Roma: Sensi “Gli attacchi mediatici ci impediscono di fare mercato “


Rossella sensi allo stadio

Rossella Sensi, a seguito dell’indiscrezione relative alla citazione in giudizio da Parte di Unicredit che vorrebbe ripianato il debito di oltre 300 milioni di euro, difende con le unghie i suoi asset, la gestione degli stessi e sopratutto la sua famiglia.

"Questi continui attacchi ci indeboliscono, Italpetroli è pronta a ogni azione legale che si rendesse opportuna. I nostri legali valuteranno tutti i danni e come chiederli. Sono mesi che si parla di decreti ingiuntivi prima che si pronunci il tribunale e per ora già la metà sono stati rigettatti"

La Sensi poi si sofferma anche sulla situazione della as Roma:

"Questi attacchi creano problemi anche nel trattare i giocatori. […]  Ditemi quale giocatore firmerebbe se la Roma viene presentata in questo modo? Ci vogliono indebolire…" 

e continua sul mancato rafforzamento della squadra nel mercato estivo:

"Non ho mai promesso  Ibrahimovic, Messi, Eto’o e Benzema perchè poi capirei il bla bla bla… ma qualcosa avrei voluto fare secondo le mie disponibilità che non sono enormi.
Non è stato possibile! Non mi voglio però rovinare anche la sessione di gennaio, nella quale punto a rafforzare la rosa.
Certe falsità che vengono messe in giro ostacolano i miei progetti."


"La Roma è nostra, della mia famiglia, della città e dei tifosi. Nessuno si è mai presentato con un’offerta per chiedercela."

" Un imprenditore che ama la Roma non ha bisogno di vederla svillita per fare investimenti. Chi la vuole comprare deve parlare con le persone deputate a poter vendere"

Conclude poi con una richiesta di rispetto:

"Siamo persone perbene e intendiamo onorare il nostro debito. Chiedo giustizia e rispetto nei miei confronti, verso la mia famiglia e verso tutto il gruppo che è formato da centinai di persone che lavorano e si impegnano e che si sono decisamente agitate leggendo queste notizie."


6 commenti su “Roma: Sensi “Gli attacchi mediatici ci impediscono di fare mercato “”

  1. Questa fa sol ciacchiere, e inizia a trovare la scusa per muovere una causa, il mercato si fa con i soldi cash che non ha !!! non con le rate di debito che non ha pagato !

    Rispondi
  2. in tutto questo, Rosella dimentica che ha due piccole rate da 150 milioni di euro in arretrato…
    con che coraggio parla
    certo non mi aspetto che dichiari che senza la Roma non ha più lo stipendietto da unmilionecentomilaeuro all’anno, però , suvvia, un po’di dignità!

    Rispondi
  3. scuse sempre scuse solo scuse!mai una volta che ti assumi le colpe.Chi vendi a gennaio?ancora 2 anni poi i giocatori vendibili finiscono e ti rimane da vendere il villone……….VATTENE!!

    Rispondi

Lascia un commento