioso di vedere quale sarà l’approccio alla gara di oggi,
    Come sottolineato da molti altri utenti,il modo in cui abbiamo affrontato la partita di EL ha fatto riemergere vecchi fantasmi,
    ma a differenza del passato,quando si tendeva a giustificare e a dare alibi,stavolta i calciatori sono stati messi di fronte alle loro responsabilità da parte di allenatore e DS …
    Mi aspetto di vedere i nostri determinati dal primi secondo di gioco .

    Rispondi
  5. Stasera bisogna vincere e basta, senza scuse.

    Ma il maiale quando se ne va?
    Non immaginate che festa che sarà per la città di Roma e i suoi tifosi

    Rispondi
  6. Nel calcio vince chi la butta dentro.
    Noi di bomber ne abbiamo uno solo ed ora non sembra nel suo momento migliore.
    Questo è il nostro problema n 1.
    L’infortunio di Kalinic ha acuito il problema.
    Gli infortuni in serie di Kluivert, Pastore, Mkhitaryan, Perotti, Under e Pellegrini l’hanno ingigantito.
    Solo sfortuna?
    No c’è stato un problema di programmazione.
    Anche se giochi ad una punta devi avere 3 attaccanti.
    Perché giochi comunque 3 competizioni e DEVI poter inserire sempre dalla panchina un’attaccante che possa cambiare il corso della partita.
    Se di attaccanti ne hai solo 2 vuol dire che non puoi permetterti infortuni, squalifiche o periodi di appannamento.
    Se ne hai 3 invece riesci a superare meglio le intemperie.

    Rispondi
    • Concordo sulla necessità di avere più scelta in attacco. Pero’ c’é da sottolineare come sia cambiato il ruolo di Dzeko, ultimamente lo vedo sempre lontano dalla porta, spesso a centrocampo a costruire l’azione, e se é in area non viene mai servito dignitosamente (i cross di Spinazzola finiscono in curva).

      Rispondi
  7. In risposta a Frankie – per spiegarmi meglio – penso che oggi nella Roma siano importanti entrambi i fattori: da una parte l’atteggiamento mentale con cui si approcciano le partite (che spesso è mancato soprattutto nelle gare considerate “facili”), dall’altra la scarsità di opzioni e alternative da schierare in campo, vuoi per i troppi infortuni vuoi per il rendimento deludente di alcune pedine che non hanno reso quanto si sperava. E’ evidente che bisogna intervenire sul mercato se ogni domenica ti si rompe un giocatore e se gli infortunati ci mettono mesi a rientrare. Certo che poi quando leggo dell’interessamento per Petagna non faccio salti di gioia.

    Condivido – e spero di sbagliami – il pensiero di Rugantino a proposito della Spal… come già scrivevo, temo che non sarà una partita facile e le due sconfitte dell’anno scorso lo testimoniano. Vero che era una Spal diversa e non ultima in classifica, però il pericolo è dietro l’angolo.

    Rispondi
  8. Salve a tutti,
    si tira un sospiro di sollievo per il fatto che il Napoli non si sia risollevato(ma davvero può continuare così all’infinito?), ma allo stesso tempo, pensando alla nostra ultima gara mi domando: cosa bisogna fare a Roma perché i giocatori non inizino a sentirsi appagati dopo 3 o 4 partite ben giocate? La mancanza di continuità è la nostra bestia nera, tanto che mi domando se una soluzione esista. Di Francesco era troppo morbido, Spalletti troppo vanitoso, Garcia aveva perso la fiducia dei giocatori…

    Forse esagero a vedere un cattivo presagio nella nostra ultima prestazione. Forse dovrei prendere in considerazione le tante scusanti che abbiamo; forse dovrei dirmi che una serata storta capita a tutte le squadre…Ma l’incapacità della Roma di tenere la spina costantemente attaccata temo sia un pericolo molto serio per Fonseca. Se non ne esce subito e in modo costante a partire da subito, pptrebbe dover scontare questo problema molto presto.

    Rispondi
  9. Lo stop dei ciucci va capitalizzato assolutamente.
    Prima o poi inizieranno a correre e dovremo guardarci alle spalle.
    Domani non vincere con l’ultima in classifica sarebbe un dramma ed avrebbe ripercussioni pesantissime…….non ci voglio nemmeno pensare.
    Qualunque 11 dovessimo schierare varrà più di quello spallino, quindi poche storie.

    Rispondi
  10. cmq nn vorrei gufare, ma la vedo complicata domani. mankerà pure giustino oltre a smalling (assenza pesantissima). e se penso alla prestazione di fazio, ad alcuni giocatori a terra fisicamente e cn jesus pronto a giocare, in automatico mi si rizzano già i peli…

    Rispondi
  11. Oh da quando Pace ha risolto il “problema proxy” togliendo la possibilità a Peter e compagni di spolliciare all’infinito, i commenti casualmente quasi tutti a 0.
    Bravo Daniele

    Rispondi
  12. Mi pare evidente che giovedì ci sia stato un problema di approccio, di concentrazione durante la gara. Ma sorprendentemente si parla di lacune tecniche, squadra costruita male ecc..
    Sono cambiati giocatori, allenatori, dirigenti e proprietari ma il problema è sempre lo stesso. Alcune partite vengono sottovalutate. Non so perché, ma di sicuro non si può parlare di squadra scarsa solo perché non si sa che altro dire..

    Rispondi
  13. dopo aver rivisto la partita devo dire che nn condivido diversi voti dati ai ns giocatori. in primis su florenzi, che a mio modestissimo avviso risulta, e nn di poco, il miglior terzino dx che abbiamo in rosa, certamente nn lo aiuta il fisico ma almeno tecnicamente e tatticamente sa fare il suo..i commenti dati sanno di pregiudizio e me ne dispiace, anche io in qsti anni ho contribuito perchè nn sono stato mai tenero con florenzi ma ora è chiaro l’accanimento ed il fatto che con Fonseca sia successo qlcosa di grosso.. Santon è incapace di giocare dopo il centrocampo e scarso in fase difensiva, mentre spinazzola pur riconoscendogli doti nella corsa e nella profondità a dx è inguardabile, a dire la verità è stato mediocre anche sulla fascia sx e ha già dimostrato di nn essere all’altezza di kolarov. dovremo, per il prossimo anno, comprare anche un terzino sx di livello (avevamo pellegrini) se volgiamo almeno mantenere questi livelli. Diawara 7?? scherziamo? dopo un buona prestazione quella con gli austriaci ad eccezione del filtrante per perotti è stata mediocre con la perdita anche di palle molto pericolose…si sta impegnando e mi sembra in crescita ma giovedì al max un 5,5 di incoraggiamento, in ogni caso deve crescere tanto per essere un’alternativa a centrocampo. Dzecko ha camminato tutta la partita ed in alcune scelte di gioco è stato piuttosto egoista e poco concreto, ma lui grazie a petrachi ha un alibi fino a fine stagione visto che nn ci sono alternative ed è costretto a fare gli straordinari. restano i miei dubbi sulle qualità di mancini come difensore centrale, soprattutto in assenza di un leader come smalling (per il quale la roma deve fare un sacrificio economico, ma deve farlo assolutamente, e pagare il manchester qnto chiedono xchè li vale tutti), ha difficoltà nella marcatura e nella gestione delle entrate risultando spesso troppo irruento e poco efficace negli anticipi. deve ancora crescere, lo preferivo al posto di diawara, ma visto chi abbiamo dietro abbiamo poche alternative. poi Under veramente avulso e indolente, capisco la scarsa forma fisica ma è ingiustificabile il suo atteggiamento. in ogni caso la responsabilità di nn aver fatto giocare uno solo tra miky e under (entrambi lontani da una condizione accettabile) è di fonseca, doveva giocare zaniolo poi solo dopo che la partita era in ghiaccio avrebbe potuto fare tutte le sostituzioni del caso. ora con i sorteggi da seconda fascia le possibilità di uscita dalla EL sono raddoppiate….e qsto spero serva da lezione a Fonseca.

    Rispondi
  14. Per gennaio-giugno mi piacerebbe fare le seguenti operazioni:
    i)cessioni: Florenzi per esigenze di cassa e ingaggio sfasato; Pastore vedi Florenzi e aggiungici fragilità fisica; Under nel caso si riscatti nella seconda parte di stagione o comunque dinofferte superiori a 40m; Jesus e Perotti magari; infine valuterei bene la situazione di Fazio

    ii)entrate: Smalling; vice Dzeko; Amrabdt in alternativa Nandes; sostituto di Under possibilmente italiano, Orsolini, Politano (è ultimo nelle gerarchie di Conte e potrebbe arrivare ad un prezzo di saldo) Berardi (giusto per fare un nome); Smaily (magari inserendo Sadiq o Celar che purtroppo ha trovato più difficoltà del previsto col Cittadella, anche se va detto che in alcune occasioni viene fatto giocare da esterno e che data la modalità del prestito secco, la squadra non ha particolare interesse nel processo di crescita); giovane di prospettiva da gradualmente inserire al posto di Perotti e Fazio a costi contenuti <10m

    Con l’innesto di Amrabdt all’occorrenza si potrebbe far tornare Cristante nella sua posizione originaria sulla 3/4. Smaily oltre ad esaudire un diretto desiderio del tecnico – malgrado difficilmente si riuscirebbe a rientrare del investimento – potrebbe seguire le orme di Kolarov e mostrarsi molto prezioso, senza contare che nello scacchiere tattico del portoghese i terzini rivestono un ruolo primario. Orsolini così come Pinanonti hanno un futuro roseo e sarebbe bello avere il reparto offensivo tinto col nostro tricolore. Queste operazioni comporterebbero un passivo, ma verosimilmente si riducerrebbe il monte ingaggi – voi che idee avete?

    Rispondi
    • Il mercato è legato alla cessione del club.
      Se ci fosse un cambio di proprietà il nuovo Presidente potrebbe richiedere un accordo all’UEFA per la ristrutturazione del debito evitando sanguinose cessioni (Zaniolo …).
      In questo scenario nessun obiettivo di mercato ci sarebbe precluso.
      Se invece rimanesse Pallotta allora si dovrà rientrare di parecchi ml entro giugno 150 (?) e questo comporterà al 100 % la cessione di Zaniolo, Florenzi, Under e forse Pellegrini, gli unici in rosa a poter garantire elevate plusvalenze.
      Sugli nomi che hai segnalato sono più per giugno che per gennaio.
      Amrabat non si può muovere a gennaio avendo già giocato per 2 club in questa stagione.
      A centrocampo preferisco lui a Nandez.
      I miei desiderata sono legati ad un mercato che punti più sui giovani e non sull’usato sicuro e costoso. Quelli riportati sono solo alcuni dei nomi che mi piacciono ma la lista è lunga.
      Terzino destro: Del Prato
      Terzino sinistro: Facundo Medina
      Difensore centrale: Kumbulla/Konatè
      Centrocampo: Frattesi + Amrabat/Koopmeiners/Tonali/Locatelli/Florentino
      Trequartista: Dani Olmo
      Ala: Antony
      Attacco: Kean + Scamacca

      Rispondi
      • Ciao Down, innanzitutto c’è da considerare che potremo anche permetterci di evitare il rientro del FPF. Francamente non conosco ne i terzini ne i difensori centrali – ad ogni modo sebbene in tema scenari ipotetici – c’è da considerare la variante relativa al vincolo degli extraue. Comunque secondo me non c’è necessita del 3/4 dato che anche ipotizzando una cessione di Pastore ed una non conferma di Mikhitarian, abbiamo già Pellegrini/Zaniolo/Cristante e volendo potremo anche usare la variante dell’abbassamento del 3/4 in favore delle mezz’ale col 433. Olmo comunque mi piace molto, anche per la sua versatilità, malgrado dopo Florenzi, inizio a trovarmi dubbio circa l’uso scellerato di questa predisposizione dato che ritengo che essa destabilizzi il giocatore. a mio avviso se dovessi sbilanciarmi su i tre ruoli più urgenti da coprire risponderei con i seguenti: vice Dzeko, vice/titolare di Kolarov, esterno sx/dx a seconda di come vedi Kluivert anche se considerando che a destra hai sia Zaniolo che Under ripiegherei sulla sx. Gli altri ruoli sono importanti indubbiamente, ma in secondo piano rispetto a quelli elencati sopra per mio modesto parere

  15. Cari amici Rugantino e Downunder ……
    ma veramente vi accontentate di Santander ??????? 😱
    No dai vi prego …..
    Scherzi a parte ,la questione vice Dzeko preoccupa anche me,considerando che Petrachi in fatto di attaccanti non è che sia molto illuminato : oltre a Kalinic è riuscito a riportare in Italia Zaza …… due scarpari …..
    Su Kean invece ci troviamo d’accordo:
    un emergente con voglia di riscatto e con delle buone potenzialità fisiche e tecniche.

    Rispondi
    • ..sì mi accontento, a me piacciono quei giocatori ke danno il fritto. cmq il mio è un ragionamento economico, nn credo ke la roma abbia kissà qli fondi.
      poi certo se arriva uno forte sò contento de +…

      Rispondi
  16. Male quasi tutti, tranne Mirante, Diawara ed il primo tempo di Perotti poi calato vistosamente.
    La delusione maggiore per quelle che erano le mie attese pre-gara è stato Mkhytarian.
    Poco propositivo, un po’ utile solo in fase di copertura ed ha perso palle sanguinose: da un suo errore è scaturito il pareggio.
    Serve disperatamente una punta.
    Anche ieri Dzeko è rimasto in campo solo perché chi fosse subentrato avrebbe fatto peggio, ma era da mandare sotto la doccia all’intervallo.

    Rispondi
    • se è vero ke stanno trattando gaich, nn compreranno nessuno. quindi punteranno (si spera) a un prestito anke oneroso o a qlke scambio. visto ke il bologna è interessato a kalinic, xcaratteristike vedrei bene santander, anke se poi ovviamente nn risolve il problema gol…

      Rispondi
      • In questo momento anche un Santander tornerebbe utile ma l’upgrade rispetto a Kalinic non ci sarebbe.
        In fondo il croato non l’abbiamo ancora testato e potrebbe risultare utile quando dovremo affrontare contemporaneamente 3 competizioni.
        Io piuttosto che ad uno scambio Kalinic Santander, sarei per tenere il croato e prendere una terza punta come Kean.
        Gaich è extracomunitario quindi non può arrivare a gennaio.

  17. Girone europeo assurdo: secondi dietro alla squadra che abbiamo battuto andata e ritorno col punteggio totale di 7 a 0 (!!!), credo non sia mai successo nella storia. Superata la squadra oggi prima in Bundesliga, nonostante lo scippo all’Olimpico, ma non abbiamo battuto in due partite una squadretta di boscaioli austriaci dopolavoristi. Con questo atteggiamento non conta il sorteggio, ci sbatterà fuori chiunque.

    E ci sono ancora tifosi che imputano tutto al FPF e/o allo stadio. Non nego che l’aspetto finanziario sia importante, ma non sono mai stato d’accordo con questa teoria. Se giochi così puoi averne anche due di stadi, ma non vai da nessuna parte, come dice bene Fonseca. Da anni ormai nell’ambiente Roma si continuano a cercare alibi esterni e quasi mai si pensa seriamente a raggiungere risultati sul campo, rafforzando la squadra anzichè indebolirla ad ogni stagione. Esempi come Atalanta, Cagliari e – purtroppo – Formellese di quest’anno, squadre costruite con un quarto dei soldi sperperati dalla Roma, dovrebbero far riflettere.

    Spero che Petrachi abbia due soldi da spendere BENE a gennaio, perchè quella che si è vista ieri sera è una Roma senza alcun obiettivo raggiungibile. E spero che domenica giochino con il giusto atteggiamento, perchè sarà la classica partita tranello con l’ultima in classifica, che però l’anno scorso ci prese 6 punti su 6. Avremo molte assenze e spero non diventi un alibi.

    Sul cambio societario non mi pronuncio, non conosco il texano e spero solo che non sia un Pallotta bis. Quello che da sempre mi lascia perplesso sullo stadio è che non sarà proprietà diretta del club AS Roma.

    Rispondi
    • Scusami ma ti contraddici, parlando prima di atteggiamento, giustamente, e poi imputando al mancato rinforzamento (!?) della squadra certo risultati..

      Rispondi
  18. mettiamola così: se a gennaio nn rinforzano l’attacco usciamo agli ottavi, anke xkè al sorteggio, bekkeremo al 90% una squadra forte…

    Rispondi
  19. secondo me i peggiori sono stati Florenzi Fazio Spinazzola e Under, tutti sul 4
    maluccio il resto tranne Mirante, Dzeko e Perotti, stanchi gli altri

    Bravo Fonseca nel dopo gara

    Rispondi

Lascia un commento