Le pagelle di Roma-Sassuolo: Pellegrini migliore in campo per distacco


Dopo due pareggi ottenuti nelle prime due giornate di campionato, la Roma non poteva proprio fallire l’appuntamento in campionato contro il Sassuolo. Ottima la prova prova fornita dai ragazzi di Fonseca, con tutti gli effettivi scesi in campo al di sopra della sufficienza e con qualche picco che è giusto evidenziare. Impossibile non pensare al grande ex dell’incontro, vale a dire Pellegrini, che nel corso del primo tempo si è reso protagonista di ben tre assist.

I migliori di Roma-Sassuolo

Roma-Sassuolo, tuttavia, è stato tanto altro, al netto di un calo nel finale per certi versi inevitabile dopo aver spinto tanto nel corso del primo tempo. Proviamo in caso ad analizzare le singole prestazioni, anche per capire dove la squadra giallorossa può migliorare in vista dei prossimi impegni in gare ufficiale:

Pau Lopez 6: difficile trovare note positive o negative nella sua partita. Incolpevole sui due gol di Berardi, per il resto solo ordinaria amministrazione;

Florenzi 7: parte alla grande, come tutta la squadra, per poi calare alla distanza. Qualche colpa ce l’ha anche lui sul secondo gol subito;

Mancini 6,5: deve acquisire sicurezza in un sistema completamente diverso rispetto a quello di Gasperini, ma ieri nettamente meglio;

Fazio 7: guida la difesa con grande autorità. Avrebbe preso almeno mezzo voto in più, non fosse stata per la piccola esitazione sul 4-2;

Kolorav 7,5: nettamente tra i più in forma della squadra. Spinge con costanza e non soffre mai nella fase di non possesso;

Veretout 7,5: con lui la musica è cambiata nettamente. La squadra è più equilibrata e con ogni probabilità diventerà un insostituibile;

LEGGI ANCHE  La Roma è ancora fortemente interessata a Chalobah per gennaio

Cristante 6,5: ha il merito di sbloccare la partita e non è cosa da poco. Da lui, però, ci si aspetta sempre qualcosina di più;

Kluivert 7: finalmente bello pimpante, nonostante continui ad avere profondi break nel corso della partita. Stavolta, però, riesce a limitarli;

Pellegrini 8: disegna calcio nel corso del primo ed anche nella ripresa, quando la squadra cala, continua a macinare gioco. Miglior partita con la maglia della Roma;

Mkhitaryan 7: importante bagnare l’esordio con un gol. Non è al meglio e si vede, ma fa percepire tutto il proprio talento;

Dzeko 7,5: altro voto molto alto per il bosniaco. Si è calato perfettamente nella parte e dopo le bizze estive pare essere un giocatore rinato.


40 commenti su “Le pagelle di Roma-Sassuolo: Pellegrini migliore in campo per distacco”

  1. ROMA CHE LOTTA , SUDA, SI SACRIFICA E CHE SA ESSERE UMILE!!

    Mi piace questa squadra!!

    oggi la roma doveva combattere contro anche contro l’arbitro che si è dimostrato in malafede, perche NON PUOI dare quel rigore, NON LO PUOI DARE, tanto piu che sei nell’era del VAR.

    Anche l’espulsione inventata: mancini ha un chiaro gesto di corsa in avanti con l’avversario che gli sbatte sul braccio in maniera volontaria ( sul collo e poi coprendosi la testa per dire ).

    ROBA DA MATTI.

    FOnseca mi piace, la roma di fonseca mi piace tantissimo!!!!

    Rispondi
  2. Al 93 esimo le orecchie di quei sei pezzi di merda che hanno arbitrato hanno fischiato di brutto…. Grande Roma… Fazio e Kolarov i migliori..

    Rispondi
  3. Quello che Salvo di oggi è la vittoria strappata con denti nonostante due decisioni a mio avviso scandalosa un rigore che oggettivamente non c’era e che perlomeno doveva essere valutato alla Var e l’espulsione di Mancini a mio avviso ingiustificabile.
    Ottima parata di pau Lopez e grande kolarov poi il resto mn ha raggiunto la sufficienza

    Rispondi
  4. Lo scorso anno Bologna-Roma ha rappresentato uno dei punti più bassi del mio romanismo, mi ero sentito proprio distaccato. Poi a staccarmi del tutto non ce l’avevo mai fatta. Oggi il mio romanismo ha riguadagnato qualche tacca!! Vedere unione di intenti da parte di tutti fomenta anche i tifosi. Oggi è stata una bella giornata. Detto questo testa bassa e pedalare. C’è ancora parecchio da fare.

    Rispondi
  5. Un arbitraggio indegno contro di noi, rigore inesistente per loro, trattenuta su fazio, fallo di mano non ravvisati, doppio giallo di Mancini inesistente…. bene, si vede che cominciano a cagarsi sotto…
    Grandissima vittoria. Grandissimo Veretout!!!!

    Rispondi
  6. Inseriti nel girone della morte con Sudafrica e Nuova Zelanda nella Coppa del Mondo di Rugby.
    Ci toccherà battere il Sudafrica con buona pace di Julia 😂

    Rispondi
  7. Ciao a tutti
    ieri sera a fine primo tempo mi aspettavo qualche cambio invece Fonseca ha tenuto in campo gli stessi e si è visto un netto miglioramento della prestazione,
    quindi si può dire che il mister ha saputo prendere i giusti accorgimenti e che i giocatori hanno saputo metterli in atto.
    Diversi elementi della nostra squadra hanno molto potenziale da poter esprimere e il gioco di Fonseca può valorizzare le qualità di molti giocatori.

    Rispondi
  8. La partita di Bologna (dove l’anno scorso perdemmo giocando una gara indegna e dando il via alle polemiche su squadra e allenatore) secondo me sarà fondamentale per le ambizioni di questo torneo.
    Se vinciamo possiamo lanciarci verso un campionato di soddisfazioni, in caso contrario continueremo ad essere la Roma altalenante che gioca bene un paio di partite e poi rientra nell’anonimato.
    Affrontiamo un Bologna carico e molto motivato, anche per i recenti fatti che riguardano il loro allenatore.
    Se fossi Fonseca metterei in campo una squadra prudente e coperta, ma pronta a colpire in contropiede con quei giocatori abili a fare questo gioco e che abbiamo in rosa. Anche una vittoria sporca per 1-0, senza grande gioco, in casi come questo può essere un segnale di maturazione e di adattamento alle circostanze.

    Rispondi
  9. Primo tempo giocato male dalla roma, reparti lunghi, poca dinamicità e pressing portato in modo disordinato. Spinazzola nn mi è piaciuto sulla destra, si vede nn è il suo ruolo. Diawara inadatto, poca copertura e poca personalità infine PaoLopez fin’ora nn ha dimostrato di valere neanche 20 mln, speriamo recuperi. Per il resto grande Zaniolo veramente il Bale della capitale. Un 400ista con sostanza e qualità. Pastore buon secondo tempo, ma a ritmi molto bassi. Kluivert sta crescendo ed integrando nel nuovo modulo. Cristante molta sostanza. Insomma la roma dimostra un percorso di crescita costante e qst fa ben sperare, lo stesso Fonseca sembra aver adottato un modulo un poco più accorto con Kolarov più stabile sulla linea difensiva…la maglia però nn mi piace poi il colletto nn l’ho mai amato, giusto personale ovviamente.

    Rispondi
  10. Una piccola considerazione su Pastore: ieri non mi ha entusiasmato come leggo in giro ma: ha iniziato la partita fischiato e beccato dal pubblico sbagliando molte giocate, ha finito in crescendo con qualche buono spunto ed è uscito tra gli applausi. Mi ha ricordato l’atteggiamento di dzeko che spesso si fa condizionare da ciò che lo circonda e, come dzeko, dopo un primo anno deludente potrebbe gradualmente “sbloccarsi” (infortuni permettendo)…. e se si sblocca ragazzi, giocatori come Pastore in Italia ce ne sono veramente pochissimi.

    Rispondi
  11. Abbiamo un po giochicchiato il primo tempo, secondo tempo però di tutt’altra pasta con zaniolo sugli scudi, qualche bella giocata di pastore, qualche buon strappo di kluivert. Rimandato diawara, ancora troppo timido. Sufficienti tutti gli altri.
    Pellegrini è al momento il nostro top player, e non deve essere spostato da quella posizione di trequartista centrale. La prima maglia da assegnare è la sua, in quella posizione li.

    Rispondi
    • Concordo. L’atteggiamento nel primo tempo non mi è piaciuto, per fortuna nel secondo tempo hanno iniziato a giocare con impegno. Zaniolo è di un’altra categoria bene pellegrini e kluivert. Fondamentale non aver preso gol

      Rispondi
  12. @@@ per DDRMAAMNCHENO.

    Se non riesci ad entrare nel sito, manda
    una mail a Gorzio.

    Lui ti manderà una nuova PW.

    Avevo il tuo stesso problema, l’ho risolto
    così.

    Prova.

    Un 👋 saluto.

    FRS.

    Rispondi
  13. Ciao ragazzi, come va?
    Continuo a leggervi e poichè sono stato evocato: eccomi!
    Ho iniziato a non scrivere più un po’ per le difficoltà di accesso al sito, un po’ per la mancanza di tempo ed un po’ perchè, in profondo disaccordo rispetto alle opinioni dei più, avevo poca voglia di diatribe.
    Sintetizzo quindi i miei punti di vista rispetto alle recenti vicende romaniste, così da sipegarmi meglio.

    – Totti è stato un campione formidabile in campo, una gioia per gli occhi e per il cuore negli ultimi miei vent’anni di militanza romanista, ma i suoi comportamenti, da capitano più attento al proprio tornaconto che al bene della squadra prima, nonché da contro-conferenziere, da ultimo ospite dell’amico Malagò in casa CONI, mi hanno profondamente contrariato. Che un campione in campo possa essere anche un grande direttore tecnico o sportivo è tutto da vedere. Personalmente reputo che chi necessita dell’assistenza di un Condò per sapere cosa può o non può dire in una conferenza stampa non dimostra di avere i requisiti richiesti.

    РDerossi ̬ da sempre un mio pallino, nel bene e nel male, come dinostra il mio ormai antico nickname.
    L’ho sempre apprezzato per la sua intelligenza e schietezza, mentre ne ho spesso criticato lo scarso dinamismo che lo ha portato troppo presto a rinunciare al suo ruolo naturale, la mezzala, per ripiegare al centro dove si corre meno.
    Quando, iscrivendomi ad F-R, scelsi il nick, era all’epoca in cui dall’inghilterra offrivano 30 mln di euro per il cartellino giocatore, ormai ventinovenne ed il più pagato della serie A. Era l’epoca in cui Zeman voleva portare Verratti a Roma (sappiamo ora che, fosse andato via ddr, Verrattì sarebbe arrivato da noi per circa 6 mln e non al PSG x qualche milione in più). Il calcio di ZZ era inadatto al modo di giocare di Derossi ed in quel momento stavamo rifondando . Da qui “derossimaancheno”. Ora sappiamo anche che ddr, ancora l’anno scorso, quando già andava per le 34 primavere, se la prese perché la società acquistò un competitor (Nazonzi) nel suo ruolo.
    Ad oggi molti ne piangono ancora l’addio, senza considerare, al di là delle 35 primavere suonate, che centrocampisti lenti come lui e Nzonzi sono totalmente inadatti al gioco di Fonseca. Io personalmente gli auguro le migliori fortune al Boca (nel calcio argentino può ancora dire la sua), ma continuo a pensare che la sua permanenza nella Roma di Fonseca non avesse senso, e che avessimo bisogno di normalità, di ripartire con giocatori (romani o no non importa) tutti sullo stesso piano, senza prime donne, capi popolo e senatori in grado di condizionare le scelte societarie.

    – Venendo al mercato, caro Downunder, anche a me è mancato non confrontarmi con gli amici del sito e con te in particolare. Ho letto le tue critiche all’operato di Petrachi e non le condivido. Devo però ammettere che con Monchi ci avevi visto giusto prima di tanti altri, per cui ci sta che tu abbia ragione ed io torto.
    Per me il mecato di Petrachi, ok magari non geniale o spumeggiante, è stato un salutare bagno di buon senso.
    Sono stati acquistati tutti giocatori under 26, la maggor parte italiani, comunque già rodati nel nostro campionato e quasi tutti stabilmente nel giro delle rispettive nazionali. Tutti adatti al gioco di Fonseca, con contratti lunghi, margini di crescita e stipendi compatibili con le nostre possbilità di spesa. A questi sono stati aggiunti elementi di classe ed esperienza in ruoli cruciali, ma per evitare gli errori commessi in passato – vedi Nzonzi o Pastore – ci si è limitati ad un prestito non vincolante. Buon senso, appunto.

    РConcludo con un pensiero sulla Roma vista da utlimo. Fonseca mi ̬ sempre piaciuto. Lo Shaktar visto in europa negli ultimi anni giocava benissimo, un calcio propositivo, diverntente ma anche efficace.
    Molti avrebbero voluto Gonde e probabilmente, avessimo avuto i soldi per per il suo stipendio (11 mln netti!) e per assecondarlo sulla campagna acquisti, sarebbe arrivato.
    Forse l’Inda vincerà lo scudetto e forse, se Smalling non sistemerà le lacune difensive, ad oggi sopratutto frutto di errori individuali dei centrali, dobbiamo attenderci un’annata stile Zemanlandia, con goleade fatte ma anche subite.
    Forse o forse no, quello che però so di sicuro è che l’Inda di Gonde gioca da far schifo e che ieri con lo Slavia Praga c’è stata l’ennesima dimostrazione dei limiti di quel calcio senza idee e senza fantasia, mentre il calcio di Fonseca, oltre ad essere divertente, produce occasioni da gol a ciclo continuo.

    w il bel calcio ed abbasso i neo-catenacciari!!

    Rinnovo i saluti a tutti gli amici del sito e………… Sempre Forza Roma

    Rispondi
  14. Come già la Rubbentus, anche l’Inda non appena mette piede fuori dal campionato si accorge che è tutta un’altra storia. I vecchi e nuovi favoritismi arbitrali e ambientali, al limite dell’imbarazzante, in Europa non li trovano e così balbettano anche contro squadre sulla carta di caratura inferiore.

    La mia griglia vede (purtroppo) favorita la strisciata e insopportabile squadra di Gonde, con Rubbe e Napoli a contendersi il secondo e il terzo posto.

    Per il quarto posto possiamo competere con Atalanta e Milan (Formello credo e spero si perda per strada, come sempre): la prima è sempre una signora squadra, la seconda si è già capito a Verona di quanti e quali aiutini godrà da qui a fine torneo.
    Dobbiamo essere più forti di loro e anche del sistema, arrivare quarta per la Roma quest’anno sarebbe una grande vittoria, un “quasi scudetto”, una base da cui ripartire per costruire un team che l’anno successivo potrebbe anche competere ai massimi livelli, a condizione che non si sfaldi ancora la squadra, che l’allenatore e il Ds rimangano e che la società finalmente impari a costruire e a programmare.

    Rispondi
  15. Tutta da ridere l’intervista post gara di Sky ad Ancelotti. In studio a sviolinare senza ritegno, interviene condo’: “è la quarta volta che tu Carlo batti i campioni in carica, bla bla bla questo significa che riesci a coglierne i punti deboli con lo studio la tattica blablabla”
    Ancelotti: “a dire la verità di quello che avevamo preparato non è riuscito nulla (ride), la palla lunga dietro la difesa centralmente dalla lunga distanza, dalla media distanza dietro i terzini, non ci è riuscito. Alla fine abbiamo tenuto duro non abbiamo subito gol e callejon prende il rigore”. (Il tutto riassunto)
    Non contenta la D’Amico che sviolina ancora un po non contenta :”la duttilità dei grandi allenatori”. Ahahahahahahah

    Fine

    Rispondi
  16. @@@ Pau Lopez qualche responsabilità sul gol di Berardi ce l’ha.

    Riguardate le immagini, e vedete come piazza la barriera.

    Quasi tutti erano convinti che avremmo preso il gol.

    Sul secondo, meglio stendere un velo pietoso.

    In Italia, la squadra comincia dalla difesa.
    Certo deve essere supportata, ma se vuoi ambire a qualcosa, non puoi prendere gol così.

    Idem per la terza rete del Genoa.

    FRS

    Rispondi
    • @@@ scrive sempre meno gente.

      Oramai dopo anni tutto quello che si poteva dire, lo si è detto.
      Affiora stanchezza,
      I vecchi utenti credo abbiano un po mollato.

      Peccato c’erano utenti con cui si discuteva bene.
      Non li sento più da tanto tempo.

      C’era anche l’ironia (che non guasta mai)
      nei momenti più critici.

      Mando un saluto a tutti loro.

      @@ un abbraccio speciale a Sam di Genova.
      E’ dura ma spero che si sia ripreso.

      La vita va avanti, anche se ricordo e dolore
      rimangono. 👋

      Rispondi
    • non concordo: sul tiro di berardi, la palla passa esattamente sopra il tuo giocatore piu alto, cioè fazio, ma il tiro finisce quasi all’incrocio dei pali. Imparabile per chiunque.

      Il secondo goal, che invito a rivedere, berardi tira da un metro e mezzo all’angolo alla sx del portiere che rimane spiazzato ovviamente. In tal modo l’errore è della difesa, non del portiere.

      Rispondi
      • @@@ sul secondo gol, ovviamente parlavo della difesa.

        Sul primo resto dell’idea che la barriera è stata piazzata male.

        Questione di punti di vista.

Lascia un commento